CAZZATE A GETTO CONTINUO:

 

Si ripete la pagliacciata grillina: non sul balcone, ma in piazza per festeggiare il taglio dei parlamentari. Striscione con poltrone e maxi paio di forbici per tagliarlo, il M5s fa carosello. Esulta. Applaude. Solito cinema insomma. Per carità, la riforma in sé è condivisibile: ridurre il numero di Parlamentari, elevatissimo in Italia rispetto al numero di cittadini, è tutt’altro che follia. Si discutono, al contrario, le modalità ridicole del festeggiamento. Ma soprattutto si mettono in discussione le parole dei pentastellati e di Luigi Di Maio, che credono di fare gli italiani fessi, proprio come ai tempi dell’approvazione del reddito di cittadinanza.

In piazza, un gongolante Di Maio ha ricordato come la riforma “è stata votata da tutti, non è un successo solo del M5s ma di tutti i cittadini”. Dunque, il capo politico ha aggiunto: “Ringrazio le forze politiche che hanno fatto parte della coalizione di maggioranza, che ha mantenuto la parole. È un piccolo passo per la politica, ma un grande passo per i cittadini”. E fin qui, tutto bene.

Il problema però sorge leggendo lo striscione che reggono i grillini, il quale dà conto di “risparmi per 1 miliardo“. Cifre folli, irreali, risibili. E Di Maio fa anche di peggio: “Il risparmio per i cittadini è di 300mila euro al giorno, anche se qualcuno dice che non è vero, storce il naso – la spara -. Cifre che la maggiora parte dei cittadini non guadagnano in tutta la via. Oltre al risparmio – aggiunge c’è anche una semplificazione delle leggi, perché con meno parlamentari avremo testi con meno emendamenti fatti solo per fare, norme e contro norme che complicano solo la vita degli italiani”.

Davvero si risparmia 1 miliardo? Davvero 300mila euro al giorno? No: sono fandonie, balle grilline. Si prendano per esempio i calcoli fatti dall’Agi, basati sul bilancio del Parlamento relativo al triennio 2018-2020, secondo cui lo Stato spende all’anno 230mila euro a deputato e 249.600 euro a senatore. Su base annua, insomma, tra Camera e Senato il risparmio sarebbe pari a 81,5milioni. Dunque, con un semplice calcolo, se ne evince che l’ipotetico risparmio di 1 miliardo si potrebbe realizzare in 12 anni e mezzo. Per carità, sono soldi. Ma quelle propagate dai grillini sono balle.

 

SIAMO NELLE MANI DI CAZZARI INCAPACI E TRUFFATORI !!! 

Annunci

scientifica dimostrazione…

CHE SIAMO I PIU’ IMBECILLI D’EUROPA & CHE IL GOVERNO MENTE IN MODO SCHIFOSO: 

19731823_10211769798353187_6603164744122252978_n

 

Il “patto di Malta” ora è un flop Solo 3 Stati accettano migranti

La Lamorgese deve fare i conti con il fallimento del pre-accordo in Lussemburgo. Solo tre Paesi hanno si sono uniti all’accordo di Malta

L’accordo di Malta si avvia verso un binario morto. Ancora una volta l’Europa si volta dall’altra parte.

1528534576-7287627

 

ora…libero subito ?

Choc nella notte a Milano: un peruviano irregolare stupra 19enne per strada

Un 49enne peruviano, con precedenti, ha preso a schiaffi e pugni una giovane e poi l’ha violentata per strada

Emilio Graviel Baldes, peruviano di 49 anni, è stato catturato dai carabinieri grazie a un cittadino chje ha dato l’allarme.

 

TOGLIAMO LE 650 SCORTE ASSURDE AI PARASSITI DI STATO E METTIAMO GLI AGENTI PER STRADA !! 

 

cervelli devastati:

 

INCHIESTA CONTRO LA PROF PER FRASE “IMMIGRATI DELINQUONO”: MA ALUNNI STANNO CON LEI

Un liceo di Livorno apre un’istruttoria interna contro una docente che avrebbe ‘osato’ dire che gli immigrati delinquono più degli italiani e rubano il lavoro. In pratica la vogliono punire per avere detto la verità.
Secondo quanto riferito dalla madre di un’alunna, la docente avrebbe detto che gli immigrati “rubano il lavoro e delinquono più degli altri”. E quindi?Secondo la stessa gola profonda, tre ragazze si sarebbero alzate in piedi per dissentire ma il resto della classe avrebbe preso le parti della prof prendendole in giro: qualcuno avrebbe fatto anche il saluto fascista. Forse Bassano.

L’insegnante, intervistata da “Il Tirreno”, ha affermato di non aver pronunciato le frasi e che gli alunni “stavano trattando un testo argomentativo sul tema della migrazione”, modalità di lavoro con il quale si danno “ai ragazzi due testi nei quali si esprimono” aspetti “contrari e favorevoli rispetto al tema trattato. Stavo esponendo i pro e i contro della questione migrazione”, “sviscerandoli”. Le tre non hanno capito.

L’argomento affrontato, ha proseguito la docente, ha provocato reazioni diverse, ma non è successo nulla di grave e nessuno ha fatto il saluto fascista.

 

 

NON PUO’ ESISTERE CERVELLO TANTO DEVASTATO DA NEGARE IN BUONAFEDE CHE I CLANDESTINI DELINQUONO MOLTO PIU’ DEGLI INDIGENI, CI SONO TUTTAVIA SOTTOPRODOTTI UMANI CHE LI GIUSTIFICANO A VOLTE IN MODO DELINQUENZIALE:

” HA STUPRATO MA NON SAPEVA CHE QUI NON SI POTEVA FARE”

, OPPURE LUCRANO SUGLI SCHIAVI (COOP, ONG,KARITAS…) ED ALLORA….. VIETATO PARLARNE.

HANNO LA BOCCA PIENA DI ANTIFASCISMO E DEMOCRAZIA SENZA SAPERE NEMMENO CHE SIANO !! 

NON CAPRE, SAREBBE UN ONORE…VONGOLE PUTREFATTE !!  

lapalissiano:

 

Vittorio Feltri sulla crisi italiana: “Ecco perché il nostro Paese sta morendo

5 Ottobre 2019

Titolo meravigliosamente stupido sul Corriere della Sera di ieri. Questo: “L’ Italia è ferma, serve una svolta”. Forse i colleghi illustri di via Solferino ignorano che è immobile non da una settimana bensì da venti anni venti. Non lo dico io che non so un tubetto di economia, nonostante il mio bilancio familiare sia ottimo anzi florido per il semplice motivo che spendo un euro di meno di quanto incasso mensilmente grazie al mio lavoro: lo dicono i dati ufficiali. Da due decenni i nostri conti non solo sono fermi, peggiorano ogni dodici mesi perché l’ economia, boicottata da governi idioti, non cresce, e questo non sarebbe niente di grave. Per soprammercato aumenta a dismisura il debito pubblico sebbene i governi vari succedutisi nel tempo promettano la spending review, ovvero i tagli della spesa, che in realtà non è mai avvenuta neanche in minima parte poiché lorsignori sono degli imbecilli patentati e non pensano alla salute del Paese: si preoccupano esclusivamente del proprio portafogli di voti da raccattare attuando una politica clientelare.

I provvedimenti varati dal potere esecutivo e da quello legislativo non sono mai mirati a migliorare la vita dei cittadini, puntano semmai a sedurre una parte dell’ elettorato allo scopo di carpirne il consenso interessato. Non ci vuole molto a comprenderlo, basta osservare le porcherie promosse dalle istituzioni. La più recente ed evidente delle quali è il reddito di cittadinanza, un incentivo ai fannulloni per consolidarsi tali, una vagonata di soldi destinata perfino agli stranieri che si grattano il ventre anziché lavorare e pure ai brigatisti che non hanno ancora scontato la pena per i gravi reati commessi. Poi però ci stracciamo le vesti in quanto a Napoli chiude una fabbrica che, invece di guadagnare, perde e manda a spasso 450 dipendenti.

 

È il libero mercato, bellezze. Il quale permette l’ apertura di aziende ma anche la loro chiusura, nel caso in cui vadano male. Comanda il profitto, non il piagnisteo delle maestranze più care d’ Europa. L’ Italia è inospitale per gli imprenditori, in genere per i lavoratori autonomi, considerati per definizione evasori se non ladri. Non si tiene in considerazione il fatto che in Croazia e in Romania la mano d’ opera costa dieci volte di meno che dalle nostre parti. Gli operai pagano troppe tasse e riscuotono stipendi miseri. Non c’ è equità. Gli industriali di conseguenza non appena possono fuggono all’ estero dove sono ospitati quali benefattori e, quindi, agevolati dallo Stato e soprattutto da un fisco umano.

di Vittorio Feltri

almeno Fedeli faceva ridere….

L’attuale pseudoministro dell’istruzione oltre ad essere un odiatore seriale (impunito) ed un maleducato cromosomico ierei ha dichiarato:

“Noi abbiamo spesso una visione della storia come se i grandi eventi del passato fossero stati portati avanti da figure speciali, da uomini e donne con un’abilità che oggi è impossibile ritrovare”, esordisce Fioramonti dinanzi al suo uditorio. “Quindi in qualche modo creiamo una grande distanza tra le sfide del presente e la gloria di un passato che forse non tornerà più. Ecco invece io credo molto, sarà qui la mia vocazione intellettuale, ecco io credo molto in un approccio alla storia che sia superando la superficialità del testo, del libro di testo. Una cosa che per esempio mio figlio mi ha sempre detto. “Ma perchè, papà, la storia è una sequenza di battaglie?”.

E qui la “vocazione intellettuale” del ministro trova pieno sfogo. “Tutti conosciamo le grandi battaglie di Napoleone. Ma quanti si ricordano lo sforzo più importante dell’epoca Napoleonica? Cioè la costruzione di un codice civile. Tutti ricordiamo, non so, le battaglie di Giulio Cesare. Ma quanti ricordano, per esempio, la costruzione dell’idea di repubblica romana che Giulio Cesare ha distrutto con le sue battaglie? Cioè noi è come se raccontassimo una versione un po’ libresca del Trono di Spade e poi ci lamentassimo del fatto che la società in qualche modo incoraggia la violenza, vede nello scontro, anche nel conflitto un elemento essenziale della società”. ” (..) il giornale

 L’ARROGANZA TIPICA DEI SINISTRATI QUI EMERGE CON PREPOTENTE ENERGIA , SOPPORTABILE A TITOLO PERSONALE, NON LO E’ PIU’ QUANDO  SI PRESENTA COME “VOCAZIONE INTELLETTUALE” DA PRENDERE COME ESEMPIO ! 

PROBABILMENTE INVECE DI STUDIARE ERA IMPEGNATO AD INSULTARE QUALCUNO , LE LACUNE DEI TESTI DA QUESTO ELENCATE SONO UN’IMMONDA STRONZATA : BASTEREBBE LEGGERE E STUDIARE CON UN PO’ D’ATTENZIONE SENZA PARAOCCHI TALEBANICI!

RIMPIANGO FEDELI…SOB…..

 

MI PIACEREBBE SAPERE….

A QUALE TITOLO TANTI SPROVVEDUTI E SPESSO ANALFABETI DISSERTANO SULLA SITUAZIONE ATTUALE SENZA AVERNE NE’  TITOLO , CAPACITA’ O CONOSCENZA 

TALE RUBIO ( CUOCO) DICHIARA ” I POLIZIOTTI SONO IMPREPARATI, MI SENTO INSICURO” 

BENE ALLORA VEDI D’ANDARTENE A…….

non solo lui……

 

Trieste, l’assassino dei poliziotti “ha problemi psichici” Salvini: “Niente attenuanti”

Meran, il killer dominicano che ha ucciso due poliziotti in questura a Trieste, avrebbe dei “problemi psichici”. Il leader della Lega: “Niente sconti”

La sparatoria di Trieste fa discutere la politica. I due dominicani fermati per l’omicidio di due agenti di polizia e per il ferimento di un altro poliziotto sono Alejandro Augusto Stephan Meran, di 29 anni e Carlysle Stephan Meran, di 32.

 

GRAVI PROBLEMI PSICHICI LI HANNO I SINISTRATI MENTALI CHE ACCOLGONO OVES ET BOVES SENZA IDEE, SENZA STRUTTURE SENZA CERVELLO !!!

Blog su WordPress.com.

Su ↑