un solo commento: una scrive per Focus , l’altra per Il fatto…… detto tutto !

“Il vaccino serve ad altro”. La giornalista di Focus zittisce la Lucarelli così

12 Marzo 2021 – 08:55

È scontro sul vaccino ai giornalisti: la Lucarelli accende il dibattito con argomentazioni pretestuose ma Margherita Fronte la smentisceFrancesca Galici17

"Il vaccino serve ad altro". La giornalista di Focus zittisce la Lucarelli così

Il mondo dei social, soprattutto quello di Twitter, è stato ieri investito da un’accesissima polemica che ha visto protagonista Selvaggia Lucarelli, giornalista del Fatto Quotidiano, e Margherita Fronte, firma di Focus. Tutto nasce dalla campagna a sostegno dell’ingresso dei giornalisti tra le categorie prioritarie per la ricezione del vaccino, in virtù del loro lavoro di informazione che, si presume, si svolga sul campo. Selvaggia Lucarelli si è detta fermamente favorevole a questa proposta, al contrario di molti altri giornalisti che, invece, ritengono di non avere motivi per godere di una priorità a discapito di altri lavoratori più esposti. Tra questi giornalisti si è schierata anche Margherita Fronte.I vaccini entrano in fabbrica: obiettivo 400mila lavoratori

“Non chiedo il vaccino, però questa cosa che i giornalisti siano nella lista delle categorie non utili a detta degli stessi giornalisti mi dispiace. In questo anno di paura, siamo stati noi a raccontare alla gente cosa succedeva, a denunciare, siamo stati non utili. Necessari”, ha scritto Selvaggia Lucarelli. La firma de Il Fatto Quotidiano ha calcato la mano parlando di “categorie non utili”, ma in molti, soprattutto colleghi, le hanno fatto notare che si tratta, piuttosto, di categorie prioritarie e non prioritarie. Tra questi anche Luca Sofri, direttore de Il Post. Tra chi ha voluto mettere l’accento su questo punto anche Margherita Fronte, che su Focus si occupa di informazione scientifica e che nell’ultimo anno ha trattato con frequenza argomenti inerenti il coronavirus.

“È una richiesta inappropriata, tranne che per chi fa cronaca dai reparti di intensiva. Le badanti dovrebbero venire prima di noi. Anche chi guida i mezzi pubblici, i cassieri, i tassisti e tanti altri. Il vaccino non è la medaglietta per il lavoro svolto. Serve ad altro”, ha scritto la Fronte, elencando una serie di lavoratori che, per tipologia di attività, hanno più possibilità di entrare a contatto con il virus. Escludendo, infatti, i giornalisti che operano in prima linea nei reparti ospedalieri e in tutti quei luoghi in cui esiste un’elevata possibilità di contagio, gli altri non hanno più possibilità di entrare in contatto con il coronavirus rispetto ad altre categorie di lavoratori. L’obiezione della Fronte, però, non è piaciuta a Selvaggia Lucarelli e da qui è nato un lungo botta e risposta tra le due, che ha visto la giornalista di Focus uscire vincente dal confronto, non fosse altro per il numero di like ricevuti dalle sue risposte rispetto a quelle della giornalista de Il Fatto Quotidiano.

“Se lei, giornalista, ha capito ‘medaglietta’ anziché ‘lavoro necessario’ hanno ragione ad avere una considerazione così scarsa della nostra categoria”, ha replicato stizzita la Lucarelli. Veloce la risposta della Fronte: “Tanti lavori sono necessari quanto il nostro. La nostra abitudine a sopravvalutarci è stucchevole”. Sempre più nervosa, la giornalista del Fatto Quotidiano è caduta in una gaffe, insinuando che la sua collega di Focus non abbia mai scritto di coronavirus nell’ultimo anno e che, visto che Focus è un mensile, l’impegno della Fronte sarebbe meno importante del suo.

“Non trovo neppure un suo articolo sul tema e focus è un mensile. Fa bene a non sopravvalutare il suo lavoro”, ha scritto Selvaggia Lucarelli, ma di articoli relativi al coronavirus di Margherita Fronte ce ne sono diversi, facilmente rintracciabili con una rapida ricerca su Google. La giornalista di Focus ha provato a replicare ma la collega de Il Fatto, forse per orgoglio, non ha arretrato di un passo: “Ho cercato. Zero. Scriva tutti i giorni su un quotidiano, poi ne riparliamo”. La polemica si chiude con la risposta di Margherita Fronte, che le ha fatto guadagnare una standing ovation social: “Capisco di cosa parla. Ho collaborato per 19 anni con il Corriere della Sera“. La maggior parte degli interventi sono stati a favore di Margherita Fronte ma, soprattutto, contro quella sensazione di presunta superiorità che emerge dalle parole di Selvaggia Lucarelli, che l’ha portata a ricevere molti commenti indignati, più che per la sua presa di posizione, per le modalità di esposizione.

