demenziale e delinquenziale:

Ogni giorno, da quando è stato introdotto, la cronaca ci racconta quanto sia stato dannoso e fallimentare il reddito di cittadinanza. Il sussidio pensato e voluto dai grillini avrebbe dovuto “abolire la povertà”, come aveva assicurato l’allora leader del Movimento Luigi di Maio, ma la povertà è cresciuta, avrebbe dovuto favorire l’occupazione, ma i centri per l’impiego non sono mai stati operativi ed efficienti, nonostante l’assunzione di personale che ha finito con il poltrire, avrebbe dovuto essere destinato ai bisognosi, ma quotidianamente salta fuori una indagine della Guardia di Finanza che, su tutto il territorio nazionale, senza eccezioni di sorta, smaschera farabutti (definirli furbetti sarebbe riduttivo) i quali intascano i quattrini pubblici dichiarando il falso, truccando le carte, compiendo raggiri, nascondendo proprietà, attività e status economico. Si parla di miliardi di euro andati in fumo nel giro di pochi anni, convogliati spesso nelle casse della criminalità organizzata. Ecco perché l’obolo grillino non soltanto non ha “abolito la miseria”, bensì ha anche incentivato le frodi e rafforzato l’animus spoliandi della parte peggiore della cittadinanza.

Prende i soldi e scappa dal voto. Pietro Senaldi, pietra tombale su Giuseppe Conte: che figuraccia…


L’ultimo caso è quello di Torino, dove una dipendente dell’Istituto di Patronato ente nazionale assistenza sociale ai cittadini/Caf Unione nazionale sindacale imprenditori e coltivatori, coadiuvata dal marito e da altri quattro membri di tale associazione, avrebbe inoltrato centinaia e centinaia di richieste al portale Inps, volte a consentire l’indebita erogazione del sussidio a favore di cittadini stranieri, precisamente di nazionalità rumena, non risedenti in Italia, insomma a persone che non ne avevano alcun diritto le quali ogni mese ricevevano soldi dal Bel Paese. Questo preciso furto allo Stato ammonta a circa 1.400.000 euro. Quindi, codesta gente se ne stava nella propria terra madre e conduceva una esistenza comoda e agiata mantenuta dai contribuenti italiani vessati da una tassazione divenuta per troppe famiglie insostenibile. È evidente e incontrovertibile che il reddito di fannullaggine vada eliminato o almeno rivisto e corretto. Per di più con la massima urgenza.

VITTORIO FELTRI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...