suppostine del giorno:

81571576_2422178918041988_1969942035129434112_n

81740140_167021424702631_176140014718025728_n

83113408_2481103932148142_5701736395891015680_n

83037434_2567925033425492_4296225163071979520_n

 Il candidato del centrosinistra Stefano Bonaccini, applauditissimo alla fine, ha parato e risposto. “Sulla nostra sanità comunicheremo a breve dati che stupiranno molto la Borgonzoni. Se l’Italia somigliasse un po’ di più all’Emilia-Romagna sarebbe un Paese migliore”. LA CAZZATA DEL SECOLO 

SEMPRE PIU’ GIU’:

DOPO I GRILLINI ( raccolti tra analfabeti, disoccupati, fancazzisti vari) 

LE SARDINE ( raccolte tra fancazzisti, furbetti pronti a vendersi a chiunque per $$$ senza idee se non “antifascismo” e morte a Salvini) 

ASPETTO CON ANSIA I “RUGAMERDA” ( scarabei stercorari” ) che si presentino come salvatori della patria per una sedia ed allegre donazioni !!  

 

minchiatelle:

(…) Il consueto sondaggio del lunedì di Swg per il TgLa7 di Enrico Mentana certifica la fiducia della maggioranza degli italiani nei confronti della coalizione di centrodestra. Trainata dalla Lega di Matteo Salvini, che monopolizza un terzo dei voti (33,02%), e si conferma il primo partito (+0.3). Forza Italia perde 0,6 punti percentuali rispetto a una settimane fa (5,8%), mentre riparte Fratelli d’Italia (+0,5% rispetto all’ultima rivelazione Swg, oggi al 10,9%). All’interno della coalizione di governo, invece, tendenze di segno opposto per Pd e Movimento 5 stelle.

Per approfondire leggi anche: Giorgia Meloni, il sondaggio Piepoli parla chiaro

Frenata per il Pd di Zingaretti che perde 0.2% e si attesta al 18,2%, confermandosi secondo partito d’Italia. risale il  Movimento 5 stelle: +0,4% rispetto a sette gironi fa. In calo Italia Viva di Matteo Renzi (-0.6%/5.2%). Fuori dal Parlamento partiti minori, come Azione di Calenda (2,6% / -0.3%); Leu (3,0%/ -0.1%); sale +Europa (2%/+0.4%); Verdi (1.9%/-0.3%) e Cambiamo! di Giovanni Toti (1,2%/ +0.2%%). 

LIBERO

NON CREDO AI SONDAGGI CHE SONO SEMPRE PILOTATI IN UN SENSO O NELL’ALTRO MA…

CREDO IN QUEL CHE SENTO E VEDO :

LA BEOMASSA SOPRATTUTTO EMILIANA CONTINUERA’ A VOTARE I DEM NONOSTANTE LE PORKATE FATTE IN DECENNI PER IGNAVIA, IGNORANZA PIGRIZIA ….

SCOMMETTIAMO ?

VIENE POI DA CHIEDERSI COME FA GENTE CON CERVELLO A SOSTENERE ANCORA GRULLI, + EUROPA & SIMIL CACCOLE POLITICHE ….. 

i soliti merdaioli:

dopo tutto il casino messo in piedi i merdaioli pagliacci NON votano per timore di perdere altri voti in Emilia !! 

GENTE SENZA PALLE SENZA IDEALI, SENZA NULLA NEL CERVELLO SE NON SALVARE SEDIA E BENEFIT !!

COME FATE A SOSTENERE ANCORA SIMILI BUFFONI INCAPACI E CODARDI ? 

vita vissuta:

ieri ho incontrato per caso una vecchia conoscente , solite due chiacchiere ed alla inevitabile domanda :” lavori ancora?”  risposta :

” NO PRENDO IL REDDITO DI CITTADINANZA (850eurini con figlia a carico) E LAVORO IN NERO IN UN RISTORANTE, PERFETTO ! ” 

 

QUALSIASI IDIOTA ANCHE SBRONZO AVREBBE POTUTO CAPIRE CHE QUESTA ERA LA FINE DELL’IMBECILLITA’ DEL REDDITO DEL FANCAZZISTA….ERGO…..

L’HANNO FATTO IN ASSOLUTA MALAFEDE ! 

dove sono le femministe, gli ultimi “uomini” pensanti ?

A Sanremo l’artista che sul web de-canta un femminicidio e insulta sessualmente le donne? Va bene? In un Festival tutto al femminile?

JcY.jpg

«L’ho ammazzata, le ho strappato la borsa. C’ho rivestito la maschera». Su queste parole, il videoclip mostra il cantante muoversi di fronte ad una ragazza legata mani e piedi a una sedia e con un sacchetto sulla testa, mentre cerca di liberarsi.

Junior Cally, a differenza di Sfera Ebbasta, non è conosciuto dal mondo adulto; è un rapper romano, si esibisce con la maschera ed è stato invitato al 70mo Festival di Sanremo.

In occasione del programma «I soliti ignoti» dello scorso 6 gennaio, il conduttore Amadeus lo ha introdotto come ultimo dei 24 Big in gara, dicendo  che «in meno di 3 anni ha sfiorato quota 100 milioni di streaming» ed è «in vetta alle classifiche dei dischi più venduti con il suo ultimo album». È tutto vero, così come è vero – aggiungo io- che ha un profilo Instragram con oltre 380mila followers.

Ma quali sono i contenuti di questo grande successo decretato in rete da ragazzini sempre più bambini? Tralasciando diverse questioni comunque problematiche dal punto di vista educativo, andiamo ad analizzare come la donna viene trattata nelle sue canzoni già presenti in rete e che costituiscono il suo curriculum, visto che è stato inviatato ad un Festival «all’insegna della donna», come ha dichiarato il conduttore della manifestazione in una recente intervista al Corriere.

Nel brano «Strega» possiamo ascoltare insulti a sfondo sessuale all’indirizzo di una ragazza: «Lei si chiama Gioia, ma beve poi ing**ia. Balla mezza nuda, dopo te la d*. Si chiama Gioia, perché fa al tr**ia, sì, per la gioia di mamma e papà». Poi, il testo si trasforma in un’aggressione verbale: «Questa [Gioia ndr] non sa cosa dice. Porca tr**a, quanto ca**o chiacchera? L’ho ammazzata, le ho strappato la borsa. C’ho rivestito la maschera». Su queste parole, il videoclip mostra il cantante mascherato come sua consuetudine che si muove minacciosamente di fronte ad una ragazza legata mani e piedi ad una sedia e con un sacchetto sulla testa, mentre si divincola per liberarsi: se le parole e le immagini hanno un valore, qui abbiamo la rappresentazione di una costrizione violenta ed il racconto di un femminicidio [«l’ho ammazzata»]. Queste sono alcune immagini tratte dal videoclip [minuto 0:47]. Il tutto avviene tra insulti indicibili, in parte sopra riportati.

JC1.jpg

JC2.jpg

JC4.jpg

Proseguendo nell’analisi del repertorio, troviamo che la donna è rappresentata come insultabile oggetto di piacere o come trofeo tribale, non importa se sia giovanissima o anziana: «state buoni, a queste donne alzo minigonne»; «me la ch**vo di brutto mentre legge Nietzche; lo prende con filosofia» [brano «Arkham»]; «stupro mia nonna dentro un bosco»; «ci scop**mo Giusy Ferreri [la cantante ndr]»; «lo sai che fott**mo Greta Menchi [una influencer, ndr]; «lo sai voglio fot**re con la Canalis [la conduttrice ndr]»; «queste put**ne con le Lelly Kelly non sanno che fot**no con Junior Cally» [brano «#Regola1»]; quest’ultimo passaggio è particolarmente problematico poiché le Lelly Kelly sono scarpe da bambina [cf genius.com] ed il cantante dice di avere rapporti intimi con chi le porta, mentre nasconde il viso sotto una maschera che impedisce di riconoscerlo.

