imbecilli astrali:

Reddito di cittadinanza “ai nigeriani nullatenenti e mega-spacciatori”: la retata che imbarazza Di Maio e M5s

Esplora:

20 dicembre 2020

  • a
  • a
  • a

“Nigeriani nullatenenti, con il reddito di cittadinanza e mega-spacciatori”. Matteo Salvini commenta con indignazione l’operazione della Squadra mobile di Palermo, che ha effettuato 13 arresti smantellando una banda di immigrati che faceva “affari d’oro” grazie allo spaccio di cocaina ed eroina. “Grazie alla polizia e alla magistratura – ricorda il leader della Lega, ex ministro degli Interni -: i cittadini perbene non meritano un governo che cancella i Decreti sicurezza, apre i porti, mantiene i delinquenti e tarda i ristori per imprese e famiglie”. La notizia provocherà sicuramente un certo imbarazzo tra le fila del Movimento 5 Stelle, a partire da Luigi Di Maio e Stefano Patuanelli. Vale a dire, gli ultimi due ministri di Welfare e Sviluppo economico grandi sostenitori del reddito grillino. 

GIA’ IL REDDITO DEL FANCAZZISTA E’ UN’IDIOZIA BESTIALE ….DARLO POI A QUALSIASI DELINQUENTE…E’ DA GRULLOLOBOTOMIZZATI !

Mattarella che fa ? Dorme ?

Sabino Cassese manda Conte e Casalino “all’inferno”: “Orrori giuridici non previsti dalla Costituzione”

Sullo stesso argomento:

“Anarchia di Stato, perché si riuniscono di notte”: Sabino Cassese svela il gioco sporco del governo Conte

“Non solo Troika, anche la baracca del premier”. Cassese fa a pezzi Conte: così l’Italia cola a picco

Agli autori di queste “orrori giuridici” va riservato “un apposito girone dell’inferno”. Il costituzionalista Sabino Cassese, ironico ma non troppo, spara a zero su Giuseppe ConteRocco Casalino e tutto il governo. Commentando il decreto Natale sul Messaggero, Cassese sottolinea come disposizioni tanto importanti quanto fornite all’ultimo minuto risultino un “infernale insieme di provvedimenti (formalmente) legislativi e (formalmente) amministrativi, ma tutti scritti dalle stesse mani, a Palazzo Chigi, con un intreccio tra norme (fonti del diritto) e provvedimenti amministrativi (atti di esecuzione delle norme), una commistione non prevista dalla Costituzione”.

Idea stravagante. Che roba è questo governo. Sabino Cassese più spietato di Salvini: demolizione di Conte, punto per punto

“Idea stravagante”. Che roba è questo governo. Sabino Cassese più spietato di Salvini: demolizione di Conte, punto per punto

Peraltro, in nome di una emergenza che tale non è, “visto che durante la prima ondata si prevedeva la seconda e ora si teme la terza”. Prevedibile, dunque, e “in uno Stato ben ordinato, doveva essere affrontato con i rimedi ordinari, che ci sono”. Tutto questo, sottolinea Cassese, è dovuto alla “incapacità di programmare e di organizzarsi, politica volatile, governo fuscello”. E dopo aver rispettato il più possibile la legge, si penserà alla soluzione: “Mandare via quegli oscuri personaggi che scrivono norme più oscure di loro e sostituirli con qualcuno che conosca l’italiano e sappia esprimersi”.

LIBERO

vuoti a perdere:

Matteo Renzi, il retroscena su Palazzo Chigi: “O Draghi o lui”, chi vuole spedirci

“Chiarezza sugli 007 o non ha senso restare”. Dalla Bellanova un’altra cannonata a Conte e governo

19 dicembre 2020

Nel faccia a faccia tra Giuseppe Conte Matteo Renzi i soliti ben informati raccontano che il fu rottamatore avrebbe avvisato il premier che, in caso di crisi, si metterà a cercare una nuova maggioranza di governo, che al 90% non sarà più presieduta da lui. Dall’edizione odierna di Repubblica arriva però tutt’altro tipo di messaggio da quello che viene presentato come un “autorevole esponente renziano”, secondo cui questo governo “non è tecnicamente morto” e quindi non è da escludere un Conte ter, con Mario Draghi pronto in alternativa.

Teresa Bellanova praticamente silente. Clamorosa scena muta al vertice: Italia Viva, sul decreto Natale è partita la crisi?

