ladri nel dna:

togliere ai ricchi per dare ai partiti. È un Robin Hood in giacca, cravatta e portaborse quello che potrebbe fare da testimonial di due iniziative parlamentari, legate alla legge di Bilancio, e che hanno per protagonisti suppergiù gli stessi. La prima proposta è quella di cui da giorni si parla e che sta scuotendo la stessa maggioranza: introdurre una sorta di patrimoniale. L’emendamento, presentato da alcuni parlamentari di Leu (Rossella Muroni, Erasmo Palazzotto e Luca Pastorino) e del Pd (Giuditta Pini, Chiara Gribaudo, Matteo Orfini, Fausto Raciti, Luca Rizzo Nervo) propone un prelievo dello 0,2% su un imponibile tra 500mila e un milione di euro. L’aliquota salirebbe allo 0,5% per chi ha patrimoni compresi tra 1 e 5 milioni di euro. Mentre sopra al miliardo si prevede un prelievo straordinario, limitato al solo 2021, del 3%.

L’EMENDAMENTO
Mentre ancora infuria la polemica su questa iniziativa – disconosciuta dai vertici del Pd, ma anche da una parte di Leu – nel malloppo degli emendamenti alla legge di bilancio è comparsa un’altra proposta, di cui, per ora, nessuno si è accorto. Riguarda i partiti: si tratta di estendere il finanziamento pubblico, sotto forma di contributi del 2 per mille, anche a chi non ha rappresentati in Parlamento, ma solo nei consigli regionali. La modifica riguarda, per la precisione, l’articolo 200 bis. Si fa riferimento alla legge del 21 febbraio 2014, quella che abolì il finanziamento pubblico ai partiti, introducendo, però, la possibilità per il contribuente di devolvere una parte delle tasse dovute, sotto forma del 2 per mille, a una formazione politica. Nel primo comma (lettera “a”) l’emendamento in questione propone di sopprimere il passaggio che prevede siano esclusi dal 2 per mille i partiti che «non hanno più rappresentanza in Parlamento».

Al secondo comma (lettera “b”) si stabilisce, poi, di estendere il finanziamento a chi ha rappresentanti «in uno solo dei consigli regionali o delle province autonome di Trento o Bolzano». Tradotto dal lessico fumoso del Legislatore, l’emendamento presentato estende il finanziamento del 2 per mille anche ai partiti che non hanno rappresentanti in Parlamento, ma hanno almeno un consigliere regionale (o un consigliere nelle province autonome). Fattispecie che sarebbe perfetta per formazioni come Sinistra Italiana o altri piccoli partiti che potrebbero ritrovarsi, nel prossimo Parlamento, senza un deputato o un senatore.

ZITTI ZITTI GLI SCHIFOSI SI SPARTISCONO IL MALLOPPO ANCHE TRA CHI RAPPRESENTA IL NULLA !!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: