SEMPRE PIU’ GIU’ :

 
Reggio Emilia, ladro seriale ma ha l’epatite. Il giudice: “Non può essere espulso”
 
La dura replica del ministro Matteo Salvini che su Twitter attacca il giudice: “E la chiamano giustizia…”
di DANIELE PETRONE
 
Reggio Emilia, 16 settembre 2018 – «Non può essere espulso perché deve curarsi. Il diritto alla salute viene prima di tutto». Una sentenza che farà discutere, in un senso e nell’altro, quella del giudice di pace di Reggio, Silvia Tanzi. E che potrebbe essere un precedente storico e anche politico.
 
Una decisione che straccia il decreto di espulsione firmato da questura e prefettura nei confronti di un georgiano di 35 anni, clandestino, che si è reso colpevole di alcuni crimini; ma avendo seri problemi di salute potrà essere rimpatriato solo quando sarà guarito.
 
L’uomo ha diversi precedenti. Il 28 febbraio scorso era stato identificato all’interno di un negozio dove aveva rubato un tablet. Un mese prima aveva invece portato via una bicicletta in zona stazione. Così, dopo aver collezionato numerose denunce, arriva il provvedemento di espulsione. Il suo avvocato Ernesto D’Andrea però decide di impugnarlo. E di fare ricorso davanti al giudice di pace. Perché il 35enne – essendo un ex tossicodipendente – ha contratto l’epatite C, patologia per cui si trova attualmente in cura presso l’Ausl di Reggio.
 
Chiede dunque l’annullamento, appellandosi a una sentenza della Corte Costituzionale (la numero 252 del 2001) che sancisce il diritto alla salute come «diritto strettamente inerente alla persona umana che compete a tutti, anche agli stranieri qualunque sia la loro posizione rispetto alle norme che regolano l’ingresso e il soggiorno nello Stato». Oltre all’articolo 32 della Costituzione Italiana che vede la tutela salute come diritto fondamentale. L’avvocato D’Andrea inoltre chiama a testimoniare un medico dell’Ausl che sta curando il trattamento del paziente georgiano che in aula conferma come «l’interruzione delle terapie comporterebbe aggravamenti e complicazione. E non vi è la prova che nel paese d’origine potrebbe ricevere adeguati supporti».
 
Inizia però il braccio di ferro processuale. Prefettura e questura si oppongono, presentando ricorso affinché non venga accettata la richiesta di annullamento del decreto di espulsione. «Le sue condizioni – si legge nell’atto – non gli impediscono di commettere reati. Inoltre, la patologia di cui è sofferente non è considerata ostativa a un rimpatrio presso il paese d’origine in quanto la Georgia è un paese avanzato dal punto di vista medico».
 
L’uomo però – nonostante abbia moglie e figli in Georgia – non ci vuole tornare. Il parere del medico dell’Ausl ha precisato, controbattendo al ricorso prefettizio, che «quel tipo di cure sì esistono, ma non sono facilmente accessibili nella nazione caucasica», portando il legale ad affermare la tesi che l’uomo rischia la salute.
 
E il giudice ha così dato ragione al georgiano, accogliendo il suo ricorso e annullando l’espulsione a suo carico: «Ha il diritto riconosciutogli dalla Costituzione Italiana di potersi curare prima di fare rientro in patria».
 
NON CONDIVIDO PUR SAPENDO CHE I GIUDICI SONO INFALLIBILI, SANTI , GIUSTI , INTELLIGENTI ED IMPARZIALI…..
IL DELINQUENTE VA MANDATO A CURARSI A CASA SUA NON QUI A SPESE MIE CAZZO !!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...