l’ornitologa piu’ esperta…..

La Canzone Segreta, “100mila euro per un’ora”. Belen Rodriguez fa crollare la Rai, si muove la Lega: scandalo senza precedenti a Viale Mazzini?

PAGATA COL DENARO ESTORTO COL CANONE ?

STRAMALEDETTI SCHIFOSI !!

le leggi contro le discriminazioni già ci sono….

La legge anti omofobia finisce nelle mani di un leghista. La sinistra impazzisce

28 aprile 2021Esplora:

  • Dopo un cammino accidentato il disegno di legge sull’omotransfobia, il cosiddetto ddl Zan, è stato calendarizzato al Senato, grazie al voto decisivo di Italia Viva. Tutti contenti? Niente affatto. La polemica è esplosa più di prima perché il relatore sarà il leghista Andrea Ostellari, presidente della commissione Giustizia a Palazzo Madama. Per la sinistra si tratta di una provocazione inaccettabile: “Dispiace che Ostellari sia il relatore. Ha dimostrato di non essere imparziale”, attacca la senatrice Monica Cirinnà. Le fa eco Laura Boldrini: “Un atto di prepotenza per perdere tempo”, e lo stesso primo firmatario Zan, anziché essere soddisfatto che il suo testo verrà finalmente discusso, rincara la dose: “Ostellari relatore è solo un altro tentativo di affossare il ddl”. Nel dibattito politico interviene la Cei: “Una legge che intende combattere la discriminazione, non deve perseguire l’obiettivo con l’intolleranza”, avvertono i vescovi, “nessuno metta in dubbio che uomo e donna sono diversi”.

BASTEREBBE APPLICARLE ..NON C’E’ BISOGNO D’UNA FOLLIA COME QUELLA PROPOSTA CHE E’ SEMPLICEMENTE DEMENZIALE …

D’ALTRA PARTE BASTA VEDERE CHI L’APPOGGIA …

buffoni pagliacci & giullari:

“Basta sbarchi”: scoppia la grana immigrazione

27 Aprile 2021 – 20:33

L’Ocean Viking ha soccorso 236 migranti al largo della Libia. Il governo rischia di andare in tilt: “Cambiare registro, non saranno più tollerati gli sbarchi di clandestini sulle nostre coste”

Luca Sablone

MENTRE L’INPS CONFERMA CHE LA BANDA DI “INTELLIGENTI” PAGA IL REDDITO DEL FANCAZZISTA A 400.000 – QUATTROCENTOMILA – TRA CLANDESTINI E ZINGARI

MENTRE OGNI GIORNO SBARCANO 3/500 NUOVI ELEMENTI ATTRATTI DALL’ESSERE MANTENUTI IN ALBERGO O SU NAVI DI LUSSO…LA BANDA DI CEREBROLESI S’ACCORGE CHE E’ ORA DI PIANTARLA…

PECCATO CHE SIA TROPPO TARDI…. PECCATO CHE LA GIUSTIZIA NON APPLICHI LE LEGGI IN MERITO MA SENTENZI SEMPRE “AD CAZZUM” SULL’ARGOMENTO,

PECCATO CHE LA POLITICA SUL TEMA ORMAI CONTI UN BEATO CAZZO…

PECCATO….

magari !!!

Otto e Mezzo, Michele Santoro spiazza la Gruber: “Travaglio direttore del Tg1”, in che roba vuole trasformare la Rai

GALLEGGIANO SEMPRE GLI……..

MAGARI FOSSE COSI’ FINALMENTE DISDIRE L’ABBONAMENTO ESTORSIONE ALLA TV SARA’ UN OBBLIGO !

sottoprodotti umani

Beppe Grillo, mossa estrema per salvare il figlio Ciro: “Indagini private sulla ragazza, chi ha assoldato”

Sullo stesso argomento:

Sapete quanto hanno aspettato per interrogarlo?”. Santoro, la bomba sul figlio di Grillo: brutto sospetto sulle indagini

27 aprile 2021

  • a
  • a
  • a

Tutto pur di salvare il figlio Ciro Grillo dall’accusa di stupro. Secondo RepubblicaBeppe Grillo avrebbe chiesto “indagini conoscitive” su Silvia, la 19enne studentessa italo-svedese che ha denunciato di essere stata violentata nella villa del comico e fondatore del M5s a Porto Cervo, in Sardegna, la notte del 17 luglio 2019. Indagati, come noto, sono Ciro e tre suoi amici, in vacanza insieme a lui. 

Stupratore? Prima di tutto un cog***. Da Giletti cala un silenzio di tomba: la fucilata di Sandra Amurri sul caso-Ciro Grillo | Video

“Stupratore? Prima di tutto un cog***”. Da Giletti cala un silenzio di tomba: la fucilata di Sandra Amurri sul caso-Ciro Grillo | Video


Qualche giorno fa ha scatenato un putiferio il video con cui Beppe ha difeso il figlio ribaltando sostanzialmente le accuse sulla ragazza, chiedendosi perché abbia deciso di denunciare solo qualche giorno dopo. Una domanda maliziosa che ha scandalizzato mezza Italia e imbarazzato i parlamentari grillini. Ma l’escalation non si ferma. Grillo avrebbe infatti dato mandato “a un professionista, l’outsider Marco Salvi,noto per essersi occupato del serial killer Donato Bilancia e dell’omicidio di Carlo Giuliani durante il G8″. Salvi dovrà valutare il video e le foto scattate quella notte in camera da letto per capire quanto la 19enne fosse ubriaca, capace di intendere e di volere e, di conseguenza, consenziente. 

Chi la guarda, giudicherà. Censura di Lilli Gruber sul caso del figlio di Grillo, Massimo Giletti la massacra: un grosso caso a La7

“Chi la guarda, giudicherà”. Censura di Lilli Gruber sul caso del figlio di Grillo, Massimo Giletti la massacra: un grosso caso a La7

Secondo Repubblica, la linea difensiva dei 4 accusati non è così granitica e si attenderebbe solo l’ufficiale rinvio a giudizio per scatenare il liberi-tutti. “Quando saranno chiarite alcune cose, qualcuno si toglierà il sassolino dalla scarpa”, ha detto uno d’i sei avvocati difensori, come ricorda il quotidiano. “Nel video si vede che la ragazza comunque sta benissimo e che noi non costringiamo niente”, ha raccontato uno degli indagati, Lauria, ai giornali. Silvia “ha bevuto la vodka per sfida, perché noi non riuscivamo a berla. E poi è andata a dire che l’ho presa per la gola”. Dichiarazioni che secondo Repubblica non sarebbero casuali né “un colpo di testa”, ma “scavano un solco profondo.Tra un prima e un dopo che la ragazza italo-svedese ‘fosse costretta a bere vodka’, alle 9 del mattino”. E dei 4 amici uno si sarebbe già tirato fuori dalle accuse di stupro, rivelando di aver avuto con la ragazza un rapporto consenziente nel cuore della notte.

ANIMALI SENZA CERVELLO, SENZA MORALE, DA RINCHIUDERE…. CONSENZIANTE DOPO CHE L’HANNO FATTA UBRIACARE ?????

COMUNQUE SIA SONO DA INTERNARE

ole’ !!

“In Italia più morti di tutti”. Draghi inchioda i giallorossi

26 Aprile 2021 – 23:12

Nel Recovery Plan spunta la premessa al vetriolo di Draghi che abbatte la favola del “modello italiano” nella lotta al virus

Giuseppe De Lorenzo

E’ PER QUELLO CHE S’E’ TENUTO MINISTRI DEMENZIALI E NON CI FANNO VOTARE ?

mortadella lo sa ?

Mario Draghi confessa: perché l’euro ci ha puniti, Italia bloccata dal 1999

Esplora:

Condividi:

Mario Draghi

Sullo stesso argomento:

“Ma con che testa? Le aperture del 26 aprile non bastano”: Salvini in pressing su Draghi

Il Superbonus per ora non c’è, stangata sulle pensioni. Recovery, via libera del CdM: le misure, rischio-caos per Draghi

Antonio Socci 25 aprile 2021

  • a
  • a
  • a

Nella premessa di Mario Draghi al “Piano nazionale di ripresa e resilienza”, anticipata dal Foglio, si dice che il Covid 19 in Italia ha fatto più danni che in altri Paesi, sia dal punto di vista economico (il Pil crollato dell’8,9%, mentre nell’Ue è calato del 6,2) sia dal punto di vista sanitario («l’Italia è il Paese che ha subito la maggior perdita di vite nell’Ue»). Draghi non punta il dito, ma questi due dati sono un’implicita bocciatura del governo precedente. Il premier poi rileva che «la crisi si è abbattuta su un paese già fragile dal punto di vista economico, sociale e ambientale». E snocciola dei dati che finora erano ripetuti solo dagli eurocritici: «Tra il 1999 e il 2019» scrive Draghi «il Pil in Italia è cresciuto in totale del 7,9%. Nello stesso periodo in Germania, Francia e Spagna l’aumento è stato rispettivamente del 30,2, del 32,4 e del 43,6%. Tra il 2005 e il 2019, il numero di persone sotto la soglia di povertà è salito dal 3,3% al 7,7% della popolazione – prima di aumentare ulteriormente nel 2020 fino al 9,4%». In pratica una catastrofe economica e sociale. A cosa è dovuta? Non è certo un caso che i decenni indicati da Draghi siano proprio quelli dell’euro e dell’imposizione dei devastanti parametri di Maastricht.

Sostenere Draghi, combattere le follie di Speranza. Matteo Salvini risponde a Vittorio Feltri: “Perché sto al governo”

Le regole di Maastricht

L’Italia aderì all’Ue e all’euro, negli anni Novanta, con la spensierata euforia prodiana e ulivista di chi è ammesso in un Club d’élite. Bettino Craxi si chiedeva perché si prospettavano «le delizie del Paradiso terrestre» quando era già evidente che sarebbe stato nella migliore delle ipotesi «un limbo, ma nella peggiore un inferno». Oggi è Draghi stesso a riconoscere che, in questi vent’ anni, l’economia nazionale è collassata. Lui non parla di euro o Maastricht, ma mostra che prima eravamo una grande potenza industriale e poi ci è piombata addosso la notte. Qualcuno obietterà che anche gli altri paesi citati sono nella Ue e nell’euro. Ma ognuno fa storia a sé. L’euro ha offerto alla Germania un marco svalutato e ha imposto all’Italia una moneta penalizzante, cosicché le esportazioni tedesche hanno fatto furore e la produzione italiana ha avuto una mazzata. Non solo. Abbiamo dovuto subire anche i parametri di Maastricht voluti dalla Germania, un’austerità devastante che in Italia è stata imposta in modo assai più gravoso e più rigoroso di altri paesi: ricordate tutte le polemiche per quello 0,4 per cento in più di deficit/Pil che era stato deciso dal governo Lega/M5S del 2018 e che l’Ue pretese di abbattere? Questo rigore europeo, che ha penalizzato l’economia italiana (e anche la sanità), non è stato applicato agli altri. Germania e Francia non si sono certo fatti imbrigliare dai parametri e li hanno tranquillamente superati pure Spagna e Portogallo, mentre l’Italia doveva sottostare a quel 3% di deficit. Perché da noi domina un «partito europeo» che preferisce «morire per Maastricht» piuttosto che battersi per gli interessi dell’Italia. Così «dal 2008 al 2017» secondo i calcoli di Fabio Dragoni «l’Italia ha cumulato un deficit/Pil complessivo del 32% circa. Il Portogallo intorno al 60%. La Spagna intorno al 70%. L’Irlanda quasi l’80%». Sono centinaia di miliardi che potevano significare, per gli italiani, molte meno tasse, più investimenti e occupazione, quindi più crescita (e anche più sanità). Del resto lo stesso Draghi, nel documento citato, individua una delle cause del collasso italiano nel «calo degli investimenti pubblici e privati» perché «nel ventennio 1999-2019 gli investimenti totali in Italia sono cresciuti del 66% a fronte del 118% della zona euro». Praticamente la metà. Draghi sa perché: ci è stato imposto di tagliare gli investimenti e anche tutto il resto. Lui stesso del resto firmò con Trichet la famosa «lettera della Bce» al governo Berlusconi del 2011 che prescriveva tagli pesanti e pareggio di bilancio. Eppure non c’era un problema di debito pubblico (come si può notare oggi che lo abbiamo fatto lievitare).

