dem-enti alla n+1

“Venite qui, ci pagano tutto”: Terrorista islamico elogiava l’accoglienza PD

I terroristi islamici sfruttano il generoso welfare italiano per sostenere le proprie attività. A maggio di quest’anno è stata confermata in modo definitivo la condanna per Abdul Rahman Nauroz, 36enne responsabile della cellula italiana di una rete europea guidata dall’imam Krekar(foto).

Il terrorista viveva e faceva proselitismo in una casa il cui affitto era pagato dai servizi sociali della città di Merano. Le indagini condotte dal ROS portarono all’arresto di molti immigrati islamici (e profughi) in Alto Adige, dove la giunta Pd-SVP era molto generosa con i migranti.

Italia è meglio che tu vada a Bolzano – si leggeva nelle intercettazioni tra uno dei membri della cellula Muhamad Majid e tale Kalid – …ti pagano la casa anche se non lavori”.

“Per il lavoro e anche per il sociale – aggiunge Kahlid – basta che fai come ha fatto Mullah Kawa, lui ha pagato l’affitto di casa soltanto per sei mesi. Dopodiché ci hanno pensato i servizi sociali. Che lavora o che non lavora è uguale! Può startene tranquillamente a casa che tanto gli paga tutto il Comune. Gli passano pure un mensile per lui, la moglie e i figli”.

“Il sistema che utilizzano a Bolzano è come quello tedesco – spiega Kalid – tutti i curdi che si trovano a Bolzano non lavorano. Stanno tranquillamente a casa… pensa bene a quello che ti ho detto”.

Dopo le ultime elezioni provinciali, a Bolzano l’SVP sarà costretta a governare con la Lega, il Pd è scomparso. E la pacchia finirà anche per i ‘curdi’.

 

PIU’ DEM-ENTI DI COSI’ NON E’ UMANAMENTE POSSIBILE !!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...