defecazioni :tale GRUMPEL

Celebra la morte del Papa, dicendo che Bergoglio sarà ora più libero di distruggere la Chiesa con le ‘riforme’.

“Un cardinale, di cui non farò il nome, ma che è un grande cardinale, mi ha detto oggi che, finalmente, Papa Francesco ora si sentirà più libero di fare le riforme della Chiesa, a partire dal ruolo della donna o il diaconato. Su questi temi il Papa Emerito Ratzinger era totalmente contrario…”. A raccontarlo all’Adnkronos è Udo Gumpel, corrispondente dall’Italia e dal Vaticano per il gruppo editoriale Rtl in Germania. “L’idea di Chiesa di Ratzinger non corrispondeva più a quello che la maggioranza dei tedeschi vede come Chiesa”, prosegue Gumpel che da giorni è in diretta dalla Piazza San Pietro a Roma a raccontare gli ultimi avvenimenti dopo la morte di Papa Benedetto XVI.

“Con lui sparisce un certo tipo di Chiesa. Ora c’è la consapevolezza che prima che vedremo un altro Papa tedesco ci vorranno almeno altri cinquecento anni…”, aggiunge. Il giornalista ricorda poi “l’entusiasimo in Germania quando fu eletto Papa Ratzinger”. “Tutti ricordiamo il titolo che fece la Bild Zeitung ‘Wir sind Papst’, cioè ‘Siamo tutti il Papa’. Ma questo entusiasmo è scemato presto in Germania. E’ rimasto molto popolare nella sua Baviera. Lui era molto fiero della sua terra. Lo ha scritto anche nel suo testamento spirituale nel 2006, cioè un anno dopo la sua elezione. Rispecchiava la sua personalità”.

“Io, a livello personale, l’ho incontrato diverse volte, quando era cardinale. A livello umano, era una persona molto amabile, di grande umiltà. Aveva questa dote di creare un rapporto sempre tra professore e studente, ma era un professore che cercava di spiegare, non lo faceva con il dito alzato – racconta il giornalista tedesco – Dall’altra parte, noi che siamo cronisti del Vaticano da molti anni, lo abbiamo conosciuto nella sua durezza dogmatica. Lui era un difensore di quello che riteneva la Chiesa cattolica. Mi ricordo in una conferenza stampa quando mostrava la sua contrarietà al concetto di Giovanni Paolo Secondo a chiedere perdono. Perché Ratzinger aveva il concetto teologico che il corpo della Chiesa era santo e dunque la Chiesa non deve chiedere perdono. Gli sembrava una offesa al corpo della Chiesa”.

non c’e’ piu’ nulla da distruggere…gia’ fatto tutto … fedeli disorientati ed allontanati a causa dei marasmi mentali di qualcuno….

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...