non s’imbarazzano, sono senza pudore !!

“I paladini del reddito di cittadinanza tacciono”. I dati che imbarazzano i 5S

Storia di Marco Leardi • Ieri 18:56

Reagisci|61

  • Da una parte la strenua difesa del reddito di cittadinanza, dall’altra i numeri della vergogna. Quelli che mostrano l’altro lato della medaglia. Mentre Giuseppe Conte sta percorrendo l’Italia per sostenere il mantenimento del sussidio grillino, continuano a sussegursi casi di denunce per percezioni indebite, con annesse truffe allo Stato. Il più recente arriva da Prato, dove i carabinieri hanno individuato 19 persone che avrebbero ottenuto il beneficio assistenzialista pur non avendone diritto. Incrociando i dati forniti dall’Inps e dagli uffici dell’anagrafe, i militari hanno scoperto un’illegittima percezione pari a circa 60mila euro. Cifra che potrebbe aumentare, dal momento che altre posizioni sopette sono al momento al vaglio.

“I paladini del reddito di cittadinanza tacciono”. I dati che imbarazzano i 5S© Fornito da Il Giornale

Rdc, i dati che imbarazzano i grillini

Le notizie di questo tenore hanno una cadenza pressoché giornaliera, sebbene i Cinque Stelle sembrino far finta di niente. Secondo Giuseppe Conte, i furbetti del reddito sarebbero infatti solo una sparuta minoranza e il clima ostile alla suddetta misura sarebbe stato creato da una “campagna mediatica” attenta solo a evidenziare le irregolarità. Che il problema esista, tuttavia, lo ha certificato di recente anche l’Inps guidata economista Pasquale Tridico, nominato alla guida dell’ente previdenziale proprio dall’ex premier. Meglio tardi che mai. A ricordare a Conte i dati sui tentativi di raggiro ci ha pensato poi il sottosegretario al Mur e deputato di Fdi, Augusta Montaruli, proprio nelle ore il cui il leader pentastellato era tornato a lodare il reddito nel corso del suo tour “acchiappa-consensi”.

Video correlato: Reddito di cittadinanza, in 10 mesi stop a 240 mila domande (Dailymotion)

Fdi contro i “paladini” del reddito di cittadinanza

“A chi afferma che il rischio di truffe sul reddito di cittadinanza rappresenti una percentuale irrisoria è sufficiente rispondere con i numeri. Su un milione e 290 mila domande per il reddito presentate nei primi 10 mesi di quest’anno, l’Inps ne ha preventivamente respinte 240 mila: un quinto. Sono dati che i paladini di questa misura, quelli che ci costruiscono tourné in sua difesa, nelle piazze e in tv si guardano bene dal ricordare”, ha osservato Augusta Montaruli, riservando un’ulteriore stoccata ai pentastellati: “Aggiungo che tali controlli preventivi dell’Inps sono partiti solo quest’anno: durante i governi Conte I e II non venivano effettuati e dunque non sapremo mai quante truffe o domande inidonee non sono state respinte”.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...