appunto….

Ilda Boccassini, la rabbia di Maria Falcone: “Non c’è più rispetto né senso del pudore”

Sullo stesso argomento:

“La doppia morale dei magistrati indagati”. Filippo Facci smonta Ilda Boccassini: il sospetto sulla procura di Milano

“Pressioni sui testimoni”. Ilda Boccassini graziata dai colleghi? Chi vuota il sacco in procura, il caso si complica

11 ottobre 2021

  • a
  • a
  • a

“Si è smarrito ormai qualunque senso del pudore”: Maria Falcone commenta così le dichiarazioni fatte da Ilda Boccassini nella sua nuova autobiografia. L’ex magistrato, infatti, ha dedicato uno spazio del libro al suo rapporto sentimentale con il collega Giovanni Falcone. “Non c’è più rispetto prima di tutto dei propri sentimenti (che si sostiene essere stati autentici), poi della vita e della sfera intima di persone che, purtroppo, non ci sono più, non possono più esprimersi su episodi veri o presunti che siano”, ha scritto la sorella del giudice ucciso dalla mafia in una lettera inviata al quotidiano La Sicilia.

“Ha impedito che controllassero le carte di credito”. Scandalo-Boccassini, l’inchiesta sabotata dalla pm anti-Cav

Secondo Maria Falcone, inoltre, i protagonisti di questa vicenda – compresa la moglie del magistrato, Francesca Morvillo, morta col marito nella strage di Capaci – “avrebbero vissuto questa violazione del privato come un’offesa profonda“. In un secondo momento, la sorella di Falcone ha giudicato in maniera negativa anche l’intervento del drammaturgo Ottavio Cappellani, che sul quotidiano ha commentato in chiave satirica i passaggi del libro della Boccassini relativi al rapporto con Giovanni Falcone. “Non riesco bene neppure a comprendere il senso – ha fatto sapere – mi pare si sia superato il limite“.

Il pessimo gusto della Boccassini, sfregio alla moglie morta di Giovanni Falcone: Che notte..., Senaldi picchia duro

Il pessimo gusto della Boccassini, sfregio alla moglie morta di Giovanni Falcone: “Che notte…”, Senaldi picchia duro

“Questo immaginare scenette da sit-com di basso livello, questo descrivere due persone, che hanno fatto della compostezza e della riservatezza regole di vita e che sono state uccise per difendere la democrazia nel nostro Paese, come ridicoli protagonisti di un romanzetto di quart’ordine è vergognoso”, ha osservato la sorella del magistrato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: