tutta brava gente:

Non basta il voto a salvare l’Italia dalla casta dei pm

Non c’è voto, dato a destra, sinistra, sopra o sotto, che possa metterci al riparo da un sistema infettato alle radici, anche quelle in apparenza sane

Dicono che gli italiani con il voto abbiano voluto provare a cambiare questo benedetto Paese.

È possibile, anche se il cambiamento in sé non è bello né brutto, dipende se si migliora o peggiora la situazione esistente. Il rischio come dice l’antico proverbio di finire dalla padella nella brace è infatti sempre in agguato e per anni in Italia è valso il detto «si stava meglio quando si stava peggio» con qualche velato riferimento anche ai tempi del Duce. Non voglio essere pessimista e smorzare sul nascere le speranze di chi nell’urna ha deciso di esplorare nuove vie, ma temo che cambiare il quadro politico grillini o non grillini sia una piccola parte del problema.

Due fatti di cronaca accaduti in questi giorni dicono dell’Italia molto più del risultato elettorale. Il primo è accaduto in Umbria, dove un solerte magistrato ha sequestrato il centro polifunzionale di Norcia, un gioiello di aggregazione sociale costruito a tempo di record per dare sollievo ai terremotati grazie alla generosità dei lettori del Corriere della Sera e degli ascoltatori della tv La7. Parliamo di una sottoscrizione da otto milioni affidata alle mani esperte e pulite di Stefano Boeri, architetto di fama internazionale. La magistratura non ha ravvisato ipotesi criminali, tipo tangenti o ruberie, bensì il non rispetto alla lettera delle norme (che messe insieme assommano a una risma di fogli alta 82 centimetri, evviva la burocrazia) e tanto è bastato a mettere i sigilli.

Ma vi sembra possibile? Soldi di privati che non pesano sui bilanci pubblici, sollievo per i terremotati, tre eccellenze italiane (Corriere, La7 e Boeri) che ci mettono faccia e impegno e alla fine arriva un saputello a dire che così non si fa. Incredibile, inqualificabile, direi deprimente. Anche perché e siamo alla seconda notizia questo signore appartiene a quella casta (la magistratura) che ieri l’altro si è rifiutata di cacciare un suo alto esponente (giudice di Cassazione) che aveva messo un suo già assurdo privilegio, l’auto blu con autista, a disposizione della moglie per fare shopping e andare al mare dalle amiche. Non c’è voto, dato a destra, sinistra, sopra o sotto, che possa metterci al riparo da un sistema infettato alle radici, anche quelle in apparenza sane. Quasi quasi mi viene da rivalutare i politici, se non altro non tutti ma molti di loro in un modo o nell’altro, prima o poi, pagano i loro errori. Almeno andando a casa.

 

 

I GIUDICI SONO SANTI, SONO INFALLIBILI, SONO INTELLIGENTI, SONO FURBI, SONO …SONO…..

E SONO INTOCCABILI NONCHE’ PERMALOSISSIMI !

DEI TERREMOTATI “CHE JE FREGA ? ”

 

Annunci

Una risposta a "tutta brava gente:"

  1. ergatto 16 marzo 2018 / 7:57

    Bravo Sallusti,
    il nostro nemico sono loro: LA CASTA DEGLI INTOCCABILI, fanno politica attiva, sempre e solo di sinistra, influiscono sui governi del Paese, solo se di destra, assolvono per qualsiasi reato i clandestini, NON TUTELANO CON SENTENZE ESEMPLARI LE NOSTRE DONNE, condannano preferibilmente gli italiani e, sopratutto, NON PAGANO MAI per i loro errori che distruggono vite! BASTA!
    PS spero abbia letto questo articolo anche ILDA LA ROSSA e si sia vergognata!
    Claudia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...