cazzari strapagati:

Coronavirus, “L’8 giugno 151mila ricoveri”: gli esperti hanno sbagliato

  • a

Ieri, 8 giugno, stando alle previsioni dell’Istituto superiore di sanità fatte trapelare a fine aprile, doveva essere il giorno più nero dell’epidemia, con un totale di 151 mila ricoverati in terapia intensiva. L’apocalittico documento, di cui il Fatto Quotidiano aveva dato conto «in esclusiva», analizzava 92 (novantadue) possibili scenari in vista del 4 maggio, ossia l’inizio della “fase 2“. In caso di riapertura quasi totale del Paese (cosa che di fatto è quasi avvenuta) – questo lo scenario peggiore preconizzato dagli esperti – il tasso di riproduzione del virus sarebbe schizzato alle stelle e le terapie intensive, dicevamo, si sarebbero trovate a gestire 151 mila persone, addirittura 430 mila entro il 31 dicembre. Il 3 aprile, giorno del picco, ce n’erano 4.068. Qualcuno, come la holding Carisma e i pochi mezzi di informazione non allineati, si era permesso di dubitare di tali spaventose cifre, in base alle quali – questi in sintesi i calcoli – in Italia ci sarebbero dovuti essere 150 milioni di cittadini di età superiore a 20 anni. Sennonché il professore Brusaferro, gran capo dell’Iss, aveva replicato: «Lo studio è basato sui dati (addirittura?), non ci sono errori». Fortunatamente i modelli matematici della ciurma governativa si sono rivelati affidabili come il pendolino del mitico Maurizio Mosca: ieri, 8 giugno, il numero di malati in terapia intensiva è sceso al minimo: 283 (-4 rispetto a domenica) e sebbene la crescita dei nuovi contagi (+280, zero in 7 regioni), il totale degli attualmente positivi è diminuito di altre 532 unità. 65 i decessi (zero in 11 regioni). Ribadiamo: quella del 4 maggio non è stata un’apertura totale. Scuole e hotel sono rimasti chiusi e bar e ristoranti hanno dovuto aspettare ancora due settimane per accogliere i clienti. E però il 4 maggio in alcune regioni come Lombardia e Veneto le industrie e gli uffici hanno ricominciato a lavorare a pieno regime, idem l’edilizia e numerosi settori del commercio. Sono ripartiti ovunque i mezzi pubblici, i familiari hanno ripreso a incontrarsi, i congiunti a ricongiungersi. In base alle previsioni di Palazzo Chigi, dunque – pur ricalcolando tutto al ribasso – oggi in terapia intensiva dovrebbero esserci quantomeno qualche migliaia di persone. Ma ci sono modelli e modelli matematici: quello della Regione Veneto, ad esempio, ha sbagliato poco o nulla, e ciò ha aiutato il presidente Zaia ad affrontare al meglio l’emergenza. Che il governo abbia preso più o meno volontariamente una cantonata non lo diciamo solo noi, ma soprattutto chi ne sa decisamente di più, come il virologo Guido Silvestri, professore alla Emory University di Atlanta, che l’altra notte su Facebook ha scritto: «Dopo 34 e 20 giorni dalle “aperture” di maggio non c’è alcun segno di quel ritorno della pandemia che certi esperti davano per scontato».

STRAPAGATI, STAR DELLE TV ,

ARROGANTI E PERFETTAMENTE IN LINEA CON GLI ALTRI CAZZARI DEL GOVERNO

NON HANNO NEMMENO AVUTO IL PUDORE D’AMMETTERE: ” NON SAPPIAMO” CHE SAREBBE STATO UMANAMENTE E SCIENTIFICAMENTE PIU’ CORRETTO E PIU’ ONESTO ! 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: