i pagliacci sono serviti:

“Questo è un plotone contro la Meloni“. Crosetto lascia lo studio di Formigli

14 Ottobre 2021 – 23:51

L’imprenditore ha lasciato la trasmissione di La7 in aperta polemica. “Quando tutti sparano su persone che non possono difendersi, non è giornalismo né democrazia”, ha detto prima di abbandonare la direttaMarco Leardi0

"Questo è un plotone contro la Meloni". Guido Crosetto se ne va da Formigli

“Questo è un plotone di esecuzione nei confronti di Giorgia Meloni e del centrodestra”. Così, ieri sera Guido Crosetto ha deciso di abbandonare lo studio di Piazzapulita, dove da più di un’ora si stava discutendo della controversa inchiesta di Fanpage su Fratelli d’Italia e Lega. Nello studio di La7, i toni del confronto e dei servizi trasmessi erano palesemente monocordi, ostili ai suddetti partiti e ai loro leader. Dunque – arrivato il momento di prendere la parola – l’imprenditore ed ex sottosegretario alla Difesa ha preferito andarsene in aperta polemica con l’impostazione del talk show.

“Io ascolto da un’ora la trasmissione. Man mano che la sentivo andare avanti mi chiedevo: ‘Che cosa ci faccio qua? ‘. Perché io ho una grandissima stima nei confronti del giornalismo, ancora più della politica con la p maiuscola e della democrazia. E penso che la democrazia si fondi sul confronto, non sui plotoni d’esecuzione. Quando vedo dei plotoni d’esecuzione dico che sarebbe giusto che si difendessero le persone che poi vengono uccise”, ha dichiarato Crosetto, unico ospite in studio a prendere le difese di Giorgia Meloni e del centrodestra. Davanti a lui, la sardina Mattia Santori (ora tra le fila del Pd) e il vicesegretario dem Giuseppe Provenzano, che nei giorni scorsi aveva addirittura definito la leader di Fratelli d’Italia “fuori dall’arco democratico“. Poco prima, in apertura di trasmissione, aveva preso la parola pure Romano Prodi.

Incalzato dal conduttore Corrado Formigli, che lo invitava a spiegare meglio la propria contestazione, Crosetto ha aggiunto: “Il plotone d’esecuzione è quello che è stato sinora la trasmissione, nei confronti di Giorgia Meloni e dell’intero centrodestra (…) Io sono inadatto nel recitare il ruolo di foglia di fico e faccio l’unica cosa che può fare una persona che si sente inadatta. La saluto, mi scuso e me e vado”. A quel punto, l’imprenditore si è alzato dal tavolo della discussione e si è incamminato verso l’uscita dello studio. Trattenuto con fastidio dal padrone di casa, che gli rinfacciava di aver voluto fare una “uscita di scena teatrale”, Crosetto ha tenuto il punto. E ha ribadito: “Quando tutti sparano su persone che non possono difendersi, non è giornalismo né democrazia, secondo me”.

Poco più tardi, mentre in diretta su La7 proseguiva la discussione, l’ex sottosegretario alla Difesa è tornato a motivare il suo gesto con un tweet. “Non dividetevi, come al solito, tra squadre di tifosi per commentare il mio gesto. Non ha nulla di politico. È altro. Riguarda il modo di fare le cose. Anche di contrapporsi. Mi è costato molto farlo e ho deciso 5 minuti prima di alzarmi. Mi scuso con Piazzapulita”, ha scritto.

SERVI AL SOLDO, EXCORT MA DI BASSA LEGA , SARDINE PUTREFATTE …….

UN LETAMAIO PUZZOLENTE ASSAI !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: