nemmeno gli animali2:

5 MESI MORTA DI STENTI TRA GLI ZINGARI :  

Cattura

BASTA INCOLPARE LE ISTITUZIONI CHE FANNO E STRAFANNO SIN TROPPO PER QUESTI ANIMALI ! 

LE FORZE DELL’ORDINE NEMMENO POSSONO ENTRARE NEI CAMPI ZINGARI, NON PAGANO TASSE SI FANNO MANTENERE, RUBANO E LASCIANO MORIRE DI FAME UN BAMBINO…..

NON BASTA PER METTERLI TUTTI AI LAVORI FORZATI IN MINIERA ? 

vongole non sardine :

 

Sardine a Mediaset, il diktat televisivo: “Ecco quali programmi dovete evitare”. Non fanno politica?

Questi si fanno chiamare “sardine”, ma sono degli squali. Hanno già capito tutto. Per esempio, come distinguere i salotti televisivi amici e quelli scomodi. Su Facebook hanno pubblicato un post che sembra più un ordine di servizio. Spiegano che, dovendo andare in tv, meglio selezionare bene le trasmissioni, evitando quelle dove potrebbe esserci un contraddittorio o, peggio, qualche domanda scomoda. Che lusso: un politico di media notorietà pagherebbe per avere i 15 secondi di Andy Warhol su una rete nazionale. Mattia Santori e la sua compagnia ittica si sentono delle star. E, dato il vuoto politico che c’ è a sinistra, probabilmente lo sono diventate.

«La politica dell’ odio e dell’ aggressività si è sviluppata anche attraverso alcuni salotti televisivi creati ad hoc per fornire ai propri telespettatori un dibattito sterile, parziale e demagogico», si legge sulla pagina ufficiale delle sardine. «Per questo motivo scegliamo con cura le trasmissioni in cui andiamo per raccontare quanta meraviglia e complessità ci sono nelle nostre piazze». Dicono di non fare politica (vabbè) e per questo «non partecipiamo ai dibattiti tra politici. E ovviamente ci teniamo alla larga da quelle trasmissioni che hanno sdoganato termini come culattone, terrone o consenziente». Su Rete 4 «non ci vedrete mai», giurano, però altrove sì. Per esempio, a Piazza Pulita, su La7, che non è proprio una arena ostile per la nuova sinistra movimentista.

Non fanno politica, per carità, però Santori ha annunciato che sarà accanto a Stefano Bonaccini il prossimo 7 dicembre. «Sono curioso di vedere chi dovrebbe rappresentare l’ alternativa alla Borgonzoni», ha spiegato, precisando che «ognuno sarà libero di fare quello che gli pare». L’ unica missione è essere contro Salvini. Della pescheria bolognese ha scritto addirittura il quotidiano britannico The Guardian, indicandola come la vera spina nel fianco (o lisca) del leader della Lega: «Bandiere e altri simboli di affiliazione partitica sono banditi dalle manifestazioni. Si tratta di una scelta intesa a simbolizzare lo spirito inclusivo del movimento, ma anche per enfatizzare la dimensione civica della protesta». Protesta che non ha un carattere sociale, né un movente che nasce dal disagio (più o meno sembrano tutti dei fighetti), l’ unico aggregante è la repulsione verso Salvini.

Che, a detta della stampa britannica, dovrebbe ritenersi preoccupato: «Il potere sovversivo delle sardine è, per le ambizioni di Salvini, una minaccia più grande di quella costituita dal Pd». Non che ci voglia molto. Intanto Santori punta in alto. A Piazza San Giovanni: «Siamo sempre stati ambiziosi, è la nostra pecca. A Bologna questo è stato utile e speriamo lo sia anche a Roma», spiega il portavoce del movimento, intervistato da Radio Città del Capo. Per la manifestazione nella Capitale, la Questura «vorrebbe farci andare in piazza San Giovanni e questo complica le cose perché è molto grande». Ma, assicura Santori, «non temiamo i numeri e sappiamo che ci sarà grandissima mobilitazione».

Spontaneismo, già: per organizzare una manifestazione sul sagrato del concertone dei sindacati ci vogliono, risparmiando, non meno di 200mila euro. Tra palco, luci, impianto, sicurezza, eccetera. E chi glieli presta tutti questi soldi alle sardine, Capitan Findus? Nell’ attesa di capire, i ragazzi si prendono il gusto di sbeffeggiare il sindaco di Ferrara Alan Fabbri (Lega), che li aveva invitati a un confronto nella città estense, dove manifesteranno. «Non se ne parla», taglia corto Santori. Quando si tratta di misurarsi con chi la pensa diversamente fanno sul serio i pesci. In barile.

di Salvatore Dama

 

FASULLI COME I GRULLINI 

INCAPACI DI UN CONTRADDITTORIO , FORAGGIATI E MANOVRATI DA…….

HANNO CAPITO CHE BASTA FAR CASINO PER FAR SOLDI !! 

D’ALTRA PARTE I BOCCALONI SONO TANTI…..

nemmeno gli animali:

 

“30 euro e fai sesso coi bimbi”. Prostituzione choc nel campo rom

A Napoli nel quartiere Poggioreale diversi i residenti che parlano di minori che si prostituiscono. A Gianturco abbiamo raccolto il racconto di una testimone

“A Gianturco si prostituiscono anche i bambini”. È una testimonianza scioccante quella che arriva da Napoli.

In una zona dove è dilagante la prostituzione su strada, tra i residenti c’è chi lancia l’allarme. Tra via Gianturco, i vicoli del rione Luzzatti e via Taddeo Sessa a vendere il proprio corpo sono principalmente donne originarie di Paesi dell’Est Europa. Calcano i marciapiedi anche alla luce del sole, in un’area durante il giorno solitamente trafficata per il viavai dal vicino Centro direzionale. In questo contesto di degrado, dove i residenti da tempo urlano l’abbandono e i disagi che ne conseguono, si affaccia una realtà devastante, quella della prostituzione minorile.

Nel quartiere c’è chi riferisce di ragazzine impegnate a consumare rapporti sessuali all’aperto. Cristina dichiara di aver assistito a una trattativa tra tre bambini e un presunto pedofilo. “Erano tre ragazzini che avevano 10,11 anni. Loro volevano 30 euro e lui, il ragazzo, chiedeva 10”, racconta oggi. Ha assistito alla contrattazione dalla finestra di casa sua, circa un anno fa. “Alla fine mi sono messa urlare per farlo allontanare. Non ho mai denunciato perché lo feci scappare e non riuscì a prendere il numero di targa”, spiega. Quell’episodio non sarebbe isolato.

I residenti raccontano che non è raro vedere scene di sesso all’aperto tra ragazzine e anziani. “Loro (i minori) escono e trovano le macchine nel viale sulla Decima, dove non c’è nessuno”, racconta Cristina, che rivela di aver visto personalmente dei ragazzi giovanissimi consumare rapporti con persone anziane. “Una ragazzina – dice – stava facendo sesso orale con un uomo anziano e tre ragazzini stavano facendo sesso, sempre con un uomo anziano, in una macchina grande”. “Qui non passa mai nessuno e si mettono qua sotto”, spiega, indicandoci il punto, proprio sotto la finestra di casa sua. Cristina vive in un parco con accesso da via Gianturco. Il marciapiede dirimpetto è coperto da una distesa di preservativi usati. Di fronte vivono decine di famiglie.

L’idea di qualche residente è che a prostituirsi siano alcuni dei bambini che vivono nel vicino campo rom. “E chi può essere? – sbotta Cristina – Solo loro. Perché, qui, i bambini nel rione di sera non escono, c’è il coprifuoco”. Un dramma nel dramma, se fosse così, che decreterebbe il fallimento delle politiche di inclusione sbandierate dal sindaco De Magistris e che richiederebbe un intervento urgente per dare fine a quella che, secondo i racconti dei testimoni, sembra essere un’infanzia violata a cielo aperto.

 

NON POSSO COMMENTARE PENA IL GABBIO…..

che altro potrebbe fare ?

 

Bellanova piazza i compagni e assume cooperanti e dem

La ministra dà lavoro a renziani, trombati e meteore: tutti nello staff con stipendi d’oro e quasi tutti pugliesi

I l ministro dell’Agricoltura Teresa Bellanova (Iv) trasforma lo staff nella succursale della sinistra (trombata): ex dipendenti di coop rosse, renziani e politici del Pd.

L’HANNO SISTEMATA LI’ APPOSTA !!!!

NULL’ALTRO IN GRADO DI FARE.,…

 

ai grullini manca il buonsenso….

Vittorio Feltri contro il M5s: “Le loro leggi folli rubano fondi per l’ambiente, attendiamoci nuovi morti”

28 Novembre 2019

Mentre il Paese casca a pezzi, tra vecchi terremoti e recenti crolli di viadotti sbriciolati a causa di mancata manutenzione, i polemisti nostrani si arrabattano nel tentativo di trovare i colpevoli dei disastri. Come se fosse difficile identificarli.

A nessuno viene in mente di dire che per conservare in efficienza la rete viaria bisogna investire molto denaro, quando invece da queste parti si spendono cifre ingenti nel welfare più decrepito del mondo e si trascura allegramente la sicurezza dei cittadini che attraversano un ponte con l’ obbligo di raccomandare l’ anima a un santo protettore poco affidabile, almeno a giudicare dai risultati.

