ERRORE:

 

Stupro, Boldrini sotto accusa: “Silenzio offensivo”. E lei: “Toccato il fondo”

A ben quattro giorni dal terribile stupro di Rimini esplode la polemica sul presidente della Camera. E lei replica dalle vacanze: “Dibattito agghiacciante, stiamo toccando il fondo”

IL FONDO L’HA TOCCATO LEI …

SI PRECIPITA COME UN RAZZO A CONSOLARE IL POVERO DELINQUENTE MORTO PER UN PUGNO ( senza sapere la storia ovviamente !!) MA TACE SU OGNI STUPRO DEI SUOI PROTETTI….

QUESTO E’ IL VERO FONDO !!!

poveretto…..

 

Fassina contro la Meloni: “I protagonisti di stupri? Quasi sempre vermi italiani”

Meloni a Boldrini: “Non dice nulla sui vermi magrebini?”. E Fassina: “E lei non dice nulla quando i protagonisti di stupri sono, come avviene nella maggioranza dei casi, vermi italiani”

“Nella stragrande maggioranza dei casi, i protagonisti di stupri e violenze sono ‘vermi italiani'”.

 

 

FALSO SIA IN ASSOLUTO CHE RELATIVAMENTE AL NUMERO IN PERCENTUALE …

FALSO PER PRINCIPIO IL POVERO DEM….

merde, stramerde, merdissime:

 

Ferrara, la sinistra assegna agli immigrati 9 case popolari su 10

Nel capoluogo estense gli immigrati ottengono 790 posti su 854 nella graduatoria degli alloggi popolari. Ma rappresentano meno del 10% della popolazione complessiva

 
 

Il 92,5%. A tanto ammonta la percentuale degli alloggi comunali di Ferrara, in Emilia-Romagna, assegnata agli stranieri.

come ti smonto le bufale di saviano !!

Caro Saviano, prima di smontare le bufale sui migranti, smontati il cervello e sostituisci le rotelle che ti girano al contrario perchè stai solo alterando l’informazione.
Adesso passo passo ti dico io come la vedo tutta ‘sta storia:

I 35 euro giornalieri:
Hai scoperto l’acqua calda: lo sapevamo che i 35 euro giornalieri non vanno a loro ma alle cooperative che li gestiscono, che però, guarda caso sono, quasi tutte dei partiti dal PD a FI passando per Alfano. Ne sono fuori solo i quelli della Lega. E chi paga siamo sempre noi …

Fanno lavori che nessuno vuole più fare:
Ma come? Il lavoro degli operai è in crisi perchè da qui a 10 anni sarà tutto robotizzato mentre invece, visto che ci sono i migranti, loro devono lavorare manualmente. Sicuro che non esiste un metodo meccanizzato per raccogliere dall’agricoltura? Poi comunque sapevo che anche per gli italiani c’è un ritorno alla terra, nel senso ci sono cooperative di ragazzi che hanno deciso di rimettersi a fare produzione agricola. Quindi anche questa cosa è vera fino ad un certo punto.

La bella vita negli alberghi:
Chi fa la bella vita negli alberghi di lusso non sono i migranti ma i proprietari che mettono a disposizione l’immobile (a spese nostre ….)

Alzano il PIL:
Quali migranti alzano il PIL? Quelli che lanciano bombole di gas sulla polizia o che aggrediscono il Capotreno perchè sono senza biglietto?
I dati della finanziaria 2016? Sai che dati! Hanno falsato tutto addirittura Padoan aveva ammesso che sui conti c’era un “buco” dovuto ad un suo errore …
Ma cosa stai dicendo?!

Epidemie e vaccini:
Perchè quelli che non si vogliono vaccinare gli togliete la patria podestà?
E poi quali vaccini gli avete fatto? Il decavalente o il quadrivalente?
Mica per niente ma il decavalente a noi contribuenti ci costa molto di più ….
Comunque da quando c’è l’emergenza migranti sono tornate malattie che erano estinte (tra cui anche alcuni casi di lebbra).
Hai voglia a vaccini …..

Percentuale dei migranti rispetto alla popolazione:
Il calcolo delle presenze migranti non devi farlo su base europea perchè grazie al tuo Renzi e a tutti i partiti che hanno firmato gli accordi di Dublino ce li siamo dovuti tenere tutti quì; il confronto fallo su scala nazionale perchè è l’Italia che li sta mantenendo e non” l’Europa” o quanto meno l’Europa in una minima partecipazione finanziaria ma i disagi e i problemi sono tutti quì da noi.

Versano contributi all’INPS:
Quali migranti versano oltre 8 miliardi all’INPS? Pure quelli che sono assunti dalle mafie del caporalato e che sono costantemente minacciati?
Stai dicendo una marea di minkiate!

La garanzia del sistema previdenziale:
E’ una minkiata perchè questi lavorano quasi gratis e spesso a nero. Quindi alle nostre pensioni non garantiscono proprio nulla.
Piuttosto tutti i versamenti che ho fatto in quasi 38 anni di lavoro dove sono finiti?
Ve li siete ciucciati tutti? L’1,6 milioni di migranti che dici che sono necessari e che devono arrivare, portali a casa tua e mantienili tu a tue spese (non nostre).
Poi vediamo di quanto “umanismo” sei dotato …

Percentuale che commettono reati:
Anche se sono una minoranza a commettere reato NON devono farlo nello stato che li ospita.
Se qualcuno mi deve rubare il portafoglio preferisco un italiano bisognoso che non un migrante venuto da chissà dove e come!

Ius Soli:
Riguardo lo ius soli a me non me ne frega proprio niente perchè serve solo al PD per recuperare i voti che ha perso dagli italiani e non risolve nulla.
E’ solo un falso buonismo: prima del benessere dei migranti DEVE venire quello degli italiani.
E prima ancora di quello degli italiani quello dei terremotati del Centro Italia.

Quindi caro Saviano non ci provare a sparare minkiate perchè la realtà non è quella che stai distorcendo senza contraddittorio.

è diventato un…divo…

Smettiamo di fare pubblicità a questo pagliaccio e al suo circo? L’abusivismo di governo è alle porte
Migranti in piscina: applausi in chiesa per don Biancalani

(…) C’è un problema però: così facendo, don Biancalani è ospite ovunque, sui tg come sui giornali e il suo messaggio delirante passa sempre di più. A me frega sega che, come ha annunciato stamattina urbi et orbi a “L’aria che tira” su La7, riporterà in piscina i suoi amici migranti e che ha già comprato costumi e occhialini: vadano a nuotare quanto vogliono e dove vogliono, se paga lui a me non interessa visto che il 5 per 1000 da me la Chiesa cattolica non lo avrà mai. Sguazzino sereni tra le onde generate a suon di peti e, dopo essersi goduti il refrigerio, facciano anche una bella doccia tutti insieme, tanto per togliersi il cloro e, magari, qualcos’altro.
La cosa essenziale è un’altra: la finiamo di fare pubblicità gratuita a questo pagliaccio in toga e al circo Barnum che lo ospita per tentare di fare audience ma, soprattutto, di veicolare il solito messaggio buonista del cazzo? Lo dico in primis a quelli di Forza Nuova, i quali stanno regalando a questa macchietta che gioca con i paramenti e la decenza sacramentale, un palcoscenico di cui già l’immigrazionismo social e mediatico gode a sufficienza. Basta. Ignoriamolo e lasciamolo alla sua vita divisa fra tuffi in piscina e canonica dell’accoglienza, compri tutti i costumi che vuole: dovrà risponderne a Dio del suo comportamento, essendo un prete, non a noi.(…)
Leggetevi il resto qui sotto

https://www.rischiocalcolato.it/2017/08/smettiamo-pubblicita-pagliaccio-al-suo-circo-labusivismo-governo-alle-porte.html

il prototipo del……..

 

Bugie su sbarchi e accoglienza: ecco le 10 fake news di Saviano

I 35 euro giornalieri, i soggiorni in hotel a 4 stelle, i legami coop-mafia. Ecco la realtà negata dallo scrittore buonista

Lo scrittore Roberto Saviano ha diffuso sui social il decalogo delle dieci bufale sui migranti. Eccole smontate una per una.

«I MIGRANTI NON RICEVONO 35 EURO AL GIORNO DALLO STATO»

Ogni migrante viene mantenuto dallo Stato che garantisce alloggio e vitto (colazione, pranzo e cena, con menù che devono osservare tassativamente le «regole alimentari dettate dalle diverse scelte religiose») in una delle strutture predisposte, più il cosiddetto pocket money.

Il costo giornaliero del mantenimento sono appunto i famosi 35 euro, una cifra non fissata per legge ma stabilita dai singoli bandi. Ai 35 euro si aggiungono 2,5 euro giornalieri che invece vanno direttamente ad ogni clandestino, più una scheda telefonica di 15 euro all’arrivo. Vitto, alloggio, un aiuto per le spese, ricarica del cellulare. Un trattamento che a molti italiani non dispiacerebbe.

