la giustizia NON esiste

MINI IMMIGRATI

GANG DI IMMIGRATI MASSACRA DUE RAGAZZINI PER LO SMALTO: NIENTE AGGRAVANTE PERCHÉ VITTIME ITALIANE

 VOX 1 COMMENTO

https://xn--r1a.website/s/VoxNewsInfo

Condividi!

FacebookTwitterTelegramWhatsAppVKMessengerCondividi

Quindi, se un italiano picchia un ladro africano c’è l’aggravante dell’odio razziale, se invece una banda di immigrati massacra di botte due ragazzini italiani un po’ strani, allora non c’è alcuna aggravante.

VERIFICA LA NOTIZIA

Si tratta del moldavo Robert Costas, 20 anni, accusato di apina e lesioni aggravate, ma non dall’omofobia. Un fatto che aveva scosso l’intero territorio, ma era rimbalzato anche sulle cronache nazionali. Secondo quanto ricostruito Simone Pasquino e Luigi Lupini, oggi maggiorenni, sono stati avvicinati da alcuni ragazzi che li hanno presi in giro prima per il ciuffo bianco, poi per lo smalto nero sulle unghie di Luigi. Con un accendino volevano dargli fuoco per toglierlo. Poi gli hanno strappato le collane. L’amico Simone è intervenuto per cercare di fermarli. Gli hanno sferrato un pugno in faccia, poi calci in bocca, alla schiena, al braccio, ovunque tanto da rompergli il naso (30 giorni di prognosi).

https://voxnews.info/2021/05/12/parla-il-ragazzino-massacrato-da-immigrati-per-lo-smalto-ho-detto-ora-muoio/embed/#?secret=EswuAOh0J0

Le indagini hanno portato a rintracciare e identificare gli 8 giovani. Gli agenti del Commissariato di Fano, il 24 giugno, avevano eseguito 3 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti giovani, che facevano parte del gruppo. Si tratta del moldavo, Robert Costas, noto alle forze dell’ordine e ritenuto il leader del gruppo che ha scelto il dibattimento davanti al collegio di Pesaro. Poi Rida Bouzidi, 19 anni, già ospite di una comunità educativa della zona e Achraf Alkeir marocchino di 20 anni residente a San Costanzo. C’erano anche quattro minorenni, ritenuti responsabili di rapina aggravata e continuata.

Il pm non aveva ritenuto che potesse essere contestata l’aggravante della discriminazione sessuale perché la banda era dedita alle rapine, cosa avvenuta poco prima nei confronti di due ragazzi bloccati in auto a cui hanno strappato il bracciale. Ad Alkeir è stata contestata la rapina in concorso con Bouzida per aver accerchiato l’auto di due ventenni per poi costringerli a consegnare un braccialetto e un telefono cellulare. A Bouzida anche le lesioni nei confronti di Simone, pestato assieme a dei minorenni. Ieri la discussione con il pm che ha chiesto la condanna a 6 anni e 10 mesi. Il collegio ha condannato Costas a 5 anni e 9 mesi e 930 euro di multa. Il giudice ha condannato l’imputato al risarcimento di 2.500 euro per Luigi Lupini e 7.500 per Simone Pasquino oltre 3.000 per spese di costituzione parte civile per ognuno. I due ragazzi erano assistiti dalle avvocatesse Cristiana Cicerchia e Marilù Pizza. Inoltre è stata stabilita l’ interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Il giovane è in carcere. Il gup aveva già condannato Bouzidi a 2 anni e 8 mesi e Alkeir a 1 anno e 8 mesi. Verrà discussa in sede civile la questione del risarcimento economico. Bouzida aveva chiesto scusa durante l’udienza ammettendo l’aggressione negando la rapina e ha anche inviato una lettera a Simone nei giorni scorsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...