Altre frasi appartengono al repertorio del body shaming [derisione del corpo], bollato come pratica bullistica nei corsi di formazione che si fanno nelle scuole: «questa tipa, una balena» per indicare una ragazza considerata in sovrappeso [brano «Cally Whale»]; oppure quando vuole insultare dei rapper avversari li chiama «senza te**e» [brano «#Regola1»], come sinonimo di persone con «poco valore e poca sostanza» [cfr genius.com], come se il valore di una donna si misurasse in base alle sue misure.

Il repertorio dell’artista si muove dunque entro questo recinto, che mi pare decisamente in contraddizione con un Festival di Sanremo «pop e non sessista», che presenta «un panorama completo di donne di vari mondi e ambienti differenti» e per il quale si chiosa che «la donna va rispettata ovunque nel mondo», come ha giustamente detto il conduttore alla conferenza-stampa di presentazione; mi pare decisamente stridente con un’edizione in cui, per le diverse serate, sono state invitate ben 10 co-conduttrici, tutte rispettosamente presentate, ça va sans dire, come «prime donne».

In tutta questa vicenda, il problema non è quello che Junior Cally canterà su quel palco. Il problema è che, mentre canta la sua canzone al Festival, in contemporanea canta quanto ho sopra descritto negli smartphones di ragazzini e bambini; il problema è che, nel pieno della rivoluzione mediale, occorre capire che non è più possibile distinguere e separare il flusso continuo di informazioni che la rete offre con quanto si trasmette in Tv, perché il tempo mediale in cui viviamo è compresso in un presente infinito dove «tutto è», sempre e contemporaneamente: la canzone-cantabile al Festival così come le canzoni-non-cantabili al Festival.

Il problema, infine, è il processo di normalizzazione di progetti come questo, che contribuisce ad abbassare costantemente la soglia critica di chi è chiamato ad educare le nuove generazioni. Vale per il Festival, vale per i Talent. E purtroppo vale anche per gli eventi ecclesiali: se una persona è famosa, non ci si chiede perché lo sia diventata, che cosa dica e cosa faccia, ma la si eleva misticamente al di sopra di ogni minimo dubbio, additando i critici come invidiosi e silenziandoli; è la mistica del successo, un meccanismo grazie al quale la persona famosa scende dal suo cielo per beneficiare, con la sua sola presenza, i meno fortunati, in una sorta di blasfema apparizione e successiva sparizione, tra sguardi ammirati, grida di gioia ed estasiati cori di ringraziamento, in un clima di sequestro emotivo ed intellettivo.

Credo che sia arrivato il tempo di interrompere questa normalizzazione e ricominciare a distinguere il bene dal male, il grano dal loglio, anzitutto per proteggere i più piccoli. Conseguentemente credo che gli inviti, come vengono fatti, così possano essere ritirati. Anche al Festival. Non come punizione, ma come cura medicinale per il bene comune.

Marco Brusati

 

QUANDO L’IDIOZIA RAGGIUNGE QUESTI VERTICI E NESSUNO LA BLOCCA…..

E’ LA FINE !!

ave beopopolo :

Amadeus, il sondaggio Noto su Sanremo: “Lo guarderanno 2 italiani su 3”, verso il record di ascolti

 

vi sta bene tutto quel che vi fanno !!! 

82342858_2842864562447999_6486414714573160448_n

 

mea culpa

PENSAVO CHE AI DEM E GRULLI NON CI FOSSE PEGGIO…..

QUESTI LI SUPERANO PER IGNORANZA ARROGANZA E STUPIDITA’ :

1579439351-sardine

lobotomizzato:

 

L’orrore democratico delle sardine

Santori in tv sull’Emilia Romagna: “In un Paese normale non c’era bisogno di fare campagna elettorale”. Ma così si mina la democrazia

Andrebbe riascoltato una, due, tre volte. Forse anche più. L’intervento a Di Martedì di Mattia Santori, capo carismatico delle sardine d’Italia, è passato un po’ sotto traccia, poco analizzato.

 

LA DEMENZA IMPERSONATA IN UN SOGGETTO CHE DEM & SIMILI HANNO PRESO A BORDO PER FAR NUMERO MA CHE DIMOSTRA D’AVERE 1 SOLO NEURONE E CAPIRE UN CAZZO DI DEMOCRAZIA !! 

 

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