un gregge di buffoncelli e….

Nell’attesa che il governo spazzi via incertezze e proteste, migliaia di persone vanno su internet e digitano su Google quelle nove lettere, per scoprire chi potranno riabbracciare durante quelle «visite mirate». Padri, madri, figli, fratelli, nonni, cugini? E perché non amici, compagni, compagne e amori di ogni genere? L’opposizione insorge, ma anche la maggioranza non la prende bene. E mentre su Twitter il giallo dei parenti e degli affini schizza in cima alla classifica delle tendenze, l’Arcigay apre fragorosamente la polemica. «Sconcertati, intervento inaccettabile che taglia fuori ciò che lo Stato non vede o non riconosce», si rammarica a dir poco il segretario generale dell’associazione, Gabriele Piazzoni. Sui social fioriscono i meme, le prese in giro e le vignette sulla stabilità degli affetti. Il leghisti Tiramani e Vigna presentano un’interrogazione parlamentare: «Quale mente disturbata è stata in grado di partorire una perla di queste dimensioni?». In tv, sui siti e in radio non si parla d’altro.

partoriscono siffatta stronzata !!

COMUNQUE, ESSENDO SUCCUBI DELLE LOBBY TRANQUILLI CI SARA’ L’ESCLUSIONE PER I GAY, COME PER anpi. , ZINGARI, CENTRI ASOCIALI ! 

 

95199552_2657062884511706_8499831220421525504_o

 

solo lobotomizzati o peggio ?

 

Il governo ora sposta i migranti. Santelli: “Per loro non valgono i divieti?

Il presidente della regione teme un’ondata di nuovi contagi: “Dovere morale e politico chiudere totalmente i confini agli sbarchi di persone provenienti da paesi come quelli dell’Africa, che hanno dichiarato la pandemia e sono in totale assenza di controlli”

Nonostante il mantenimento delle restrizioni circa gli spostamenti interregionali, il governo prepara lo smistamento di stranieri dalla Sicilia alla Calabria.

SCIENTIFICA E DOCUMENTALE DIMOSTRAZIONE CHE ALLA BANDA BASSOTTI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE LA SALUTE DI CONTRIBUENTI….. L’IMPORTANTE E’ IMPORTARE ED ACCOLLARE I CLANDESTINI AL PROSSIMO VIOLANDO ANCORA UNA VOLTA I PROPRI DETTAMI GIA’ ILLEGALI IN PROPRIO ….

CHE GENTE….

CHE XXXXX !!!  

cosi’ è….

 

Cosa ricorderemo il prossimo anno, di questo 25 aprile? Sicuramente il fatto che lo abbiamo vissuto al chiuso. E quanto a immagini, quella del presidente Mattarella che scende, solo, dall’Altare della Patria con la mascherina. Soprattutto adesso che la mascherina si deve (vi ricordate quando la mise il povero Fontana, che ha il torto di essere di destra e di aver fatto i suoi errori, lo spellarono vivo, tu che diffondi la psicosi…). Belle le immagini di gente alle finestre, dà sempre un’idea di sguardi e voci che si incrociano in tempi di solitudini.
Meno bella, per me, i sindaci ai balconi, che evocano sempre piazza Venezia. Il sindaco Sala, con un musicista, aveva uno stuolo di telecamere, sotto Palazzo Marino. Il sindaco De Magistris che saluta a pugno chiuso dal Municipio di Napoli, sembrava un’istantanea dal Venezuela di Chavez. Anche Conte che cita De Gregori senza sapere che lo zio del cantautore è stato ucciso a Porzus non è male.
Ma il peggio è stato a Torpignattara, Roma. Un centinaio di persone – adulti, bambini, donne, uomini – che manifestano con le bandiere rosse, e le mascherine, non per non essere riconosciuti dalla polizia, no, mascherine da Covid 19. Lo hanno fatto a lungo, prima che intervenissero le forze dell’ordine a sciogliere la manifestazione. È inevitabile chiedersi: è lo stesso paese in cui uno che prendeva il sole in spiaggia è stato circondato? È lo stesso paese in cui uno che faceva jogging in spiaggia è stato inseguito dall’elicottero? E’ lo stesso paese in cui è stata interrotta una messa, senza aspettare che finisse ed eventualmente fare una denuncia dopo? È lo stesso paese in cui migliaia id persone non hanno potuto dare l’addio ai propri cari? Un paese con cittadini di serie A e cittadini di serie B? Non mi interessa proprio se siano stati denunciati o meno, mi interessa il disprezzo, il disinteresse verso gli altri, la prepotenza impunita di chi ha manifestato. Chiedo invece a chi ieri ha criticato qui, ma con pacatezza e civiltà: sono le mie riflessioni o atteggiamenti come Torpignattara a fare male al 25 aprile?
Quei pochi che hanno insultato li capisco: vedono il pericolo fascista ovunque perché chiunque non la pensi come loro è un fascista, celebrano la fine di una dittatura imponendo quella del pensiero unico.
Toni Capuozzo

autocertifico che….

FATE SCHIFO, VOMITO E RIBREZZO ! 

 

Come cambiano gli spostamenti (con l’autocertificazione)

Dal 4 maggio, resta l’obbligo dell’autocertificazione per gli spostamenti all’interno del Comune o della Regione. Cambierà il modulo e ci saranno molte più possibilità per muoversi all’interno del proprio Comune e della propria Regione. Non è, invece, ancora possibile spostarsi da una regione all’altra. Novità: è possibile spostarsi dal luogo in cui ci si trova verso quello di domicilio o di residenza. Gli studenti o i lavoratori o chiunque altro rimasto bloccato in un’altra città dal lockdown, quindi, potrà fare ritorno a casa.

L’autocertificazione resta. Il motivo? Dal governo temono che i cittadini, vedendo l’allentamento delle misure del prossimo 4 maggio, possano credere che l’emergenza sia finita. L’autocertificazione, quindi, resta per almeno due settimane. Il foglio che permetterà i nostri movimenti, oltre a contenere come “giustificazioni” lavoro, salute, stato di necessità, ne vedrà una quarta: visita a congiunti.

 

TRATTATI COME BAMBINI DA UNA BANDA DI PSEUDO ESPERTI STRAPAGATI CHE PERMETTONO LA LIBERA USCITA SENZA AUTOGIUSTIFICAZIONE A RAZZE PARALLELE .

MAFIOSI A CASA, ZINGARI LIBERI DI FARE E DISFARE, CLANDESTINI MORE SOLITO IN ASSOLUTA LIBERTA’ DI DELINQUERE SENZA AUTODICHIARAZIONI ….

 

 CONSIDERANDO CHE I “DECRETI” SONO SEMPLICEMENTE SCEMI AUTOCERTIFICO CHE mi avete ROTTO I COGLIONI ! 

QUANDO LA “LEGGE” E’ PROMULGATA AD CAZZUM E NON E’ UGUALE PER TUTTI FA DAVVERO INCAZZARE !! 

 

mascherine obbligatorie ok : DOVE SONO ? 

distanza 1 metro ok : anche se sono ANPI  o negretto ? 

 

scrive il corriere della serva:

ECCO…

SE FOSSE VERO CHE IL MARCHESE DEL GRULLO HA IL 66% DI GRADIMENTO…..

DIREI CHE IL VIRUS NON HA ANCORA FATTO IL SUO DOVERE ! 

COME PURE L’AUMENTO DEI GRULLI E DEM….. 

SPERO VIVAMENTE SIA LA SOLITA MARCHETTA ! 

dittatura strisciante:

Coronavirus, indice di contagio: l’Emilia Romagna di Bonaccini regione peggiore, anche davanti alla Lombardia di Fontana

  •  Il governatore Stefano Bonaccini è sicuramente un politico fortunato. La sua Regione è stata la prima colpita da una denuncia presentata da medici e infermieri per la cronica mancanza di dispositivi di protezione (mascherine, guanti etc.) nelle strutture sanitarie, ma praticamente nessun giornale ne ha parlato. La Provincia di Piacenza è quella con il più alto numero di vittime rispetto alla popolazione, in sintesi una strage, ma televisioni e quotidiani si sono accorti solo di Bergamo, Brescia e al massimo di New York. Le case di riposo romagnole sono quelle messe peggio in Italia, con un tasso di mortalità che ricorda una campagna di Annibale, ma alla fine non c’ è un’ anima fuori da Bologna e dintorni che abbia provato a presentare questi numeri come un fallimento. Anzi, a Milano si indaga sul Trivulzio, eppure ci sono ospizi della regione più rossa d’ Italia (come quello di cui tratta il pezzo di Lorenzo Gottardo qui sotto) dove infermieri e sindacati hanno denunciato fatti e disservizi sostanzialmente identici a quelli della Baggina, ma nessuno giustamente si sogna di mettersi a ordinare perquisizioni tra le corsie nel corso di una pandemia.

E ancora. Le autorità sanitarie emiliane hanno clamorosamente steccato le previsioni sulla diffusione del contagio. Licia Petropulacos, direttrice della Sanità in Regione, a fine gennaio annunciava che «la probabilità che il virus si diffonda e faccia vittime in regione è bassissima, quasi zero. In Emilia-Romagna ci preoccupa di più l’ influenza del coronavirus». Pochi, però, lo trovano un fatto curioso. Anzi, Attilio Fontana, che al contrario aveva chiesto di istituire quarantene per chi arrivava dalla Cina, passa per un retrogrado e un pessimo amministratore circondato da allocchi.
Quando invece Bonaccini parla tutti prendono appunti, perché lui l’ emergenza l’ ha gestita alla grande.

LIBERO

 

NON E’ CERTAMENTE COLPA SUA SE QUI IL VIRUS HA DILAGATO MA…..

TACERLO FACENDO FINTA D’ESSERE I PRIMI DELLA CLASSE E’ DISONESTO VERSO I SUOI CITTADINI, CHI L’HA ELETTO E SE STESSO.

DELLE EXCORT DELLA STAMPA CHE TACCIONO POI… 

Blog su WordPress.com.

Su ↑