Ci meritiamo l’estinzione…

Licata, il Consiglio sfiducia
il sindaco anti-abusivi
http://www.corriere.it

Angelo Cambiano è stato un Sindaco che non ha accettato compromessi.
Ha fatto demolire quasi 80 costruzioni abusive.
Con i voti decisivi degli alfanoidi e della maggioranza che lo aveva sostenuto, è stato mandavo a casa.
Una decisione vergognosa, che stimola disprezzo verso chi l’ha presa, nascosta dietro a presunte ragioni politiche.
La verità è che gli abusivi/disonesti, “armando” il Consiglio Comunale di Licata, sono riusciti a fargliela pagare.
Cambiano da tempo vive sotto scorta, gli hanno bruciato due case e lui, comunque, non si è piegato.
All’ormai ex sindaco di Licata va tutta la nostre stima!
JJ

Visto che siamo in campagna elettorale in Sicilia, i nostri honesti eroi girano per l’isola assieme al candidato Cancelleri.
Mentre escogitano mille occasioni per farsi dei selfie propagandistici trovano anche il tempo di inventarsi il concetto di “abuso edilizio di necessità”.
Visto che l’abusivismo in alcune regioni è piuttosto diffuso non conviene certo tuonare contro il fenomeno se non si vogliono perdere voti.

Honestàdestocax..o
cancelleri

e certo, uno che ha la casa abusiva è proprio il sindaco CINQUE STALLE di Bagheria

Annunci

2 pensieri su “Ci meritiamo l’estinzione…

  1. Anonimo

    nulla cambia sotto il sole !! Delinquente sei e delinquante resti !!! NESSUNO E’ MAI RIUSCITO A BONIFICARE L’ISOLA…… NON PER NULLA L’ALFANIDE DA LI’ PROVIENE…..

  2. La mafia vince sempre.Con la politica collusa e corrotta che palesemente detta le sue regole. Lo stato mafioso non appoggia le persone oneste.
    Claudia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...