La Wanna governativa:

Conte presenta il Dpcm di Natale. Ma è una televendita contro i contanti

Il premier (con tanto di grafiche stilizzate) spiega il piano cashback voluto dal governo. Ma l’app già non funziona

Ignazio Stagno – Gio, 03/12/2020 – 22:29commentahttps://www.facebook.com/plugins/like.php?app_id=2229748

L’ultima conferenza stampa del premier Conte era partita con l’intenzione di spiegare il contenuto del nuovo Dpcm-Natale, poi è sfociata in una vera e propria televendita.

LAPALISSIANO CHE NON FUNZIONI….. NULLA DI QUELLO CHE FANNO FUNZIONA !!

BUTTANO MILIONI E MILIONI IN UNA FOLLE “ACCOGLIENZA” E IN GENEROSE OFFERTE ALL’ ESTERO PER FUMOSI PROGRAMMI E POI….

SUGLI ARRESTI DOMICILIARI POI RIBADISCO CHE SINO A QUANDO NON SARANNO EFFETTIVI PER TUTTI SIGNIFICA CHE IL GOVERNO DISCRIMINA GLI ITALIANI PER IGNAVIA PER STUPIDITA’ O PEGGIO…

IN OGNI MODO LA SITUAZIONE E’ “LETAMOSA” ASSAI E NON PER IL VIRUS !!

ladri nel dna:

togliere ai ricchi per dare ai partiti. È un Robin Hood in giacca, cravatta e portaborse quello che potrebbe fare da testimonial di due iniziative parlamentari, legate alla legge di Bilancio, e che hanno per protagonisti suppergiù gli stessi. La prima proposta è quella di cui da giorni si parla e che sta scuotendo la stessa maggioranza: introdurre una sorta di patrimoniale. L’emendamento, presentato da alcuni parlamentari di Leu (Rossella Muroni, Erasmo Palazzotto e Luca Pastorino) e del Pd (Giuditta Pini, Chiara Gribaudo, Matteo Orfini, Fausto Raciti, Luca Rizzo Nervo) propone un prelievo dello 0,2% su un imponibile tra 500mila e un milione di euro. L’aliquota salirebbe allo 0,5% per chi ha patrimoni compresi tra 1 e 5 milioni di euro. Mentre sopra al miliardo si prevede un prelievo straordinario, limitato al solo 2021, del 3%.

L’EMENDAMENTO
Mentre ancora infuria la polemica su questa iniziativa – disconosciuta dai vertici del Pd, ma anche da una parte di Leu – nel malloppo degli emendamenti alla legge di bilancio è comparsa un’altra proposta, di cui, per ora, nessuno si è accorto. Riguarda i partiti: si tratta di estendere il finanziamento pubblico, sotto forma di contributi del 2 per mille, anche a chi non ha rappresentati in Parlamento, ma solo nei consigli regionali. La modifica riguarda, per la precisione, l’articolo 200 bis. Si fa riferimento alla legge del 21 febbraio 2014, quella che abolì il finanziamento pubblico ai partiti, introducendo, però, la possibilità per il contribuente di devolvere una parte delle tasse dovute, sotto forma del 2 per mille, a una formazione politica. Nel primo comma (lettera “a”) l’emendamento in questione propone di sopprimere il passaggio che prevede siano esclusi dal 2 per mille i partiti che «non hanno più rappresentanza in Parlamento».

Al secondo comma (lettera “b”) si stabilisce, poi, di estendere il finanziamento a chi ha rappresentanti «in uno solo dei consigli regionali o delle province autonome di Trento o Bolzano». Tradotto dal lessico fumoso del Legislatore, l’emendamento presentato estende il finanziamento del 2 per mille anche ai partiti che non hanno rappresentanti in Parlamento, ma hanno almeno un consigliere regionale (o un consigliere nelle province autonome). Fattispecie che sarebbe perfetta per formazioni come Sinistra Italiana o altri piccoli partiti che potrebbero ritrovarsi, nel prossimo Parlamento, senza un deputato o un senatore.

ZITTI ZITTI GLI SCHIFOSI SI SPARTISCONO IL MALLOPPO ANCHE TRA CHI RAPPRESENTA IL NULLA !!

vogliono la guerra civile

 

Vaccino, giallorossi in pressing: ‘Ecco quando può diventare obbligatorio’

Il vaccino contro il coronavirus potrebbe essere reso obbligatorio se non si raggiunge l’immunità di gregge: è quanto si legge nella risoluzione di maggioranza

Francesca Galici – 

Sono ore frenetiche per stabilire un piano di vaccinazione contro il coronavirus il tempo brevi.

