HONESTA’ HONESTA’…

CHIARA APPENDINO SINDACA DI TORINO DEL 5 STELLE …PARDON 5 STALLE , indagata per FALSO IN ATTO PUBBLICO in relazione all’ inchiesta: Westinghouse ,ossia un debito di 5 MILIONI DI EURO i quali ” stranamente ” sono passati da attivi a passivi…( Ma va…quale mistero!)
Con le malefatte della Giunta Raggi e dell ‘ APPENDINO il 5 Stalle ha fatto Bingoooo !!
appendino

Annunci

Chissà magari un guasto o altro!!

Siamo un Paese alla deriva. Il Pd ha un rosso di bilancio di 9,5 milioni. Applica la cassa integrazione per i suoi dipendenti. Un’azienda normale sarebbe già fallita e costretta a concordare debiti per decenni.Ma spende 400mila euro di soldi pubblici per una bimbominkiata in treno. In Legge di Stabilità nulla su pensioni, pensioni minime, lavoro over 40, welfare, rinnovabili, lavoro femminile, scuola pubblica. Ah si ma, se chiami il giardiniere a tagliare l’erba e piantarti due gerani ti fanno il 36% di detrazione fiscale in 10 anni. Mi chiedo ancora per quanto andrà avanti questa presa per il c… Siamo alla deriva !

feccia

i dem si comprano 800.000 voti con i soldi dei contribuenti !

Tutti pronti a sinistra a votare la fiducia sulla porcata dello ius soli per 800.000 soggetti da mantenere in toto per tutta la vita ma che per riconoscenza voteranno i dem-enti.

La fiducia ad un branco d’abusivi, di traditori e fancazzisti interessati esclusivamente alla sedia mentre un problema cosi’ grave avrebbe meritato un referendum o una discussione e votazione parlamentare seria di deputati votati e non illegali.

Siamo l’unico paese al mondo, dico AL MONDO (!!!)

sfido chiunque a dimostrare il contrario 

che accoglie e mantiene  oves et boves a discapito dei propri cittadini sia economicamente che dal punto di vista della sicurezza.

Gentaglia senza ideali ( che saltella da partito a partito) che ha svenduto il paese per propri loschi scopi senza nessun confronto con gli elettori.

LO SCHIFO PIU’ SCHIFO DELLO SCHIFO CHE HANNO IL CORAGGIO DI CHIAMARE DEMOCRAZIA !

Inoltre il cazzaro che ora gira in treno per “sentire” quello che pensa la gente ( a spese mie ovviamente) se fosse un po’ intelligente e dico un po’….. e serio (!!) andrebbe per mercati , stazioni ferroviarie e centri commerciali a sentire….. non in pompa magna con scorta da un palchetto !!

 

vorrei ricordare inoltre che:

  1. andare a prendere chiunque senza sapere dove metterlo , come farlo lavorare, come mantenerlo abbandonandolo per strada
  2.  inculcare il concetto che tutto è dovuto (???) senza lavorare e senza doveri
  3. lasciare oziare centinaia di migliaia di poveri disgraziati

E’ DA DELINQUENTI DELLA PEGGIOR RAZZA PERCHE’ MENTRE SI FINGONO CARITATEVOLI LUCRANO E DISTRUGGONO  LA VITA DI TANTA GENTE !

magari qualcuno in buona fede tra il beopopolo ci sarà .. ma si sa ….di buone intenzioni…. è lastricato il pavimento dell’inferno !

 

È persino ovvio……

ilDon

Posso avere il dubbio che il suo non sia amore cristiano, ma altro?
Saranno a norma le. Condizioni igienico sanitarie? Saranno a norma tutti i permessi? Registratore di cassa? Pos? I ragazzi sono iscritti o assunti regolarmente? La cucina è a norma? I prezzi per attività devono essere fissi e non a offerta! L’incasso va in beneficenza?? Rende pubblica la donazione e la movimentazione economica??
Perché in questi anni non ha fatto lo stesso per italiani ugualmente bisognosi??? A me questo prete non la racconta giusta

non è invasione….. starnazzano i beoti:

 

Sharif Lorenzini, l’imam che minaccia giornalisti e politici e che vuole “rieducare” Filippo Facci

5

Filippo Facci, Sharif Lorenzini

Però i capi islamici (se almeno un Imam può essere definito capo) dovrebbero imparare che indicare come nemici dei singoli cittadini con nome e cognome – due che fanno politica, un terzo che fa solo il giornalista e che sono io – forse non è una bella cosa, anzi, di questi tempi può essere recepita come una minaccia bella e buona. Non da me che – lo dico subito – non me ne curo, ma da un sacco di gente cui interessa soltanto consolidare i propri pregiudizi.