«LE COOP NON HANNO LEGAMI CON LA MAFIA»

È lo stesso Saviano a riconoscere che è vero: «Le mafie si infiltrano anche nella gestione degli immigrati». Un business miliardario che il crimine non poteva lasciarsi sfuggire, visto poi che i barconi approdano in zone da loro controllate. Solo le più recenti operazioni: ndrangheta e business dei migranti, 68 arresti a Isola Capo Rizzuto; a Rimini la Questura scopre che 8 hotel su 15 che si erano proposte al Comune per ospitare i migranti erano legate a mafia, camorra e Sacra Corona Unita. Secondo una ricerca dell’Istituto Demoskopika gli sbarchi dal 2011 ad oggi hanno fruttato alla criminalità organizzata un giro di affari di 4 miliardi di euro.

«I MIGRANTI NON FANNO LA BELLA VITA NEGLI HOTEL DI LUSSO»

Lusso magari no, ma ex hotel anche a 3 o 4 stelle riconvertiti a strutture per accoglierli, quello sì. Per molti gestori in difficoltà l’immigrazione è diventata una soluzione per riempire l’hotel e farsi pagare dallo Stato. Quando non è l’hotel a rendersi disponibile, la Prefettura può anche disporre un’ordinanza di requisizione. Sono previsti degli indennizzi per i proprietari, tanto paga sempre lo Stato. Col sussidio pubblico il menù per gli ospiti non può essere quello di Cracco, ma dovrebbe andare più che bene a chi scappa dall’Africa. Invece capita spesso che i migranti si lamentino per la qualità del cibo o perché il wifi prende male.

«I MIGRANTI NON SONO UN COSTO TROPPO ALTO PER IL SISTEMA ITALIANO»

Vanno distinti gli immigrati regolari, che risiedono e lavorano in Italia, dai clandestini. L’emergenza migranti è un costo enorme per l’Italia. Nel 2016 il prezzo per l’Italia è stato di 3,3 miliardi di euro al netto dei contributi della Ue (appena 120 milioni), costi – ha scritto il ministro Padoan in una lettera a Bruxelles – dovuti principalmente «ai salvataggi in mare, all’identificazione, al ricovero, ai vestiti, al cibo, ai costi di personale, operativi e di ammortamento di navi e aerei». E l’ultimo Def nota con allarme: «Se l’afflusso di persone dovesse continuare a crescere la spesa potrebbe salire nel 2017 fino a 4,6 miliardi».

«I MIGRANTI NON PORTANO MALATTIE»

Sarà brutto dirlo, ma non è proprio così. L’Unhcr riscontra che «nel 2015 i casi di scabbia rilevati dai medici di confine negli sbarchi degli immigrati sono stati circa il 10%», ma definisce eccessivo l’allarme dato dai media anche perchè «la scabbia è una malattia piuttosto banale, tipica delle fasce sociali più svantaggiate, favorita da scarsa igiene e sovraffollamento, condizioni che facilmente si associano ai viaggi sui barconi». Oltre alla scabbia, si sono verificati spesso casi di tubercolosi nei centri di accoglienza (38, nel 206, solo in quelli di Milano). È la stessa Oms a spiegare che la condizione di immigrato agevola il rischio di contrarre la Tbc.

«NON SONO TROPPI NON È UN’INVASIONE»

Saviano anche qui parla degli immigrati regolari, che in Italia sono l’8,3% (ultimo censimento Istat), ma concentrati per metà in tre regioni: Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Lazio. Anzi, concentrati soprattutto nelle grandi città, a Milano ad esempio gli immigrati sono il 18,9%. Ma la percezione di una invasione è data soprattutto dall’arrivo dei clandestini, non dagli stranieri regolari. Sono stati 95.215 gli immigrati sbarcati solo nel 2017, 176mila l’anno prima. Le strutture di accoglienza sono sature, tanto che il Viminale si è trovato più volte in difficoltà e ha dovuto allertare le prefetture per trovare velocemente dei posti dove metterli. Arduo sostenere che non siano troppi.

