come farlo capire ai cerebrolesi ?

Vittorio Feltri: “Pochi bambini e troppi migranti, il vero guaio italiano”

a

a

Il tormentone giornalistico e politico in auge è quello dei pochi bambini che nascono in Italia. Lo slogan è: culle sempre più vuote. In effetti stando alle statistiche è calato negli ultimi tempi il numero dei nuovi venuti al mondo. A me non sembra una tragedia, e lo dice uno che ha avuto quattro figli e mezzo, il mezzo era un ragazzino adottato. Ieri mattina, sabato, gironzolando per Milano avrò incontrato almeno trenta coppie, nel giro di qualche minuto, che spingevano carrozzine in cui spiccavano fanciullini bellissimi, ben tenuti, curatissimi. E ho pensato, magari sbagliando, che forse non tutti i presunti mali vengano per nuocere: meglio pochi virgulti in fiore che tanti coetanei trascurati. Per anni, nel secolo scorso, pareva che il problema dei problemi fosse la crescita demografica smisurata.

Quando mi sposai, una vita fa, la popolazione mondiale era all’incirca di tre miliardi e mezzo. Dopo un paio di lustri era di molto aumentata: cinque miliardi. Ora è sul punto di raggiungere gli otto miliardi. Alla faccia delle culle vuote. Indubbiamente vi sono Paesi sudamericani e asiatici in cui si scopa come madrilli e in certe famiglie si registrano decine di parti coniglieschi, per cui la quota totale dei pargoli che piovono sulla Terra è mostruosa, mentre in Italia si scopa con moderazione, per fortuna, almeno noi non contribuiamo a far esplodere il pianeta. Poiché però la Terra è una sola non possiamo considerare nel computo finale unicamente il complesso di persone viventi nella nostra Nazione.

Si dà il caso che l’umanità da sempre emigri cercando di insediarsi in luoghi ospitali, dove costruire un avvenire migliore: cibo, lavoro e benessere. Ovvio che sia così. Pertanto la nostra Patria è inutile che inciti i cittadini a sfornare bambini in quantità industriali, quando è impossibile mantenerne, per i nostri sposi, alle prese con costi pazzeschi, più di un paio. Semmai ciascuno di noi (e il governo) è obbligato a impegnarsi per blindare i confini in modo da controllare l’ingresso degli stranieri, affinché non superi certi limiti di sicurezza. Questa è una partita che va giocata in difesa e non all’attacco. Dare figli alla luce va bene fino a un determinato punto, opportuno invece sarebbe spegnere la luce in maniera che gli immigrati ci perdano di vista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: