ben oltre l’umana follia:

Maxi-risarcimento ai migranti: 15mila euro per quelli respinti

Lo Stato Italiano dovrà sborsare 15.000 Euro a testa per ciascuno degli 89 migranti respinti il 27 giugno 2009 verso la Libia: ecco i dettagli della sentenza emessa nei giorni scorsi dal tribunale di Roma

Per le casse dello Stato costerà più di un milione di Euro la sentenza del tribunale di Roma che, nei giorni scorsi, ha dichiarato illegali i respingimenti.

Questo perché, secondo i giudici capitolini, ad ogni migrante respinto va riconosciuto un indennizzo. I fatti su cui il tribunale è intervenuto, riguarda il respingimento operato da una nostra nave militare il 27 giugno del 2009.

In particolare, in quell’occasione 89 migranti sono stati soccorsi all’interno delle nostre acque territoriali e rispediti, nel giro di poche ore, in Libia. Con il paese africano pochi mesi prima l’Italia aveva stipulato un trattato di amicizia, il quale prevedeva uno specifico capitolo anche sul contrasto all’immigrazione clandestina.

In questa ottica, era espressamente prevista la possibilità di rispedire verso la Libia i migranti soccorsi in acque italiane. Negli anni poi, a causa della guerra esplosa al di là del Mediterraneo, i respingimenti non sono più stati attuati se non dalla stessa Guardia Costiera libica.

Come detto, secondo il tribunale di Roma questa pratica è illegale. In tal modo, i giudici hanno accolto le richieste di alcune associazioni, tra cui Amnesty International, che avevano fatto uno specifico ricorso con riguardo proprio al caso del 27 giugno 2009.

La sentenza è stata resa nota nei giorni scorsi, ma solo nelle scorse ore sono trapelati alcuni dettagli non indifferenti. In particolare, già si sapeva che ciascuno degli 89 migranti aveva diritto ad un indennizzo. L’ammontare di tale indennizzo è di 15.000 Euro per ciascun soggetto interessato e dunque per ogni migrante che si trovava, il 27 giugno 2009, a bordo del gommone respinto in Libia.

A conti fatti, lo Stato italiano deve sborsare 1.335.000 Euro. Ma non solo: tutti gli 89 protagonisti di questa vicenda, oltre all’indennizzo, hanno diritto a rientrare nel territorio italiano.

La sentenza infatti, ha previsto che al di là del risarcimento patrimoniale, i migranti devono poter entrare in Italia ed una volta nel nostro paese hanno il diritto di presentare domanda di protezione internazionale o di protezione speciale.

La causa in questione andava avanti dal 2016, quando Amnesty International ed Asgi hanno avanzato un ricorso per ribadire la linea di principio poi fatta propria anche dai giudici, ossia che i respingimenti devono essere considerati illegali.

Per l’Italia, oltre all’esborso da effettuare, la sentenza rappresenta anche un importante precedente per eventuali futuri governi che, con altri Stati dell’altra sponda mediterranea, vorrebbero introdurre nuovamente la pratica dei respingimenti.

 

SIAMO OLTRE L’UMANO PENSABILE….

SIAMO NELL’ASTRALE PENSIERO DI CHI SEDUTO TRANQUILLO SPARA XXXXXX

SIAMO NELL’EMPIREO DELL’ YYYYYYYY SPINTA…

TANTO PAGA CHI LAVORA NON LORO….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: