CERVELLI ACQUISTATI ALL’IKEA:

Nizza, Lamorgese: “Decreti sicurezza hanno creato insicurezza”. Salvini: “Si dimetta”

L’attentatore di Notre-Dame era sbarcato a Lampedusa, il leader della Lega aveva chiesto alla ministra di lasciare l’incarico degli Interni: “Il governo non ha responsabilità”

CondividiTweetInvia tramite email

Nizza (Francia), 30 ottobre 2020 – “I decreti sicurezza hanno creato insicurezza. Responsabilità non ce n’è da parte nostra”. E’ la risposta della ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, alle polemiche sollevate ieri da Matteo Salvini. Il leader della Lega aveva chiesto le dimissioni della ministra dopo l’uscita della notizia riguardante il killer di Nizza, Brahim Aoussaoui, sbarcato il 20 settembre scorso a Lampedusa.

Responsabilità non ce n’è da parte nostra – ha detto Lamorgese -. Ho sentito parlare dei decreti sicurezza, che noi avremmo modificato. Ma voglio anche dire che i decreti sicurezza hanno creato insicurezza, perché 20mila persone sono dovute uscire da un giorno all’altro dall’accoglienza, e noi abbiamo cercato di tenere presente l’esigenza di sicurezza del paese, non disperdendo tutti nel territorio nazionale”. Lamorgese ha proseguito così: “Questo è il momento di fermarsi con le polemiche ed essere vicini al popolo francese. Quello di Nizza è stato un attacco all’Europa: Lampedusa in Italia è la porta di Europa“.

ALMENO IL PUDORE DI TACERE PORKATROIA !!

HANNO FATTO ENTRARE E MANTENIAMO SU NAVI DI LUSSO 27.000 CLANDESTINI SENZA CONTROLLO ALCUNO....

NON HANNO RESPONSABILITA’ ????

FATE SCHIFO !!!

appunto….

Vittorio Feltri e lo sfogo dopo Nizza: “Dementi che ci voglio ammazzare, meglio morti di Covid che di islam”

Erdogan, di cui oggi su Libero si occupano Filippo Facci e Renato Farina, è come Osama bin Laden, quello delle Torri Gemelle abbattute a New York, e necessita di essere imbrigliato affinché la smetta di ammazzare gente in Europa, specialmente in Francia negli ultimi giorni. Persone sgozzate o addirittura decapitate in chiesa, uomini uccisi in giro per il globo in quanto accusati di essere infedeli. Molteplici azioni criminali per ritorsione motivata dal fatto che nel Paese di Macron circolano vignette che prendono per i fondelli il dittatore turco. In un mondo civile azioni simili sono intollerabili e vanno soffocate. Se non che il terrorismo musulmano è dilagante per una chiara ragione: i tifosi di Allah hanno invaso le Nazioni della Ue e sono al servizio di Erdogan, il quale ordina di trucidarci e i suoi sudditi obbediscono manifestando una crudeltà senza pari. Come si può fare per legare le mani al despota e a coloro che ne eseguono i precetti? Non ho mai visto nessun popolo vincere una guerra col pacifismo.

“Unità nazionale e Draghi premier? Io lo conosco e vi dico una cosa”. Feltri, sentenza tombale

Finché il Vecchio Continente sarà invaso dagli ex cammellieri, non avrà pace e dovrà subire ogni sorta di soperchierie. Il problema è semplice, sebbene risolverlo sarà complicato. Bisogna piantarla di patire l’immigrazione selvaggia degli islamisti e rimpatriare coloro che sono considerati minacciosi. Non esiste alternativa. Gli scontri di tipo religioso sono i più pericolosi perché sono effettuati da personaggi esaltati, disposti a crepare o a rischiare di essere annientati pur di assecondare il proprio cieco bigottismo. La teoria dell’accoglienza è una boiata pazzesca.

La Francia è piena zeppa di teste calde e ciò la rende succube di potenziali delinquenti dei quali urge liberarsi se si intende evitare che i cittadini onesti finiscano al cimitero in abbondanza. Macron pare abbia capito che così non è lecito proseguire e ci auguriamo reagisca ai delitti con la dovuta prontezza. Corre l’obbligo di adottare le maniere forti. Altrimenti sarà una strage. Quanto a Erdogan, giova rammentare che qualche fesso pure in Italia premeva affinché la Turchia musulmana entrasse nell’Unione Europea. Una follia che abbiamo evitato per un pelo. Eppure non basta. Ora dobbiamo combattere contro i dementi che ci vogliono morti. Meglio perire di Covid che di mezzaluna. 

si credono intelligenti….

