puoi impunemente cagare per strada ma non giocare al pallone:

BABY CALCIATORI, MAXI-MULTA – UN GRUPPO DI BIMBI TRA I 5 E GLI 8 ANNI DEVE SCUCIRE 600 EURO PER AVER TIRATO CALCI IN UN PARCO DEL VICENTINO – ALCUNI RESIDENTI INFASTIDITI HANNO CHIAMATO LA POLIZIA CHE HA SANZIONATO I GENITORI: “HANNO PALLEGGIATO IN UNA ZONA SOTTOPOSTA A DIVIETO”

Federico Gervasoni per La Stampa.it

BAMBINI GIOCANO A CALCIOBAMBINI GIOCANO A CALCIO

Quattro bambini tra i 5 e gli 8 anni sono stati multati per 600 euro dalla polizia locale. I bambini o meglio i genitori sono stati sanzionati per aver giocato a calcio in uno dei parchi pubblici del paese, dove il pallone non è ammesso e ci sono i cartelli a ricordarlo.

È accaduto nel pomeriggio di giovedì scorso a Malo, comune di 14 mila abitanti nell’Alto Vicentino. I baby calciatori (tra cui il nipote del vicesindaco Claudio Dalla Riva) con la loro palla avevano disturbato alcuni residenti che così hanno chiesto l’intervento di una pattuglia della polizia locale per far rispettare il divieto.

Per i quattro è arrivata di conseguenza la multa record da 600 euro. Sanzione che in un primo momento ha provocato tanta rabbia in paese poiché ritenuta ingiusta ed eccessiva. Una cinquantina infatti sono i maladensi che hanno consegnato in municipio una richiesta di rivedere il regolamento.

VIGILI URBANIVIGILI URBANI

Indignazione e sconcerto anche sui Social, in particolare sul gruppo Facebook «Sei di Malo se…» dove alcuni utenti si sono scagliati contro la residente che aveva chiamato i vigili, poiché pare disturbata dalla polvere sollevata dal pallone. Alcuni invece hanno scelto di schierarsi dalla parte degli agenti, scrivendo che d’altra parte non potevano fare altrimenti. In realtà, nonostante la reazione di dissenso iniziale le proteste dei genitori sembrano essersi attutite in particolare dopo la riunione di questa mattina avvenuta insieme al primo cittadino leghista Paola Lain.

NO FOOTBALLNO FOOTBALL

«Quando si viene sanzionati per una regola non si può parlare di ingiustizia», ha detto il sindaco, puntualizzando che le regole vanno rispettate sempre. «Non era la prima volta che i bambini giocavano nel parco pur sapendo del divieto e la polizia locale ha fatto soltanto bene a intervenire», aggiunge. In realtà la delibera del divieto risale al 2009 e l’attuale giunta l’ha ereditata a partire dal suo insediamento avvenuto nel 2015. «Vogliamo studiare in ogni caso una soluzione che vada bene a tutti e per questo presto trasformeremo una piccola parte dell’area verde di via Maroncelli in campo di calcio, naturalmente recintata, in modo che chi vuole possa divertirsi con la palla senza correre il rischio di far male agli altri».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...