un classico…

NOI IN TUTTE LE GUERRE ABBIAMO INIZIATO CON UNA PARTE E FINITO CON L’ALTRA !

Quel “tradimento” di Conte dietro l’attacco di Mosca

21 Marzo 2022 – 06:00

Giuseppi nominò cavaliere Paramonov e i russi nel 2020 inviarono aiuti anti Covid. Poi la rottura

Pasquale Napolitano

Cosa si nasconde dietro le minacce di Mosca all’Italia? Perché il Cremlino ha messo nel mirino soprattutto Roma? E non altri Paesi europei che pure hanno approvato le sanzioni contro la Russia e inviato armi a Kiev. Due giorni fa, Alexei Vladimorovic Paramonov, ex console russo a Milano, direttore del dipartimento europeo del ministero degli Esteri, ha minacciato l’Italia di «conseguenze irreversibili» se aderirà al nuovo piano di sanzioni contro Mosca. Paramonov, che nel 2018 ha ottenuto su proposta dell’allora premier Giuseppe Conte, la nomina di Cavaliere della Repubblica italiana, ha bollato il ministro della Difesa Lorenzo Guerini come «un falco» e ha accusato il governo italiano di aver «dimenticato gli aiuti ricevuti dal Cremlino durante la pandemia». Il funzionario russo, uno che conosce molto bene il tessuto produttivo ed economico italiano, tira in ballo la missione «dalla Russia con amore».

È il 22 marzo 2020, l’Italia è aggredita dal coronavirus, quando all’aeroporto militare di Pratica di Mare arrivano in soccorso i russi: si tratta ufficialmente di una missione sanitaria. Ma nella delegazione, 104 componenti, ci sono solo 28 medici e quattro infermieri. Gli altri sono militari. Lo scopo della missione è supportare esercito e medici italiani nella lotta al Covid nella città di Bergamo. I russi vengono accolti con tutti gli onori. All’aeroporto di Pratica di Mare c’è il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Il riferimento di Paramonov è alla missione del marzo 2020.

Cosa c’è dietro? Le ipotesi sono due. La prima, che però non trova molti riscontri, è che quella missione portò in dote alla Russia una serie di accordi economici e commerciali con l’Italia. Una pista che metterebbe nel mirino l’allora inquilino di Palazzo Chigi Giuseppe Conte. Accordi «traditi» con la decisione del governo italiano di spostarsi sulle posizioni di Kiev e di sostenere le durissime sanzioni contro Mosca. Un feeling archiviato: «L’Italia ha messo da parte ogni, per così dire, romanticismo nei confronti della Russia», conferma all’Ansa la vice premier dell’Ucraina Olga Stefanishyna.

L’altra ipotesi, molto più accreditata sia negli ambienti italiani che russi, è che lo scopo della missione fu sostanzialmente quello di studiare da vicino un focolaio importante come quello italiano. Mosca intuì prima dell’Italia l’importanza politica del vaccino e della pandemia. La missione rientrava in quella che in quei giorni venne definita «diplomazia degli aiuti», una declinazione del cosiddetto soft power: un’operazione messa in campo dal Cremlino per accreditare il suo prestigio verso le popolazioni occidentali. Non ci fu, dunque, nessun accordo commerciale o economico alla base della missione. Quali allora le ragioni dell’attacco mirato contro il governo italiano? Mosca si sente tradita. L’Italia verso la Russia, anche durante le sanzioni, è stata la Nazione, tra quelle occidentali, che ha sempre mantenuto un dialogo. Ma ha soprattutto conservato rapporti economici e culturali. Basta rileggere un documento firmato nel 2015 dall’allora Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza (capo della diplomazia europea), l’italiana Federica Mogherini, nel quale insisteva sulla necessità per l’Europa di riaprire il dialogo con la Russia di Putin. Il documento fu giudicato da alcuni troppo conciliante con la Russia. E dunque, Mosca confidava in maggior prudenza da parte di Roma. Ma soprattutto sperava, in virtù di un’antica sintonia, nel ruolo di mediatore da parte del governo italiano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...