Leggete leggete !

Il Presidente dell’Antitrust Giovanni Pitruzzella , dirigente amministrativo pubblico , avvocato, con uno stipendio annuale di 320.000 euro , nominato dai Presidenti di Camera e Senato Gianfranco Fini e Renato Schifani nel 2011 , a giugno del 2017 ha inviato una nota alle maggiori cariche della Repubblica ” .
In tale nota Giovanni Petruzzella caldeggia l’emissione di una Legge da parte delle forze di Governo e Parlamentari, affinchè sia possibile da parte dell’Authority rivedere le tariffe e spalmare tutti “gli oneri generali non incassati sull’utenza attiva”.

Come ho già avuto modo di spiegare nella mia disamina, GLI ONERI GENERALI SONO UNA TASSA IMPOSTA DAL GOVERNO CHE NON HANNO NULLA A CHE VEDERE CON LE TARIFFE RELATIVE AI CONSUMI ed ecco il motivo per cui il Presidente dell’Antitrust scrive alle cariche dello Stato: l’Authority non può mettere mano alle tariffe parafiscali (come sono gli oneri generali), per farlo occorre che il Parlamento emetta una legge.

Il presidente dell’Antitrust giustifica questo suo “caldeggiamento” col fatto che molti “venditori” (società improduttive e parassitarie che aggiungono solo costi all’energia che produce lo Stato e non generano alcun beneficio per i cittadini), a causa delle morosità e delle chiusure dei contatori falliscono e si rischia di non garantire la competitività.

Se non fossimo nella situazione in cui siamo, penserei che si tratti di una barzelletta e mi metterei a ridere a crepapelle.

A parte il fatto che non esiste competitività, dato che alla fine della sommatoria delle voci in bolletta un kw di elettricità costa sempre la stessa cifra (posso dirlo perchè ho provato 4 differenti società) e quindi vi e’ CARTELLO e non competitività.

ANCORA UNA VOLTA SI PRIVATIZZANO I PROFITTI E SI SOCIALIZZANO LE PERDITE.
SENZA CONTARE IL FATTO CHE L’ENERGIA PRODOTTA GIA’ IN BASE APPARTIENE AGLI ITALIANI .

Certo capisco che chi ha uno stipendio annuale di 320.000 euro (meritati?) non si debba in alcun modo preoccupare di un aumento in bolletta… mi chiedo però gli italiani che ne pensano.

Mi piacerebbe inoltre che l’avvocato Petruzzella ci spiegasse “come mai vengono chiuse un numero così elevato di utenze” ; “come mai , le società private che vendono l’energia non si sono preoccupate di chiedere depositi cauzionali” ; ” in quale modo siano stati fatti i tentativi di recupero crediti” …

Di domande ce ne sarebbero mille per capire la gestione che viene fatta, di una proprietà che è degli italiani , dato che , gli italiani ne pagano la produzione e anche il consumo.

La questione ha subito una battuta d’arresto visto che le camere sono state sciolte, e probabilmente per motivi elettorali non hanno proceduto a firmare una normativa canaglia.
Ma dopo le elezioni riprende la guerra…
Avv. Lorella Lory Presotto ( una con le balle enormi )

queste società sono parassiti che aggiungono solo burocrazia. L’energia è prodotta dallo Stato e distribuita dallo Stato. Le società di vendita non tirano fuori un centesimo e guadagnano sulle nostre proprietà. Noi paghiamo l’elettricità 10 volte quello che ci costerebbe se non ci fossero questi parassiti. E basta !

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...