«GLI IMMIGRATI NON TOLGONO IL LAVORO AGLI ITALIANI»

Il Cer (Centro Europa Ricerche) nel suo studio «European Migration and the Job Market» scrive che «la migrazione ha un effetto negativo sull’occupazione dei nativi dei Paesi periferici», cioè dei paesi del Sud Europa, tra cui appunto l’Italia. È vero, gli immigrati fanno in maggioranza lavori di livello basso, ma sono proprio i lavori per cui hanno competenze la maggior parte dei lavoratori dei paesi del Sud Europa, meno qualificati rispetto a tedeschi, francesi, norvegesi etc. Insomma, «mentre nei Paesi ad alta scolarità gli immigrati di basso livello culturale occupano posti di lavoro che i cittadini non vogliono più fare, nel Sud entrano direttamente in competizione con i locali». Gli immigrati, poi, accettano compensi più bassi e sono quindi più vantaggiosi rispetto agli italiani con le stesse competenze. Che si ritrovano più facilmente fuori dal mercato del lavoro.

«GLI IMMIGRATI CI PAGANO LE PENSIONI»

Se gli stranieri che lavorano regolarmente e pagano gli oneri previdenziali contribuiscono ovviamente all’Inps, è anche vero che una larga parte degli immigrati lavora in nero e quindi non contribuisce affatto, pur beneficiando del welfare pubblico. Nel 2014 i lavoratori stranieri hanno «pagato» la pensione a 640mila italiani. Però, ogni anno l’Italia versa le pensioni mensili a 100mila immigrati (75mila extracomunitari e 25mila comunitari dell’Est). Non solo, oltre ai benefici previdenziali vanno calcolati anche gli oneri per il welfare. Nel 2016 la Fondazione Leone Moressa ha certificato in circa 16 miliardi il costo in spesa pubblici per i 5 milioni di immigrati in Italia (non contiamo i clandestini). Dunque il saldo è negativo.

«LA MAGGIOR PARTE DEGLI IMMIGRATI NON COMMETTE CRIMINI»

Un’elaborazione della Fondazione David Hume di Luca Ricolfi ha messo in fila i tassi di criminalità relativi tra stranieri e nativi nei Paesi Ue: «In media gli stranieri delinquono 4 volte di più, con punte di 12 in Grecia, 7 in Polonia, 6 in Italia, 5 nelle civilissime Svezia, Austria, Olanda. Per quanto riguarda l’Italia l’indice si attesta intorno al 6 che è sopra la media europea». In Italia pur essendo l’8,3% dei residenti, gli stranieri sono il 32% della popolazione carceraria.

«CON LO IUS SOLI NON AUMENTERANNO GLI SBARCHI»

La connessione è difficilmente stimabile, visto che ancora lo ius soli non è legge, ma la concessione della cittadinanza a chiunque nasca nel nostro Paese indipendentemente dalla cittadinanza dei genitori può costituire un ulteriore incentivo ad imbarcarsi per l’Italia. La penisola come grande sala parto per diventare cittadini Ue.

 

VIVE SPARANDO CAZZATE IMMANI & IMMONDE SOLO IN QUANTO PIACCIONO AI SINISTRATI….

CHI SI SOMIGLIA SI PIGLIA …

pd

Io tra il mediatore idiota e il piddino demente non saprei chi e’ peggio
#bastapagliacci

P.s. la castrazione e’ brutta…ma solo all’inizio…poi i bastardi ci si abituano e non fanno piu’ danni a nessuno..una volta entrato il palo, il dolore e’ solo all’inizio, poi diventi calmo e godi come un maiale! PDidiota

piu’ dem-enti di cosi’……

 

La mossa choc del governo: così potranno rubarci casa

Con le nuove norme addio sgomberi. E chi occupa può anche chiedere la residenza e allacciare luce e gas

 

SONO PAZZI DA INTERNARE !!!!

DARE FUOCO A TUTTO ……

si chiama istigazione a delinquere:

 

«Il messaggio è gravissimo: chi occupa illegalmente una casa ha una priorità nell’assegnazione di una casa popolare rispetto a chi rispetta la legge». Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’ Italia, sollecitava lo sgombero di Palazzo Curtatone da molto tempo.

Il Viminale chiede che, prima di eseguire sgomberi, si trovino «soluzioni abitative alternative» per gli occupanti. Le sembra giusto?
«È una vergogna. Questa disciplina afferma un principio gravissimo: se occupi illegalmente lo Stato ti garantisce una casa, mentre se rispetti la legge puoi continuare a dormire sotto i ponti».

Agli eritrei di Piazza Indipendenza avevano offerto villette a Rieti e altre sistemazioni in periferia, eppure hanno rifiutato.
«Chiediamo che ora vengano assegnate ad italiani indigenti. Chi occupa illegalmente non può avere una priorità nell’ assegnazione di una casa popolare rispetto a chi vive dentro al perimetro della legge».

Parliamo di numeri. Quante persone potrebbero ambire ad una casa popolare?
«Ci sono 650mila domande inevase di alloggi popolari inoltrate da famiglie a cui il Comune non può assegnare la casa anche se ne avrebbero diritto e rientrano nelle graduatorie municipali. Ci sono 4 milioni di italiani in povertà e 61 mila sfratti eseguiti ogni anno, la stragrande maggioranza per morosità».

Agli sfrattati “normali” non viene fatta nessuna controproposta, però.
«Esattamente. Se gli alloggi a disposizione vengono assegnati agli occupanti abusivi per liberare un immobile, questo vuol dire che quegli alloggi vengono sottratti a chi è in lista e ne ha diritto».

Il tema è più generale. Questi rifugiati sostengono di essere stati costretti ad occupare perché non trovavano case, servono soldi. Non è giusto che le istituzioni li accompagnino, anche finanziariamente?
«Un richiedente asilo viene sostenuto all’ arrivo e nella fase emergenziale. Se non viene riconosciuto lo status di rifugiato è clandestino e va rimpatriato, se invece si tratta di un rifugiato – come dicono essere in buona parte gli occupanti di Piazza Indipendenza – diventa un normale residente sul nostro territorio al pari di un qualunque altro straniero legalmente residente».

Quindi dovrebbe riuscire a mantenersi, giusto?
«Una volta che lo Stato ti riconosce lo status di rifugiato devi trovarti un lavoro e un alloggio come fanno tutti. Nessuno può pensare che lo Stato italiano li debba mantenere a vita, no?».

Gli ex occupanti hanno sfilato per rivendicare il diritto ad occupare case ed edifici sfitti. Esiste quel diritto?
«È una cosa che non esiste e sarebbe una grave ingiustizia nei confronti sia degli italiani sia degli stranieri regolari. Se sei un rifugiato e occupi illegalmente ne subisci le conseguenze, al pari di qualunque altro cittadino. Aspetto le denunce. Poi è emerso come funzionava all’interno del palazzo di via Curtatone: appartamenti affittati a pagamento dal racket delle occupazioni con i soliti delinquenti che si arricchiscono sull’ illegalità e sugli immigrati…».

C’erano le donne disperate, a Piazza Indipendenza. Non l’hanno colpita quelle immagini?
«È uno schema classico della malavita quello seguito dai delinquenti che hanno voluto usare bambini e donne come “scudi umani”. Per questo dico alle varie ong che si sono sbracciate dicendo che la Polizia aveva terrorizzato i bambini: sì è vero che i bambini erano terrorizzati, ma non per colpa della Polizia che faceva rispettare la legge, ma per colpa di chi li sfrutta per continuare a delinquere».

Il Pd, Laura Boldrini, la sinistra in genere hanno criticato duramente Polizia, Prefetto e Viminale.
«Noi stiamo al 100% con le Forze dell’ordine ed è vergognoso che i vertici delle Istituzioni, compreso il Capo della Polizia, non si siano schierati dalla loro parte senza tentennamenti. Quanto alla sinistra, si ricordi Capalbio».

Il mare dei radical chic?
«Loro sono sempre accoglienti a parole. Quando poi li mettono vicino a loro, i radical chic fanno le barricate. Si riempiono la bocca di “accoglienza” ma poi l’accoglienza la scaricano nelle periferie, nei quartieri poveri, su chi non può difendersi. Se ne stanno accorgendo pure i loro sindaci».

di Paolo Emilio Russo

GLI IMMIGRATI GESTIVANO IL RACKET DELLE OCCUPAZIONI NEL PALAZZO DI ROMA

GLI IMMIGRATI GESTIVANO IL RACKET DELLE OCCUPAZIONI NEL PALAZZO DI ROMA
Come mai la sinistra non parla degli affitti ben pagati che gestivano stranieri in Italia da anni nell’ormai noto edificio di Via Curtatone? Come mai questa gente rifiuta, in gran parte, soluzioni alternative?
Mi vien da ridere quando i giornalai si chiedono dove finivano i soldi.. non è difficile da capire. Una parte alla malavita organizzata il resto ai politici che lo coprono. Tra i politici metto anche chi gestisce gli immobili pubblici. Quasi dimenticavo mettono anche a riserva una parte per i giudici compiacenti nel caso in cui qualcuno chiami queste merde in giudizio.

Blog su WordPress.com.

Su ↑