I FATTI
Ma riassumiamo la notizia. Ieri, a Bari, la Comunità islamica pugliese ha celebrato “Eid Al Adha” che sarebbe “la festa dello sgozzamento” (si chiama così) e che coincide con la fine del pellegrinaggio alla Mecca. Non è chiaro se essere additati alla festa dello sgozzamento sia un privilegio, ma è quello che è successo quando il presidente della Comunità islamica, Sharif Lorenzini, ha detto così, testuale: «L’Italia vive un brutto momento perché degli sciacalli vogliono lavorare sulla bontà della gente che apprende in modo naturale le notizie che arrivano, non filtrandole, non pensando che chi le trasmette abbia delle finalità personali, personaggi disfattisti: purtroppo devo fare dei nomi per mettere anche in guardia il popolo italiano e i nostri concittadini da un certo Magdi Allam, da un certo Facci, da un certo partito antiislamizzazione, da Noi con Salvini e tanti altri, che giocano sugli estremisti di destra e di sinistra per far valere la loro voce, gridando falsità e concetti corrotti pur di raggiungere le loro finalità».

Poi, dopo aver auspicato un’unità di intenti tra intellettuali, ha avvertito: «Non dobbiamo assolutamente cadere nelle trappole di questi farabutti che vogliono portare il nostro paese alla rovina». In sintesi: sciacalli e farabutti. Questi i termini usati dall’Imam di Bari, l’iracheno Sharif Lorenzini, nella videointervista concessa alla barese Silvia Dipinto, collaboratrice di Repubblica che si è opportunamente presentata al suo cospetto con il capo coperto di nero.

LA DENUNCIA
È importante notare che quella dell’Imam non è stata una voce dal sen sfuggita: si era già esercitato due giorni prima durante la preghiera del venerdì, e sempre parlando di “falsità e concetti corrotti” gridati da questi signori Allam e Facci, e poi dal neo Partito antiislamizzazione eccetera. C’è da sperare che la duplice sortita dell’Imam non sia presa troppo alla lettera (come una sorta di fatwa) in ambienti purtroppo abituati a farlo, e a ricondurre cioè la “corruzione” dell’Islam al versetto 33 (Sura 5) del Corano, laddove di dice: “La ricompensa di coloro che fanno la guerra ad Allah e seminano corruzione è che siano uccisi o crocifissi, che siano loro tagliate la mano e la gamba da lati opposti o che siano esiliati”.

Nel caso, vada per l’esilio o al limite per la rieducazione: la stessa che l’Imam Sharif Lorenzini indicò per il sottoscritto durante la trasmissione “Dalla vostra parte” (Retequattro) circa un anno fa: «Io sono più italiano di lei, vada lei via! Questa è casa mia e io qui porto avanti l’Italia e la purifico dalle persone come lei, che non meritano neanche di essere chiamate italiane. Lei è pieno di odio, di razzismo, arroganza, nonché di ignoranza. Lei deve essere rieducato!».

DEMOCRAZIA
Così disse in diretta tv. Notare che nel mio precedente intervento avevo detto, testualmente: «Gli islamici non sono democratici, perché gli islamici perseguono tutti una teocrazia, anche se sono brave, ottime e buone persone come l’ospite con cui condividiamo questa trasmissione».

Avvertimento finale al lettore: a differenza di Allam, di Salvini e del Partito antiislamizzazione, lo scrivente è il solo che non ha mai fatto politica e che si è limitato a esprimere le sue pur criticabilissime idee.

di Filippo Facci
@FilippoFacci1