SI CREDONO INTELLIGENTI, SAPIENTI ED INDISPENSABILI….. LO SONO SOLO PER CHI LI PAGA CHE E’ A SUA VOLTA PAGATO PER LOSCHE MIRE :

UNA CATEGORIA SPUTTANATA PROPRIO DA GENTE COSI’ !

COMUNQUE CREDERSI PIU’ MERITEVOLI DI ALTRI PER FARSI IL VACCINO E’ …… FASSISTA !!

sono i beobuonisti il vero virus del paese :

 un ragazzo di colore sale sulla fontana di piazza della Repubblica a Roma, si butta a bagno, schizza l’acqua addosso agli agenti, li aggredisce. Il tutto mentre è nudo come mamma l’ha fatto e nel mezzo della tempesta di neve dell’Immacolata. Era in stato di agitazione, forse obnubilato da chissà cosa. Ma certo ha una resistenza al gelo invidiabile

– dopo aver visto questo video, ripetiamo, in cui questo esagitato nudo schizza acqua contro gli agenti, sale su una fontana storica, ci fa il bagno dentro e se ne infischia delle richieste degli agenti di scendere, Repubblica ha scelto di scrivere un pezzo sulla vicenda. E sapete come l’hanno titolato? Così: “Polizia violenta su un uomo di colore: manganellate per il bagno nella fontanta”. “Violenta”, capito? Tipo in Usa con Jorge Floyd. Quando lo hanno solo colpito per farlo cadere e poi immobilizzarlo, come logica richiede (sennò il manganello a che serve, per sport?). Poi per fortuna Rep ha cambiato il titolo. Si sono accorti, forse, di aver pestato una cacca.

IL GIORNALE

LI IMPORTANO A VAGONATE SENZA AVERE NESSUNA SOLUZIONE PER SISTEMARLI E FARLI LAVORARE , I DISGRAZIATI SPACCIANO E DELINQUONO MENTRE LE FORZE DELL’ORDINE CON UNO STIPENDIO RIDICOLMENTE BASSO SONO QUOTIDIANAMENTE OGGETTO DI SCHERNO, SBERLEFFI E SPESSO AGGREDITI SENZA POTER REAGIRE MA…

I BEOTI DI TURNO LI INSULTANO PURE !!

ALLA FINE APPARE CHE……

MORTI E RICOVERI COVID SOPRATTUTTO TRA VACCINATI ,

VACCINI ORMAI INEFFICACI ,

OMICRON NON PIU’ RILEVABILE,

LA BANDA DI PSEUDOESPERTI DEFECA MINKIATE DA MANE A SERA ,

SUPERIPERGREENPASS SOLO PER ITALICI, I CLANDESTINI ESENTI PER DIRITTO DIVINO ,

POLITICI INTENTI ESCLUSIVAMENTE A TIRARE A SETTEMBRE 2022 PER LA PENSIONE…….

TERMINA UN ANNO DI MERDA MA IL PROSSIMO SARA’ MOLTO PEGGIO !!

pusillanimi e malati di mente :

Unione europea blasfema, la Madonna diventa un trans: a un passo dalla bestemmia, ecco l’ultima follia

L’attivista Riccardo Simonetti, ambasciatore speciale Ue per i diritti Lgbt, si è fatto ritrarre nei panni della Vergine Maria in versione trans. Nel numero di dicembre del mensile queer berlinese “Siegessäule”, il blogger Riccardo Simonetti, tedesco di origini italiane ambasciatore speciale per il mondo Lgbt+ della Ue, è apparso in copertina nei panni di Maria e con un bambino in grembo. Sullo sfondo celeste, una luminosa stella cometa.

Il Natale è salvo, l’Europa ci ripensa. Cari compagni tristi, buone feste anche a voi

In un’altra fotografia, l’attivista per i diritti arcobaleno viene ritratto nella rappresentazione di una Sacra Famiglia gay friendly, con un san Giuseppe dalla carnagione scura avvolto in una veste rosa. Le immagini sono state rilanciate sui social anche dallo stesso Simonetti. In un post su Instagram, l’influencer ha commentato: «Se ignoriamo il fatto che Gesù non era bianco, potremmo credere che la Vergine Maria avesse la barba. Perché no?».

La provocazione dell’ambasciatore speciale Ue è arrivata proprio nei giorni in cui si parla tanto della presa di posizione dell’Europa sul Natale: all’improvviso augurare “buon Natale” non è più visto di buon occhio, ma per fortuna questa follia è durata pochissimo. Tra l’altro anche Papa Bergoglio, tornando dalla Grecia, nella sua consueta conferenza stampa sull’aereo ha denunciato l’ideologia che domina Bruxelles e il suo impero: non a caso è partito proprio dalla questione dell’invito della Commissione dei 27 a non augurare più “buon Natale”. 

CEREBROLESI CHE SBEFFEGGIANO CHI NON REAGISCE SENZA CAPIRE , NON NE SONO IN GRADO, CHE E’ L’ISLAM CHE GETTA DAI TETTI I GAY E TUTTI I MUTANTI ….

PROVATE A SFOTTERE QUELLI !!!!!|

questi non rappresentano nessuno !!!

Prima della Scala, ovazione per Mattarella: “Bis, bis”. Quirinale, l’alta borghesia milanese si schiera

07 dicembre 2021

  • a
  • a
  • a

Qui Milano, dove va in scena la prima della Scala dopo un anno senza pubblico. Col Macbeth di Goiseèèe Verdi diretto da Riccardo Cahilly, prove tecniche di ritorno alla normalità. E come ogni Prima della Scala, ecco che tra il pubblico, in posizione d’onore, c’è anche Sergio Mattarella, il Capo dello stato, prima carica istituzionale in Italia.

E alla Scala, oggi, non c’era solo l’opera. Ma anche la politica. Già, perché prima che iniziasse il Macbeth, prima che si aprisse il sipario, l’attenzione è stata proprio tutta per Mattarella, il presidente della Repubblica che a febbraio – forse – lascerà il Quirinale.

Il punto è che all’arrivo, Mattarella è stato accolto da una lunghissima e calorosa standing-ovation: quattro minuti di applaudi. Ma non solo: dal pubblico si levavano le urla “bis, bis”. Insomma, gran parte della platea chiedeva al presidente di confermare il suo impegno al Colle, quel bis fatto soltanto da Giorgio Napolitano e al quale lo stesso Mattarella ha chiuso la porta in molteplici occasioni. Eppure, in molti non ci vogliono sentire.

L’alta borghesia di Milano, insomma, sembra gradire l’ipotesi di un bis di Mattarella, magari anche soltanto a tempo, giusto per “non toccare” Mario Draghi da Palazzo Chigi. Come è noto, il premier è il principale per la successione, ammesso che la spunti e soprattutto ammesso che Mattarella non indulga al bis. Circostanza, quest’ultima, piuttosto improbabile: il Capo dello Stato, sul punto, non ha lasciato margini ad ambiguità. Ma la politica, è cosa nota, è il regno del possibile e anche dell’impossibile…

IL PRESIDENTE DELL’INVASIONE INCONTROLLATA, DEI MANEGGIONI DEL COVID , DELLA GIUSTIZIA PUTREFATTA , DELL’OCCUPAZIONE SINISTRA DELLA RAI E DEI POSTI CHE CONTANO …. MERITAVA PROPRIO L’APPLAUSO DELL'”ALTA BORGHESIA” ALIAS DEL NULLA !

l’ignoranza è peggio del covid !!!

“Gesù figlio di profughi“, “Tristezza…”. Ed è bufera su Saviano

7 Dicembre 2021 – 18:40

Roberto Saviano, per difendere la “Natività trans” dell’ambasciatore Simonetti, attacca in modo strumentale Matteo Salvini e Giorgia MeloniFrancesco Boezi

IL POVERETTO CHE DEFECA SEMPRE STRONZATE NON SA CHE MARIA E GIUSEPPE ERANO IN VIAGGIO PER IL CENSIMENTO NON IN QUANTO PROFUGHI !!!!

LO SANNO ANCHE LE CAPRE !!!

INOLTRE SBEFFEGGIARE IL CRISTIANESIMO E’ TIPICO DEI POVERI CITRULLI CEREBROLESI….. FATELO CON MAOMETTO SE AVETE LE PALLE !!!

quando la legge non e’ uguale per tutti significa che lo stato e’ di……

MIGLIAIA I MULTATI SENZA GREENPASS: DECINE ANZIANI CACCIATI DAI BUS, CLANDESTINI NO – VIDEO

VOX1 COMMENTOBREAKING NEWSMOLISE

ANZIANI CACCIATI DAI BUS DA GANG DI POLIZIOTTI COME SE FOSSERO CLANDESTINI – VIDEO CHOC

VOXLASCIA UN COMMENTOBREAKING NEWSCRIMINI IMMIGRATIMILANO

IMMIGRATO FA A PEZZI ANZIANO CON LA MOTOSEGA A MILANO: L’AVEVA DENUNCIATO PER STALKING

dacci oggi le nostre stronzate quotidiane:

I SONDAGGI DI MENTANA DANNO , MORE SOLITO I DEM IN FORTE ASCESA…

. non posso credere che il popolo italico sia cosi’ scemo !

IL PAPA DICHIARA CHE “I PECCATI DELLA CARNE NON SONO GRAVI”

moralmente assolti stupratori e maniaci

SALVINI LITIGA ANCORA COL BERLUSCA

il poveretto devastato da marasmi mentali non ce la fa a capire che lui ormai conta un beato e che se non stanno assieme lasciano la porta aperta ai sinistrati mentali

QUARTA ONDATA DI COVID, NO, FORSE STA SCEMANDO, PERO’ PUO’ DARSI CHE SI’, CHE NO, FORSE……

avete scassato la wallera !!!!

UNA PALPATINA DI CULO SUI GIORNALI DA GIORNI: MORTI AMMAZZATI ….

tutti zitti !! siete delle caccole puzzolenti .

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