Per andare giù sul concreto, non sarebbe stato meglio verificare, impiegando tecnici all’ altezza, che certi manufatti fossero in grado di stare in piedi piuttosto che elargire miliardi a ragazzi che si grattano la pancia anziché lavorare?

Si tratta di somme ingenti e non di noccioline: se ben investite per assicurarsi che gli automobilisti e i camionisti potessero percorrere le autostrade senza rischiare di precipitare nei burroni, si sarebbero evitate tante sciagure e il blocco della povera Liguria abbandonata all’ impeto di rumorose frane. Niente.

Anziché sperperare i cespiti fiscali in favore di chi sgobba, si è preferito con la cosiddetta quota cento buttare soldi allo scopo di pensionare signori e signore di una età in cui si può essere ancora attivi.

Quindi, è lecito affermare che le palanche non mancano, solo che vengono usate male, non per cose serie bensì per consentire a vari connazionali di vivere a sbafo, cioè a carico della collettività. Ora si tratterebbe di sganciare fior di milioni onde porre qualche pezza a un sistema stradale fatiscente, ma le casse dello Stato sono vuote cosicché non si combinerà un tubo. Attendiamoci di conseguenza nuovi crolli devastanti, nuove vittime, nuove lacrime, nuove recriminazioni.

di Vittorio Feltri

 

 

CREDO CHE NESSUNO SAPPIA QUANTI SONO I MANTENUTI DI STATO TRA REDDITO DEL FANCAZZISTA, FINTI INVALIDI, FINTI PROFUGHI ( che dovrebbero lavorare cazzo !) , CLANDESTINI IN ALBERGHI A GRATTARSI I DIMAI CON TV, SIGARETTE E WIFI , OLTRE AGLI INFINITI ENTI ASSURDI CHE PERCEPISCONO SOVVENZIONI D’OGNI TIPO…COMINCIANDO DA anpi.

IN SIFFATTO BORDELLO TUTTI MANGIANO, ATTINGONO E SI FANNO RAZZI LORO ( vedi il marchese del grullo e mes) , ALLA FACCIA DI CHI LAVORA E PAGA.

I COMUNI RAPINANO CON MILIONI DI MULTE CHE DOVREBBERO ESSERE REINVESTITI NELLA MANUTENZIONE DELLE STRADE…… ECCO VIENE DA RIDERE SINO AL VOMITO ! 

ERGO: L’AVVENIRE E’ LETAME LIQUIDO ! 

 

vomitate senza timore:

merdaioli

FANCAZZISTI ESTREMISTI SPACCIATI PER “BUONI” DAI VESCOVI !! 

 

 

renzi

GLI ALTRI 800.00 GUADAGNATI CON ATTIVITA’ EXTRA PARLAMENTARIE DICE IL CAZZARO !!! QUALI DI GRAZIA ? PAGATO PER FARE IL SENATORE …DOVE COME E QUANDO ? 

MEA CULPA:

ho sempre pensato che la banda al governo fosse semplicemente composta da caprette analfabete , incapaci ma presuntuose….

sbagliato mi sono alla grande

l’accoppiata coi dem-enti ha fatto emergere la parte DELINQUENZIALE della banda con proposte immonde, continui mutamenti di pensiero, accordi sottobanco, 1400 clandestini in 3 giorni e la negazione dell’invasione….

ad abundantiam ora si sono aggiunte le sardine col cervello di vongole, un concentrato della spazzatura circolante ….

tuttavia per questi subumani l’unico pericolo è Salvini…il che dimostra quanto malati di metne siano !! 

 

23316628_1939975329351164_8903662647029725609_n

infatti la banda ride sempre !!!

 

malati mentali:

 

“Meloni bestia, sgorbia, feccia”. Ecco l’odio choc delle sardine

Insulti alla leader di FdI nel gruppo L’Arcipelago delle sardine. Le scuse dell’amministratore, esponente di Italia in Comune

Doveva essere un “popolo di persone normali” che non odiano, che amano “la bellezza, la non violenza verbale e fisica”. Eppure anche nel banco di sardine più chic che ci sia, le mele marce non mancano.

 

SONO UNA BANDA DI EMARGINATI, MALATI MENTALI , MANTENUTI IL PIU’ DELLE VOLTE DAL REDDITO DEL FANCAZZISTA CHE SI SPACCIANO PER PERSONE “NORMALI” MA CHE AL CONTRARIO SONO SUBUMANI ! 

Blog su WordPress.com.

Su ↑