impossibile distinguere la faccia dal……

Mezz’ora in più, Romano Prodi critica il centrodestra: “I loro candidati sindaci? Sembra che vogliano perdere”

Sullo stesso argomento:

19 settembre 2021a

“Vedo ogni giorno crescenti divaricazioni nella Lega”: Romano Prodi, ospite di Lucia Annunziata Mezz’ora in più su Rai 3, ha detto la sua sulle scelte del centrodestra in vista delle amministrative del 3 e 4 ottobre. L’ex premier ci è andato giù pesante e ha detto: “Le divaricazioni hanno reso difficile proporre delle candidature in qualche modo concorrenziali al Pd nelle prossime elezioni, sembra quasi che vogliano perdere”.

e dove mettiamo i “regalini” a politici ed “esperti” ?

Il profitto da record delle Big Pharma e il vero business dei vaccini

Federico Giuliani
19 SETTEMBRE 2021

La pandemia di Covid-19 non è soltanto un tema sanitario. La gestione dell’emergenza coronavirus non implica esclusivamente l’attuazione di misure restrittive, l’utilizzo da parte delle autorità del contact tracing per arginare la diffusione dei contagi o il rafforzamento delle strutture ospedaliere. Accanto a tutto questo, è fondamentale oliare il complesso meccanismo che sta alla base delle vaccinazioni di massa, compresa la fase di reperimento delle uniche armi al momento disponibili per sconfiggere il Sars-CoV-2: i vaccini.

Lo scorso gennaio, quando i Paesi europei stavano iniziando a vaccinare le rispettive popolazioni, le campagne di immunizzazione dovevano fare i conti con una costante carenza di vaccini, e quindi con fastidiosi ritardi. Oggi la capacità produttiva delle grandi case farmaceutiche è cresciuta a dismisura e, almeno all’interno delle nazioni più industrializzate, gli stock di fiale non mancano. Le vaccinazioni procedono quasi ovunque a gonfie vele, agevolate da norme più o meno stringenti.

Nei Paesi in cui la percentuale di immunizzati è alta, le ospedalizzazioni dei pazienti per Covid sono in picchiata, a conferma dell’efficacia dei vaccini. Tutto rose e fiori? A dire il vero, e leggendo gli allarmi lanciati da varie organizzazioni non governative, c’è un lato oscuro che vale la pena quanto meno analizzare.

Profitti alle stelle

Senza scadere nel superficiale, e senza sparare a zero sulle Big Pharma sposando chissà quale battaglia ideologica, è utile dare un’occhiata a un paio di numeri e fare le dovute considerazioni. Innanzitutto, poiché i brevetti dei vaccini anti Covid non sono stati sospesi, il grande gioco resta nelle mani delle varie Pfizer, Moderna e BioNTech di turno. Le quali, di fatto, possono scegliere a chi vendere i propri vaccini (magari uno Stato è disposto a pagare di più per avere uno stock in anticipo rispetto a un altro), quante dosi e a quale prezzo.

È stato calcolato che, in alcuni casi, le fiale sono state vendute a prezzi fino a 24 volte superiori i loro costi di produzione. Per quanto riguarda la distribuzione, stando ai dati Oxfam ed Emergency, soltanto lo 0,5% dei vaccini Pfizer è finito ai Paesi poveri, creando un evidente gap tra Paesi di “serie A” e Paesi di “serie B”. Non solo: nei primi sei mesi del 2021, Moderna, BioNTech e Pfizer hanno realizzato complessivamente ricavi pari a 22 miliardi di euro.

Sia chiaro: non c’è niente di male nell’incremento dei guadagni in sé, visto che stiamo parlando di aziende, e non certo di enti benefici. Il punto, sostengono ancora Oxfam ed Emergency, è che il valore delle imposte versate dalla maggior parte delle Big Pharma collide con gli enormi ricavi, ottenuti talvolta anche grazie a sostanziosi finanziamenti pubblici. Moderna, ad esempio, avrebbe versato 322 milioni di dollari su ben 4,3 miliardi di utili.

Un business miliardario

Sempre prendendo in considerazione Moderna, un anno fa il valore in borsa di questa azienda americana si è moltiplicato per sette, toccando i 172 miliardi. Il valore di BioNTech è invece “solo” triplicato. “Grazie ai loro monopoli sui brevetti per vaccini efficaci contro il coronavirus, il cui sviluppo è stato sostenuto da 100 miliardi di dollari di finanziamenti pubblici dai contribuenti negli Stati Uniti, in Germania e in altri paesi, le tre società hanno guadagnato oltre 26 miliardi di dollari di entrate nella prima metà del l’anno, almeno due terzi come puro profitto nel caso di Moderna e BioNTech”, 

Le tre società, sempre secondo il documento, starebbero valutando i vaccini ben 41 miliardi di dollari al di sopra del costo di produzione stimato. Alla luce di ciò, è quanto mai fondamentale che l’Unione europea – o, nel caso non riuscisse Bruxelles, i singoli governi – iniziasse seriamente a tutelare prima la salute dei cittadini, poi gli interessi delle grandi aziende farmaceutiche. Ad esempio, nessun Paese dovrebbe ritrovarsi a prender parte a un gioco al rialzo in un momento delicatissimo. È già successo, e la speranza è che non si ripeta più.

lapalissiano….

Bruno Vespa, la critica a Mario Draghi: “L’olio di ricino del decreto”, quel favore ai “magistrati” sul Green Pass

18 settembre 2021

  • a
  • a
  • a

Mario Draghi è il primo presidente del Consiglio della nostra storia che governa (bene) a prescindere”. Parola di Bruno Vespa che ricorda come il premier sia un’eccezione visto che dal “1946 i padri costituenti decisero che l’Italia dovesse avere governi deboli”. Non è il caso dell’ex numero uno della Banca centrale europea che nonostante la maggioranza più che eterogenea dimostra giorno dopo giorno di riuscire a tenere le redini dell’esecutivo. “È il primo premier – osserva Vespa sulle colonne del Giorno – a poter fare indisturbato cose di buonsenso che i contrasti di coalizione hanno impedito a tutti gli altri”. D’altro Draghi “è figlio del signor Covid e del Piano di rilancio: un accoppiamento inedito e contro natura che richiede una coalizione inedita e contro natura”.

Secondo il conduttore di Porta a Porta il presidente del Consiglio è l’unico che ha “poteri non comuni”, perché “se seda una rissa tra Letta e Salvini, ne emerge senza che la sua grisaglia ne esca minimamente intaccata”. Non è andata diversamente l’approvazione all’unanimità del decreto sull’estensione del Green pass. A maggior ragione se si considera che alcuni dettagli risultano per Vespa “incomprensibili“.

Perché un dipendente privato viene sospeso dopo un giorno di assenza contro i cinque concessi al suo collega pubblico e i quindici ai magistrati? Qualcosa di inspiegabile che comunque risulta essere necessario: “L’olio di ricino del decreto è salutare e va bevuto senza pentimenti“. E forse è proprio lo stesso discorso che muovono i vari partiti di questo esecutivo e che permette al presidente del Consiglio di fare quello che vuole quando vuole.

SEMPLICEMENTE …LA BANDA BASSOTTI NON VUOLE MOLLARE LA SEDIA PER NESSUN MOTIVO SAPENDO CHE SE SI VOTA IL 90% DOVREBBE ANDARE A LAVORARE…ERGO …. INGOIANO TUTTO E DI PIU’ LASCIANDO LIBERO IL CAPO DI FARE CIO’ CHE VUOLE !

rivotatelo !!

Il quartiere da incubo di Milano occupato dagli immigrati

18 Settembre 2021 – 12:10

Rom e nordafricani si sono spartiti un intero complesso nella periferia di Milano, dove vivono nel degrado assoluto tra droga e sporciziaFrancesca Galici11

Il quartiere da incubo di Milano occupato dagli immigrati

Le occupazioni dei palazzi nelle periferie milanesi è un’emergenza sempre più grave. Sono decine gli edifici trasformati in abitazioni da immigrati irregolari, che vivono nel degrado e in condizioni igienico-sanitarie ben oltre i limiti dell’accettabile. In via Medici del vascello e via dei Pestigalli, periferia sud-est di Milano, c’è una delle situazioni pù gravi dell’intera area metropolitana. Qui, diversi edifici sono stati occupati abusivamente da immigrati irregolari e rom che gestiscono una sorta di società che fugge alle norme di civiltà del resto della città.

“Ho trovato decine di siringhe e occupanti visibilmente storditi dall’eroina: il sospetto è che dal vicino bosco di Rogoredo i tossici trovino riparo qui”, ha dichiarato Silvia Sardone, eurodeputata e consigliere comunale della Lega a Milano. “C’è gente che occupa da mesi e chi da pochi giorni, come mi hanno raccontato loro stessi, segno che la situazione è in continua evoluzione”, ha proseguito l’esponente leghista. La suddivisione degli spazi è netta all’interno dei palazzi: “I rom si sono presi la portineria accampandosi con tende e materassi. Nel palazzo invece ci sono marocchini, tunisini, congolesi: vivono in condizioni pietose in mezzo a sporcizia, feci, topi, rifiuti. Nella struttura accanto hanno trovato riparo i rom sgomberati dal campo abusivo di via Bonfadini”.https://www.ilgiornale.it/gallery/embed/1976209.html

Tanto lo sconcerto da parte dei cittadini delle zone limitrofe, stanchi ed esasperati di vivere nei pressi di un intero complesso occupato che non rispetta le più elementari norme igieniche e di civiltà. “Menomale che il Comune doveva vigilare…”, è il commento amaro di Silvia Sardone davanti a questa situazione, ignorata dalle istituzioni locali. Sull’argomento è intervenuto anche Davide Ferrari Bardile, candidato della Lega al Municipio 4: “Da tempo mi confronto con i residenti del quartiere Merezzate giustamente arrabbiati con l‘amministrazione comunale per il trattamento che gli ha riservato in questi anni”.

Sono tante le criticità della zona causate dal complesso occupato, che inevitabilmente si riversano sulla quotidianità dei residenti. “Insicurezza, degrado, illegalità: mi hanno detto che non si contano più i furti, anche a danno di ragazzini. Spero solo che non si debba assistere a qualcosa di ancora più grave prima di una messa in sicurezza dell’intero quartiere fantasma. Qui intorno ci sono strutture scolastiche: non è accettabile questo degrado accanto a dove studiano dei minori!”, ha concluso Ferrari Bardile.

SONDAGGI?????

SEMBRA , SECONDO UN SONDAGGIO, CHE I DEM-ENTI ABBIANO SUPERATO TUTTI I PARTITI COME GRADIMENTO…..

ECCO CHE NEL GIRO D’UNA SETTIMANA SIA ACCADUTO SIMILMINKIATA SEMBRAMI DAVVERO IMPOSSIBILE , COMUNQUE SE COSI’ FOSSE …CHE SIA !

AVREMO PRESTO CLANDESTINI AD LIBITUM, IUS SOLI, MUTANTI ADOTTANTI, VAGINE IN AFFITTO , PATRIMONIALE, TASSE A GOGO ……

CHI E’ CAUSA DEL SUO MAL…… RAZZI SUOI !

solo i grullodem non sono in grado di capire oltre agli schifosi che ci lucrano…..

 Ursula von Der Leyen : “Se interpellata, la maggior parte degli europei sarebbe d’accordo che dobbiamo reprimere la migrazione irregolare”. E ancora: ”Dobbiamo rimpatriare coloro che non hanno il diritto di soggiornare qui, ma accogliere coloro che immigrano legalmente e offrono un contributo così vitale alla nostra società e alla nostra economia”. Tradotto in termini pratici, vorrebbe dire che tutti, dico tutti, i migranti sbarcati sulle coste italiane “illegalmente” per Ursula andrebbero rimandati al mittente. Nessuno escluso

APPUNTO…. SE INTERPELLATA…..

MA GLI ANIMALI FANNO E DISFANO SENZA INTERPELLARE NESSUNO !!

BASTA !! maremmastramaiala

– lo smacchiatore di guaguari vede camicie nere ovunque. Bersani sostiene che nella galassia dei non vaccinati ci sia “il pezzo più rumoroso” composto da persone che lui definisce “No vax, Sì Dux”. Gente che fa una “operazione politica” ed è “fascista”. Non solo: contro questi puzzoni “il ministero degli Interni forse potrebbe considerare un po’ meglio l’applicazione della legge Mancino”. Solito schema sinistro: se non sei d’accordo con qualcuno, definiscilo “fascista” e invoca la Mancino. Funziona, ma quanta bassezza… (il giornale)

MONONEURALI, DEMENTI , ANALFABETI CON LA FISSA DEL FASCISMO CAUSA DI TUTTI I MALI…

COVID COMPRESO ??

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