se solo “critichi” un giudice ti trovi in tribunale ma……

Sindaca minacciata con l’acido querelò commentatori. Per il giudice è “critica politica”

L’avvocato Gaiani: “Come legale e come donna sono amareggiata, decisione in controtendenza con una certa sensibilità su questi temi”

Jolanda di Savoia. Per il giudice fu critica politica. Il tribunale di Ferrara ha assolto due commentatrici denunciate per diffamazione dal sindaca di Jolanda Elisa Trombin per i loro interventi negli articoli di Estense.com relativi alle minacce di sfregiare con dell’acido rivolte allo stesso primo cittadino.

Un caso che fece il giro delle cronache nazionali e finì anche in parlamento, con l’audizione della stessa Trombin da parte della commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle intimidazioni nei confronti degli amministratori locali (che in quell’occasione conunicò alla prima cittadina “vicinanza e solidarietà”).

Il giudice Luca Marini ha deciso di assolvere le due imputate – che scrissero sotto lo pseudonimo di Argo e Massimo -, una delle quali anche consigliera comunale in un Comune del rodigino, perché il fatto non costituisce reato, applicando l’esimente del diritto di critica politica.

“Episodio dubbio e che puzza di campagna elettorale”, recitava, secondo quanto emerso in udienza, uno dei commenti oggetto della causa. L’altra commentatrice – che, pur utilizzando un nickname dal quale la propria funzione di consigliere comunale non poteva emergere in alcun modo (Argo), ha spiegato di essere intervenuta anche con l’idea di svolgere un ruolo pubblico (affermazione, a dire il vero, fatta su una domanda-assist del proprio difensore in sede di esame) – aveva scritto che “le cose non stanno proprio così”, forse intendendo che il sindaco Trombin non aveva ricevuto una minaccia in un incontro vis à vis dall’uomo condannato ormai in via definitiva per quei fatti, comunque riconoscendo che l’episodio “rimane deplorevole (se verificato)”.

La pubblica accusa – che ha agito anche per via dell’imputazione coatta decisa al tempo dal gip – aveva chiesto la condanna a 600 euro di multa per ciascuna delle imputate.

«Come avvocato e come donna sono amareggiata», afferma al termine dell’udienza il difensore del sindaco di Jolanda, Carlotta Gaiani, «mi sembra una decisione in controtendenza con una certa sensibilità su questi temi. Qui si va ben oltre la critica politica. Attenderemo le motivazioni e faremo molto probabilmente appello, sollecitando anche la procura in questo senso».ESTENSE.COM

 

 

SONO SANTI, SONO BELLI, SONO GIUSTI, SONO INFALLIBILI, SONO IMPARZIALI, APPLICANO LE LEGGI CON SCRUPOLOSA ATTENZIONE SENZA PARZIALITA’ PERSONALI !

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...