La questione del debito

Tralascio l’annosa questione storica su come si formò il grande debito pubblico italiano, che non è affatto dovuto, come sempre si ripete, agli italiani spreconi, ma ha a che fare con le scelte strategiche preparatorie della moneta unica (come il divorzio Tesoro/Bankitalia): lo riconobbe onestamente, dieci anni dopo, Nino Andreatta nello storico articolo sul Sole 24 Ore del 26 luglio 1991. Anche Draghi, allora governatore di Bankitalia, rievocando nel 2011 il “divorzio” Tesoro/Bankitalia, ricordò che gli oppositori di quella decisione nel 1981, erano «timorosi del rialzo dei tassi d’interesse reali» e agitarono «lo spettro della deindustrializzazione del Paese». È proprio ciò che è avvenuto. Draghi osservò laconicamente che «gli effetti» di quella decisione «sulla politica di bilancio non sono quelli sperati» e riconobbe che «il rapporto tra debito pubblico e prodotto», che nel 1980 era al 56,8 %, «supera il 120 per cento del prodotto nel 1994». Oggi si cambiano quelle politiche (fino a ribaltarle) e sarebbe giusto riconoscere i meriti degli eurocritici.

LE FOLLIE MORTADELLIANE E DEI SUOI AMICI DI MERENDE CI HANNO DEVASTATO IL PORTAFOGLIO, LO STESSO CHE ORA “ASPIRA” AL COLLE….. SENZA VERGOGNA, SENZA PUDORE, SEMPLICEMENTE IMMONDO

:lLAVOREREMO MENO E GUADAGNEREMO DI PIU’ DISSE IL MALEDETTO !

i soliti cerebrolesi:

Sotto le bandiere rosse vale tutto

25 Aprile 2021 – 18:58

25 aprile senza regole a Bologna, ma solo per la sinistra: manifestazioni lungo le strade al grido di “Bella ciao” e rave party nel parco cittadinoFrancesca Galici

I MERDAIOLI MULTANO I FIDANZATINI CHE SI BACIANO, IL CAFFE’ SEDUTI MA NON VEDONO LE ZECCHE ROSSE CHE INFRANGONO LE REGOLE ALLA PARI DEI CLANDESTINI…..

FATE VOMITO !

che non ci sia salvezza ….

lo dimostra il tam-tam mediatico per i “festeggiamenti” del centenario del partito comunista italiano !

facendo finta di non sapere che il 9o% dei casini attuali, covid a parte, è stato “merito” dei figli del pci ormai quarto partito nazionale abbandonato da chi lavora e che continuano ad appestare i governi senza supporto elettorale ,

che hanno invaso ed ammorbato la giustizia , che sono sistematicamente al centro di scandali giudiziari poi regolarmente insabbiati…..ecco…

CHE CAZZO CI SARA’ DA FESTEGGIARE ?

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