IL MUCCHIO DI LOBOTOMIZZATI CHE HA PRODITORIAMENTE CONQUISTATO LA SEDIA DEL COMANDO NON FORNENDO MAI ALCUN DATO CREDIBILE CHE DISTINGUA I DEFUNTI PER CAUSA: CANCRO, LEUCEMIA, EPATITE, AIDS ,UND SIMILIA ACCOMUNANDO TUTTI PER COVID DIMOSTRA CHE …OLTRE AD ESSERE POCO SERIO E’ ANCHE DISONESTO !

caldeggiano…..

QUELLO CHE CHIAMANO: “GOVERNO D’UNITA’ NAZIONALE”

ALIAS L’ENNESIMA SCHIFOSA AMMUCCHIATA DI GENTE DECEREBRATA CHE VIVE ALLE SPALLE DI CHI LAVORA FREGANDOSENE DI TUTTO E DI TUTTI… O PEGGIO CON IDEE SPESSO FOLLI !

VOTIAMO E QUEL CHE SARA’ SARA’..

SE IL BEOPOPOLO MASOCHISTA VORRA’ RIVEDERE FACCE COME DIMAIO & COMPANY… RAZZI LORO !

governo di ……

Vittorio Feltri contro Luciana Lamorgese: “Tocca a noi tenere sotto controllo i violenti? Tenga la bocca chiusa ed eviti figure di m***”

Noi non conosciamo la ministra Luciana Lamorgese, non l’abbiamo mai frequentata e neppure conosciuta. Ma ieri ha detto una cosa che dimostra un concetto chiaro: al suo confronto Matteo Salvini era Quintino Sella, un Dio della politica. Ella è riuscita a sparare una corbelleria sesquipedale. Questa: chi va in piazza a protestare contro i provvedimenti illogici del premier Giuseppe Conte, ossia ristoratori e lavoratori del terziario in genere, deve tenere sotto controllo i facinorosi violenti che rendono i raduni sediziosi e pericolosi. In pratica, la signora pretende che siano i cittadini, già motivatamente incazzati con l’esecutivo, a placare l’ira distruttiva di coloro che invece di manifestare sfogano il risentimento sociale aggredendo polizia e carabinieri, distruggendo vetrine e automobili, ovvero creando una baraonda micidiale, la quale non c’entra nulla con l’esasperazione di baristi e gestori vari di locali.

“Il popolo inc*** non guarda in faccia nessuno”. Forconi? Peggio: Feltri avverte Conte: “Sarà la fine”

Da sempre, dagli anni Sessanta in poi, ogni corteo, scioperi compresi, è stato turbato dalla presenza di teppisti scatenati, armati di chiavi inglesi, sassi e molotov. Quindi non sorprende che le agitazioni in corso abbiano causato incidenti riprovevoli. Stupisce piuttosto che la padrona del Viminale supponga che la gente pacifica, e intenta a gridare la propria acredine verso il primo ministro, sia obbligata a mantenere l’ordine pubblico. Un compito che spetta a lei e a nessun altro svolgere. Se non fosse così non avrebbe senso l’esistenza di un dicastero dell’Interno nonché di un soggetto che lo dirige. Inoltre il fatto che il popolo sia fuori dagli stracci per le limitazioni imposte da Conte, senza spiegarne le motivazioni, dovrebbe indurre il governo a riflettere sul proprio operato e ad interrogarsi se valga la pena di frustrare tutti noi senza una scopo comprovato dalla scienza. In sostanza, Palazzo Chigi bisogna sia in grado di modificare i divieti, magari di abolirli, comunque di ridurli all’indispensabile. Quanto a Lamorgese, la preghiamo di tenere la bocca chiusa se non desidera inanellare figure di merda. 

E’ STATA SCELTA DI PROPOSITO IN QUANTO PUPAZZETTO UBBIDIENTE…COSI’ OLTRE 27.000 CLANDESTINI SONO ENTRATI SOTTO LA SUA NONGESTIONE, ED ORA SONO MANTENUTI, A SPESE DI CHI LAVORA E DEI PENSIONATI !!

SINO A QUANDO QUESTO GOVERNO DI INCAPACI E SOTTOMESSI NON SARA’ DEFENESTRATO PRECIPITEREMO SEMPRE PIU’ IN BASSO….

tu lavora e paga….gli altri, fuorilegge, godono !

Zingaretti vuol dare case a stranieri e occupanti abusivi: “Favore alla Raggi”

È la proposta contenuta in una delibera di giunta che chiede ai Comuni di riservare il dieci per cento degli alloggi popolari a chi non è in possesso dei requisiti. La denuncia della Lega: “Vogliono sistemare immigrati e occupanti per fare un favore alla Raggi”

Alessandra Benignetti – Mer, 28/10/2020 –

Case popolari per occupanti abusivi e stranieri. È la proposta della regione Lazio, governata dal leader Dem Nicola Zingaretti, che in una delibera di giunta, la numero 16171 del 23 ottobre, chiede ai Comuni e alle Ater di riservare una quota del 10 per cento degli alloggi popolari a chi non è in possesso dei requisiti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