bestiale:

Diciotti, Chiesa difende fuggitivi: “Non amano stare in campagna”

ORA LO SAPPIAMO, I PROFUGHI DELLA DICIOTTI NON FUGGIVANO DALLA GUERRA, MA DALLA NOIA DELLA CAMPAGNA ITALIANA

L’apparato della Chiesa Spa di Bergoglio difende gli oltre 50 migranti della Diciotti ‘fuggiti’ dal lussuoso centro di accoglienza gestito da una ‘coop’ vicina al Vaticano che finanzia anche il giornale dei vescovi. Lo stesso giornale che pubblica false foto sulle torture che non hanno subito in Libia.

E la difesa è ridicola. Tragicomica.

“I centri di accoglienza non sono centri di detenzione e dunque le persone ospitate possono allontanarsene liberamente: la loro non è una fuga”, osserva padre Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli, struttura dei Gesuiti che si occupa del business dell’immigrazione a tutto tondo.

“I motivi per andarsene possono essere i più svariati, cambiano da caso a caso – spiega Ripamonti -. Dipende anche da che tipo di centro li sta ospitando, dove è geograficamente collocato, se sta in aperta campagna o in una grande città, qual è la nazionalità dei profughi ospitati, se l’Italia è la meta finale o soltanto un Paese di sbarco e di transito. Difficile ora capire perché questi rifugiati si siano allontanati”.

Ma è facile capire che non fuggivano dalla guerra. Perché non ci sono guerre alla Comore, da dove proveniva la maggioranza dei ‘profughi’ fuggiti dalla campagna italiana.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...