solo poveri dementi possono…..

ANDARE A STUZZICARE IL CAN CHE DORME : FATELO TACERE PORKATROIA !!

Nuovi screzi tra Mosca e Roma, ecco perché i russi hanno l’Italia nel mirino

GUERRA /

Mauro Indelicato
11 APRILE 2022

Dopo l’Ucraina e gli Stati Uniti, forse l’Italia è il terzo Paese più citato dalla dirigenza russa dall’inizio della crisi. Più volte da Mosca sono arrivati attacchi diretti verso la nostra classe politica, rea di essersi accodata troppo presto agli occhi russi alle sanzioni volute dall’Europa, ma soprattutto verso il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.



Prima dello scoppio della guerra, in una nota del ministero degli Esteri russo il titolare della nostra diplomazia è stato criticato aspramente: “Ha una strada idea di diplomazia – si leggeva con riferimento a Di Maio – il ministro italiano dovrebbe ricordarsi che diplomazia non è assaggiare piatti esotici nelle cene di gala”. In questa domenica la nuova stoccata arrivata direttamente da Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo: “Il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, ha fatto confusione, come sempre”, ha dichiarato con riferimento ad alcune parole dette dal nostro ministro poche ore prima ad Algeri.

Il botta e risposta delle ultime ore

A Mosca non hanno prese bene le parole di Luigi Di Maio ad Algeri. Qui il ministro degli Esteri è giunto in mattinata e ha spiegato il motivo della sua visita: “Dobbiamo renderci più indipendenti dai ricatti sul gas della Russia”. L’Algeria infatti già oggi è tra i principali fornitori di gas, esiste un gasdotto che collega il Paese nordafricano alla Sicilia e quindi per Roma la strada che porta a un aumento delle forniture algerine viene vista con molto favore. Il termine “ricatti” però ha provocato la reazione da parte russa: “Il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, ha fatto confusione, come sempre – si legge in una dichiarazione di Maria Zakharova – Non è la Russia che ricatta l’Unione Europea con le forniture di gas ma è l’Unione Europea che ricatta la Russia con sanzioni e minacce di nuove restrizioni, rafforzando le forze armate dei suoi Paesi lungo il perimetro dei confini russi e fornendo armi di ogni tipo all’Ucraina”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...