Ieri, il ministro Roberto Speranza ha comunicato che l’Italia ha già opzionato 202 milioni di dosi, che saranno rese disponibili già nel primo trimestre del 2021. Oggi, durante l’informativa in Senato, il ministro della Salute ha dato maggiori informazioni e spiegato in maniera dettagliata come procederà la somministrazione nel nostro Paese. Dai documenti emerge che se non si raggiungerà l’immunità di gregge, sarà possibile rendere il vaccino obbligatorio.“Obbligo di vaccinarsi non escluso”. I tecnici di Conte sono vicini al “sì”

Gli esperti sostengono che per raggiungere l’immunità di gregge è necessario vaccinare almeno il 70% degli italiani che, in base all’attuale popolazione, sono circa 42 milioni di soggetti. Considerando che saranno 202 milioni le dosi destinate all’Italia, il traguardo non sembra di difficile raggiungimento. Bisogna comunque considerare che la maggior parte dei vaccini attualmente in corsa per l’approvazione da Ema necessitano di un richiamo e quindi per ogni soggetto devono essere considerate due dosi. Inoltre, la richiesta di 202 milioni di dosi dev’essere letta anche nell’ottica di voler creare una scorta da parte del governo in previsione dei prossimi studi. Non essendo ancora stata conclusa la sperimentazione sui vaccini, non è ancora possibile conoscere l’effettiva durata dell’immunità garantita, quindi fare previsioni su eventuali richiami. “Per quanto riguarda il vaccino sviluppato da Biontech e Pfizer, il nostro comitato scientifico per i farmaci destinati all’uomo prevede di concludere la valutazione in una riunione straordinaria che è in agenda per il 29 dicembre, al più tardi”, ha spiegato Emer Cooke, nuova direttrice esecutiva dell’Ema. Per quello Moderna si potrebbe dover aspettare fino al prossimo 12 gennaio e in seguito gli altri.

“Non è intenzione del governo disporre l’obbligatorietà del vaccino”, ha detto questa mattina in Aula al Senato il ministro Roberto Speranza. “Il nostro obiettivo è senza dubbio raggiungere al più presto l’immunità di gregge. Valuteremo il tasso di adesione dei cittadini”, ha concluso il ministro. Il titolare del dicastero della Sanità ha spiegato che il vaccino sarà gratuito per tutti e che l’obiettivo è quello di concludere le vaccinazioni entro la fine del 2021. In quest’ottica va letta la risoluzione di maggioranza, che impegna il governo “a intraprendere fin da subito una campagna di sensibilizzazione nei confronti della cittadinanza sullimportanza dei vaccini e sulla loro efficacia, coinvolgendo il Parlamento, con l’obiettivo di raggiungere al più presto l’immunità di gregge, valutando, nel corso della campagna il tasso di adesione dei cittadini e in caso di mancato raggiungimento dell’immunità di gregge la possibilità di prevedere l’obbligatorietà del vaccino”.

NESSUNO SA I RISCHI DEI VACCINI NON TESTATI

I VACCINI SONO PREPARATI E VENDUTI DA LOSCHI FIGURI

I “TECNICI” STRAPAGATI OGNI GIORNO NE SPARANO UNA NUOVA

IL GOVERNO E’ COMPOSTO DA ANALFABETI

COLCA CHE MI VACCINO, OBBLIGATORIO O NO :

MI DOVETE ARRESTARE !

cominciamo dal vaticano?

Il Papa choc sulla proprietà privata: “Non è intoccabile”

Il Papa nega la natura assoluta della proprietà privata per la seconda volta. Tra chi critica e chi ritiene le affermazioni di Bergoglio in continuità, ecco la vera svolta di Bergoglio

Francesco Boezi

Papa Francesco è convinto che la proprietà privata non sia intoccabile. Jorge Mario Bergoglio lo ha ribadito ieri, all’interno di un testo inviato a chi, in Africa, svolge la funzione giudiziaria.

maledetti idioti

La Ue vuol cancellare la Messa di Natale

circola una bozza della Commissione europea: Bruxelles pronto a sconsigliare del tutto o quasi la Messa di Natale. Vescovi chiamati alla reazione

Francesco Boezi – Lun, 30/11/2020 – 21:29

In Italia non c’è ancora chiarezza sull’orario della Messa di Natale, soprattutto perché non si comprende chi è deputato a decidere, ma l’Unione europea in compenso ha le idee chiare sul da farsi.

BENE ALLORA FATE LO STESSO CON CHI VA NELLE MOSCHEE O PREGA PER STRADA ALTRIMENTI DIMOSTRATE LA VOSTRA IMBECILLITA’ ASTRALE !

spaventosi marasmi mentali:

BREAKING NEWS

DI BATTISTA DIMENTICA I MORTI: “IL PROBLEMA È L’ISLAMOFOBIA”

VOX5

«È triste vedere quanto l’islamofobia, che ha colpito molta opinione pubblica a livello mondiale, nonostante le prime vittime del terrorismo fondamentalista islamico siano gli stessi musulmani, abbia evidentemente spinto molte persone a fare di tutta l’erba un fascio e a dimenticarsi dei diritti sacrosanti di un popolo come quello palestinese».

Nel 2014 scriveva così sul blog di Beppe Grillo: «Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato a distanza io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana». E poi ancora: «Dovremmo smetterla di considerare il terrorista un soggetto disumano con il quale nemmeno intavolare una discussione».

MENTI DEVASTATE INCAPACI PERSINO DI ANALIZZARE I FATTI DOCUMENTATI E D’ UN’ANALISI SERIA CHE FACCIA LORO CAPIRE I MOTIVI DEI DISAGI: ES. L’ASSOLUTA INCOMPATIBILITA’ DI ISLAM/CIVILTA’ FAREBBERO SOLO PENA SE NON FOSSERO PERICOLOSI

Blog su WordPress.com.

Su ↑