Teresa Bellanova “praticamente silente”. Clamorosa scena muta al vertice: Italia Viva, sul decreto Natale è partita la crisi?

A modo suo sta uscendo allo scoperto anche il Pd, che finora si è nascosto nell’ombra di Renzi, mandato avanti a fare il lavoro sporco: “La verifica di governo? Credo che a questo punto – ha dichiarato Nicola Zingaretti – tutte le forze politiche hanno indicato le priorità al presidente del Consiglio. Ora bisogna in fretta chiudere questa fase perché non si può vivere nell’incertezza in eterno. È il tempo delle decisioni”. Intanto Renzi sta continuando a minacciare il premier con le dimissioni dei ministri di Italia Viva: “Se Conte ritiene che quello che proponiamo non va bene, con rispetto per le istituzioni, noi ci alziamo e ce ne andiamo”.

Di conseguenza, secondo Repubblica, il premier per salvare la poltrona dovrebbe concederne qualcuna agli avversari-alleati: non solo a Renzi, che potrebbe approdare alla Farnesina, ma anche a Luigi Di Maio, con il M5s che vorrebbe rivederlo nel ruolo di vicepremier. Sullo sfondo c’è sempre Draghi, evocato da tutti ma finora rimasto in attesa: per Repubblica da qui al 6 gennaio si scoprirà se quello del fu rottamatore è l’ennesimo bluff o stavolta si arriverà davvero alla crisi, che eventualmente potrebbe terminare solo in due modi, Conte ter o Draghi. 

IMMONDI SCHIFOSI ECCO A COSA MIRANO …PENSANO (??) UNA COSA NE FANNO UN’ALTRA E SPERANO IN UNA TERZA….

TALMETE STUPIDI ED ARROGANTI DA NEMMENO ACCORGERSI DELLE FIGURE EMMERDE ASTRALI CHE STANNO FACENDO DAVANTI AL GLOBO !

sulla pescivendola meglio tacere… emette flatulenze altro che “cannonate” …

il re dei cazzari:

Quelle veline che fanno infuriare i renziani: adesso la maggioranza è infuocata

Italia Viva esterna “irritazione e imbarazzo” per le notizie relative a un rimpasto di governo: “Non ci interessano le poltrone, c’è qualcuno che non ha capito niente”

Luca Sablone – Sab, 19/12/2020 – 22:18

All’interno del governo saranno escandescenti gli ultimi giorni del 2020. Gli strascichi di questo periodo non sono affatto indifferenti: tra ultimatum e minacce lo spettro di una crisi è sempre presente e fa tremare il premier Giuseppe Conte che – in totale difficoltà – è disperato e cerca un miracolo per ottenere visibilità e recuperare il terreno mediatico perso nei recenti mesi.

STARNAZZA, DEFECA MINACCE E NON SI MUOVE…..

COME LA SUA FANTESCA MAROCCHINODIPENDENTE

UN CIRCO CHE INVECE DI FAR RIDERE FA MEDITARE IN CHE PIEDI SIAMO FINITI !

NEL FRATTEMPO IL PAESE MUORE….

delinquenza pura !!

Conte adesso regala cellulari Arriva lo smartphone di Stato

Tra i beneficiari del provvedimento le famiglie con un reddito inferiore ai 20mila euro annui. Chi percepisce il reddito di cittadinanza avrà pure un cellulare gratis

Federico Giuliani – Sab, 19/12/20

Uno smartphone e un abbonamento a internet per un anno, in comodato d’uso e gratis, per tutte le famiglie con un reddito Isee inferiore ai 20mila euro annui: è questo il cuore del kit digitalizzazione, una misura contenuta nel pacchetto di modifiche alla manovra, piombata sul tavolo in seguito alle riformulazioni degli emendamenti concordate tra governo e maggioranza.

PENSANO DI RIACQUISTARE CONSENSI FACENDO REGALI INUTILI A FANCAZZISTI, CENTRI SOCIALI, CLANDESTINI E PARASSITI DELLA SOCIETA’ !!

