lapalissiano….

Torino, il reddito di cittadinanza che fa crollare Di Maio e M5s: a chi l’hanno regalato

Reddito di cittadinanza? Fabbrica di precari (nel migliore dei casi): le cifre che sotterrano il M5s

“Una vergogna”. Vittorio Feltri fa a pezzi il Movimento 5 Stelle: ecco l’ultima farsa sul reddito di cittadinanza

13 gennaio 2022

Torino, il reddito di cittadinanza che fa crollare Di Maio e M5s: a chi l'hanno regalato

Torino, il reddito di cittadinanza che fa crollare Di Maio e M5s: a chi l’hanno regalato00:00

Non solo piccoli criminali, ma anche boss della ‘ndrangheta, malavitosi e assassini: il reddito di cittadinanza veniva percepito in maniera indebita proprio da tutti, come ha scoperto la Dda di Torino. Qualcuno di loro avrebbe dimenticato di dichiarare le condanne per ’ndrangheta, qualcun altro invece avrebbe presentato domanda prima di essere arrestato e avrebbe continuato a percepire il sussidio anche dopo, eludendo così le norme che prevedono la sospensione del beneficio ai detenuti. Ma – come riporta La Stampa – ci sono anche le mogli di questi indebiti percettori che hanno preferito omettere i dettagli sul casellario giudiziale dei mariti.

“Lavori temporanei e periodi di occupazione molto brevi”: il reddito di cittadinanza è una fabbrica di precari

Tra coloro che hanno indebitamente percepito il reddito ci sarebbe pure un membro del clan Marando, radicato soprattutto nella zona sud di Milano, ma con collegamenti anche con la zona di Torino. Si tratterebbe di uno dei responsabili della cosiddetta strage degli Stefanelli, tre morti, uccisi a Volpiano nel 1997, i cui corpi non sono mai stati trovati. Qualche anno dopo, arrivò la condanna a 30 anni. Di recente è uscito dal carcere ed è finito in quegli elenchi. 

Reddito di cittadinanza, scandalo infinito: ecco chi intasca 600 euro in più grazie alla mangiatoia grillina

Reddito di cittadinanza, scandalo infinito: ecco chi intasca 600 euro in più grazie alla mangiatoia grillina

Ma non è tutto. Tra i percettori scoperti dalle forze dell’ordine figura pure un potentissimo esponente della famiglia Agresta, molto attiva in Piemonte, già autore in passato di sequestri di persona a Torino. Su un centinaio di detenuti che ricevevano l’aiuto economico c’era anche lui. Infine, spiega La Stampa, ci sarebbe pure un altro criminale, Benvenuto Praticò, detto “Paolo”: “L’altro ieri è stato prosciolto dalle accuse nell’udienza preliminare. Pare abbia spiegato che non si sia accorto della causa ostativa relativa alle sue condanne per mafia, non facilitato in questo dalla complessità dei documenti da compilare. Manca il dolo, niente condanna“.

COME PER L’IMMIGRAZIONE SELVAGGIA DEFECANO IDIOZIE SENZA SAPERE COME GESTIRLE QUINDI ALLA FINE SONO DISASTRI IMMANI A 360° !

SE NASCI E CRESCI CAPRA CAPRA RESTI !!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...