Bollette, salta la “tassa di solidarietà”. Il centrodestra ferma il governo, ma è caos: stop ai lavori

Salta il cosiddetto contributo di solidarietà per i redditi più alti per far fronte agli aumenti delle bollette. E’ quanto si apprende al termine del Consiglio dei ministri che non ha trovato la quadra sulla misura. Il governo dopo un lungo braccio di ferro si è spaccato e la “tassa” è stata bocciata per la totale contrarietà del centrodestra, in particolare di Lega, Forza Italia e Italia Viva. Secondo alcune fonti alla fine sarebbe stato lo stesso premier Mario Draghi a decidere per un cambio di rotta ed evitare così nuove frizioni all’interno della maggioranza.  

Il contributo avrebbe riguardato chi guadagna più di 75 mila euro e sarebbe andato di fatto a eliminare il vantaggio fiscale. Il premier Mario Draghi aveva chiesto ai capi-delegazione di esprimersi sulla richiesta dei sindacati: Pd, Leu e Movimento 5 stelle si erano detti a favore, contrari centrodestra e Italia Viva.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...