OVVIAMENTE COL DENARO DI CHI LAVORA ! IMMONDI!

siamo circondati:

Maria Giovanna Maglie, il video che non mostrano nei tg: “Ecco chi calpesta davvero Parlamento e gli italiani”

18 dicembre 2020

  • Incredibile come i Tg asserviti al governo presieduto da Giuseppe Conte abbiano montato ad arte le immagini che mostrano i senatori della Lega che occupano l’aula di Palazzo Madama in maniera simbolica per protestare contro l’azione arbitraria del ministro Federico D’Incà. Maria Giovanna Maglie ha pubblicato un video a seduta sospesa in cui si sente Ignazio La Russa, che in quel momento stava dirigendo la discussione generale sulla modifica dei decreti Sicurezza, risentirsi per quanto fatto dal grillino: “Dovevi avvisarmi prima che volevi parlare, te lo dico fuori seduta”. Proprio nel bel mezzo della discussione, infatti, il ministro D’Incà ha fatto qualcosa di davvero anomalo: ha scavalcato il vicepresidente del Senato e si è messo a parlare senza consenso per comunicare la decisione del governo di porre la fiducia sul provvedimento di modifica dei decreti, abortendo quindi la discussione generale. In Aula è scoppiato il caos, con La Russa che ha cercato di fermare senza successo il ministro in attesa di capire se potesse decidere arbitrariamente di alzarsi e fare un annuncio così pesante. “Il ministro D’Incà chiede la parola – fa notare la Maglie – blocca il dibattito, pone la fiducia senza informare il presidente La Russa. Calpestano il Parlamento e gli italiani”. 

CAPRE ANALFABETE ANTIDEMOCRATICHE ,MALEDUCATE COCCOLATE DA EXCORT DEI MEDIA PER…..

NON CI SONO EPITETI ADATTI PER SOTTOPRODOTTI DEL GENERE

devono foraggiare gli amici di merende i maledetti:

Dl sicurezza, scoppia bagarre: il sì senza voti da centrodestra

Per ben due volte a Palazzo Madama si sono dovuti interrompere i lavori a causa della mancanza del numero legale: in salita la discussione sul decreto sicurezza, per il quale il governo ha posto la fiducia

Mauro Indelicato – Ven, 18/12/2020 – 19:21

Niente numero legale, bagarre in aula. Poi il sì, ma senza i voti del centrodesta. La seduta in cui a Palazzo Madama si è discusso sulla conversione in legge del nuovo decreto sicurezza si è trasformata in un vero e proprio “caso

GIRANO CON LA SCORTA ..LORO…G

GUADAGNANO 16.000 EURO MESE …LORO….

HANNO INTRALLAZZI CON I NEGRIERI…LORO….QUINDI IMPORTANO ED ABBANDONANO PER STRADA OPPURE SISTEMANO IN ALBERGO A SPESE DEI CONTRIBUENTI QUALSIASI CLANDESTINO SENZA MOTIVO !!

USANO IL VIRUS PER FINIRE DI DISTRUGGERE IL PAESE MA MEGLIO COVID CHE QS SCHIFOSI !

pensierini incazzosi:

Giovanni Brambilla

Tutti

PICCOLI PENSIERINI PER CHI …..

CHI SI LAMENTA CONTRO LE CHIUSURE NON CE LA FA A CAPIRE CHE E’ “MERITO” DI COLORO CHE SI SONO AMMASSATI COME BEOTI NEI GIORNI SCORSI.

CHI SI LAMENTA PER IL NATALE BLINDATO NON CE LA FA A CAPIRE CHE MEGLIO BLINDATI VIVI CHE LIBERI MORTI

CHI SI LAMENTA PERCHE’ NON PUO’ ANDARE A SCIARE O SIMILI SI FACCIA CURARE DA QUALCUNO BRAVO

LAMENTARSI PER L’INCAPACITA’ DEL GOVERNO A PRENDERE DECISIONI SERIE, PER TEMPO, E SOPRATTUTTO VALIDE PER TUTTI NEGRI BLU E GIALLI COMPRESI NO VERO ???????

LAMENTARSI PER LO SPRECO IMMANE DI DENARO DEI CONTRIBUENTI PER ANDARE A PRENDERE CLANDESTINI CHE POI DELINQUONO E MANTENIAMO IN ALBERGO NO VERO ? OPPURE PER L’IMMONDO SPRECO DI DENARO PER BANCHI, MASCHERINE FASULLE, ED ORA GAZEBI CON FIORI PER INGRASSARE AMICI DI MERENDE NO VERO ?

IL DIVINO GIULIO DISSE CHE: ” GOVERNARE GLI ITALIANI E’ QUASI IMPOSSIBILE” …. STRAVERISSIMO. !

AMEN

ED ORA CONTINUATE A LAMENTARVI

Blog su WordPress.com.

Su ↑