le vere armi mortali: dipendenza ed ignoranza

Vittorio Feltri: dopo aver eliminato il tema di storia eliminiamo la scuola

Vittorio Feltri: dopo aver eliminato il tema di storia eliminiamo la scuola

Se la cosa non fosse tragica, verrebbe da ridere a raccontarla. Da oltre 50 anni, i governi italiani riformano la scuola e la maturità. Quando ero giovane, al termine degli studi superiori dovevi affrontare un esame che riguardava tutte le materie. Se in un paio di esse fallivi, venivi rimandato a settembre. L’ appello si chiamava riparazione. Poi, i governi di ogni colore hanno introdotto numerose correzioni, tutte peggiorative.

Oggi non si capisce più a che serva la prova finale. La quale, a furia di modifiche scriteriate, è diventata inutile e andrebbe abolita. Tutti gli studenti, terminati i licei di ogni tipo, anche se zoppicano sono promossi per pietà. I quiz terminali non hanno senso. Sono formali e non sostanziali. Tanto varrebbe eliminarli, non cambierebbe una virgola. Peggio di così non è possibile. Vabbè, lasciamo perdere. Se dovessimo dare le pagelle ai ministri dell’ Istruzione che si sono succeduti alla guida del dicastero dovremmo bocciarli tutti per conclamata ignoranza (crassa). Ripeto, sorvoliamo.

Ora apprendiamo che dal giudizio dell’ ultimo anno è stata cancellata la storia, considerata superflua per garantire l’ accesso all’università. Gli allievi, anche se penseranno che Giuseppe Garibaldi fosse contemporaneo di Giulio Cesare, saranno abilitati ad entrare nelle più alte sfere della cultura ufficiale, quella accademica. Prima di far secca la storia era già stata seccata la geografia, ritenuta un ammennicolo. Cosicché una mia nipote al quinto anno dello scientifico, da me interrogata a tavola sulla posizione nello Stivale di Teramo, mi ha risposto: non ne ho la più pallida idea, non conosco i tuoi amici. Era convinta che la città in questione fosse un mio collega. Mi sono cascate le braccia e non ho avuto il coraggio di correggerla. Anzi, le ho detto che Cuneo era un mio compagno delle elementari. Ottimo.

Il latino, indispensabile per apprendere i segreti della sintassi, è stato snobbato. Alle medie non è più obbligatorio, quando una volta, in terza, si traduceva il De bello gallico. Come dicevamo, la geografia è trascurata, ed ora addio anche alla storia. Mi domando perché a questo punto non si elimini la scuola tout court, visto che le materie fondamentali sono state declassate a perdita di tempo.

Se la pubblica istruzione è diventata pubblica distruzione conviene chiudere qualsiasi istituto scolastico, almeno ci avanzeremo i soldi per pagare il reddito di cittadinanza ai nullafacenti specialmente del Sud, dove si segnala un aumento delle vendite dei divani su cui chi riceverà il sussidio poserà i glutei in attesa della fine mese e di riscuotere l’ assegno per non fare un tubo.

di Vittorio Feltri

 

SI TORNA ALLA BARBARIE PRIMORDIALE : TENERE IL POPOLACCIO NELL’IGNORANZA RICATTANDOLO CON IL MANTENIMENTO GRATUITO !!

 

QS  “ERA” UN PAESE DI SANTI, POETI, NAVIGATORI……

      “ORA” UN PAESE DI ANALFABETI & FANCAZZISTI IGNORANTI COME CAPRE ! 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...