LA RESPONSABILITA’ E’ DI CHI LI IMPORTA E LI PROTEGGE !!!!

CRISTIAN UCCISO DA BRANCO IMMIGRATI A SPRANGATE: VOLEVA INDIETRO IL REGALO DELLA MAMMA

 VOX 

Cristian è stato ammazzato a sprangate da un branco di giovani immigrati. Al momento ne hanno arrestato uno:

Branco che vive alla stazione e che ora è sparito. Animali, come direbbe il nostro nuovo presidente, che non dovrebbero vivere in Italia.

VERIFICA LA NOTIZIA

«Da quando è successo il fatto, non abbiamo più visto quel gruppo di ragazzi nella zona della stazione». È la testimonianza di uno dei giovani che, oggi pomeriggio, martedì, hanno raggiunto il luogo del fatale pestaggio di Cristian Martinelli.Un appuntamento dato via WhatsApp per ricordare l’amico che ha perso la vita domenica, due giorni dopo la brutale aggressione che gli ha provocato letali emorragie interne. I giovani hanno affisso due striscioni all’ingresso del sottopassaggio del binario 2. Uno di questi riporta la frase “Riposa in pace Gioia”. «Gioia? È così – racconta un altro ragazzo – che Cristian chiamava tutti».

h

«Di questo gruppo fanno parte giovani e giovanissimi» racconta un’altra studentessa. «E tutti sapevano del loro atteggiamento violento, denigratorio e intimidatorio. Agiscono – prosegue – senza un reale motivo, ma solo per attaccar briga. Non pensavo che arrivassero fino a questo punto».

Un altro ragazzo del Casalese racconta che Martinelli sarebbe stato aggredito intorno all’una e trenta del pomeriggio di venerdì, lungo la banchina del binario 1. Cristian, dopo essersi divincolato dal brutale pestaggio, sarebbe caduto sui binari e rimasto lì, immobile, per alcuni minuti. Raccolte le forze, si sarebbe poi spostato sulla banchina del binario 2 per tornare nuovamente su quella dell’1.

Un cambio di idea – raccontano – motivato dalla volontà di chiedere indietro gli occhiali «regalati dalla madre» che, aggiunge un altro giovane, «il gruppo aveva preso come trofeo del pestaggio». Alla richiesta di Martinelli, il giovane moldavo che è stato fermato dai Carabinieri avrebbe risposto con altre botte. Divincolatosi una seconda volta, il 35enne ha cercato rifugio nei giardini della stazione di Casale, lato monumento ai Caduti. È lì che un passante lo ha notato in difficoltà e chiamato i soccorsi.

Cristian Martinelli, probabilmente, ha provato a recuperare le forze da solo, senza accettare alcun aiuto. Non ha telefonato a parenti o ad amici per chiedere di essere soccorso nonostante disponesse di un telefono cellulare. La situazione, però, è precipitata rapidamente. Così Martinelli è stato ricoverato all’ospedale Santo Spirito di Casale, dove ha fatto in tempo a raccontare ai medici ciò che aveva subìto. Poi il coma. La svolta nelle indagini è arrivata poche ore dopo quando, anche con l’aiuto delle telecamere presenti in zona, i Carabinieri della Compagnia di Casale e del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Alessandria, hanno stretto il cerchio attorno al giovane moldavo. Ma le indagini sono ancora in corso, il caso potrebbe non essere chiuso.

E Cristian è uno dei Caduti della nuova guerra: quella che gli immigrati hanno dichiarato all’Italia.

BEN VENGANO COLORO CHE SI INTEGRANO, LAVORANO E RISPETTANO LE LEGGI , GLI ATRI DEVONO ESSERE PUNITI SEVERAMENTE ALLA PARI DEI BEOBUONISTI CHE LI PROTEGGONO , ABBIAMO ABBASTANZA DELINQUENTI NOSTRANI SENZA IMPORTARLI DAL RESTO DEL GLOBO !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...