stramaledetti 2

Nuova legge sulla caccia, Roberto Salvini: “Portata avanti una politica filoanimalista della peggior specie”

“Lo spirito originario della legge era quello di incrementare la fauna nobile stanziale sul territorio – spiega Salvini -. Per questo, furono istituite le zone di ripopolamento e cattura, le zone di rispetto venatorio e gli istituti di produzione della selvaggina. Dalla sua uscita nel ‘92 a oggi questa legge è stata totalmente stravolta. Queste zone sono state lasciate nel declino più assoluto, mentre il territorio cacciabile è passato da 67% previsto a neppure il 40%. I finanziamenti che pagati dal mondo venatorio non vengono più spesi per contenere i predatori e incrementare la fauna dove è più carente, ma prendono altre direzioni, contrariamente a quanto era previsto dalla legge. Il rilascio delle licenze di caccia è diventato difficilissimo da sostenere, quasi fosse una laurea, mentre la vigilanza è quintuplicata: così da una parte si scoraggiano gli aspiranti nuovi cacciatori, mentre dall’altra si reprime gli attuali”.

“Viene portata avanti una politica filoanimalista della peggior specie – continua il consigliere –. Nemmeno in Europa si riscontra una pressione così protezionista a discapito del mondo il venatorio. E poiché gli animali selvatici non conoscono la politica, si continuano a riprodurre a dismisura. E questo, oggi è più controproducente che mai. Dal momento che abbiamo tutto il manifatturiero, il turismo e il commercio fermi e si sta puntando al rilancio dell’agricoltura è addirittura miope non mettere sotto controllo tutte le specie selvatiche che danneggiano le attività agricole e scoraggiano una delle poche forme d’imprenditoria che offre prospettive di rilancio economico”.

“In questo il cacciatore sarebbe dovuto diventare protagonista – conclude Roberto Salvini –. Come accade in tutto il mondo, il controllo da parte del mondo venatorio e la forma tradizionale di contenimento della fauna, non i veleni, né le catture per poi farla abbattere. Ho portato otto emendamenti per dare indirizzo di legge a questa direzione, ma sono stati tutti respinti“.

 

IL CACCIATORE E’ UNA PERSONA DISTURBATA , FRUSTRATA ,IMPOTENTE CHE TROVA I SUOI ORGASMI UNICAMENTE AMMAZZANDO FAUNA CHE FATICA A SOPRAVVIVERE TRA CEMENTI, TRAFFICO E VELENI.

LE SPECIE SELVATICHE CHE “DANNEGGIANO ” L’AGRICOLTURA POSSONO ESSERE TRANQUILLAMENTE CONTENUTE IN CENTO ALTRI MODI SENZA STERMINARLE TUTTE ALTERANDO SI’ IN QUESTO MODO L’EQUILIBRIO DELLA NATURA.

PARLARE DI BENEFICI DELLA CACCIA SIGNIFICA ESSERE IGNORANTI COME CAPRE O IN MALAFEDE ASSOLUTA ! 

 

70169787_2368976556698446_6181779650704834560_n

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: