la perla del pirla…

Angelino Afgano ha detto: “Ho umana comprensione per Salvini, è un caso medico, non credo che potrà mai governare l’Italia”.

Angelino….io invece ho una umana INCOMPRENSIONE per te…nel senso che proprio non riesco a capire chi e cosa sei…I traditori come lui sanno già di essere arrivati al capolinea e lui in particolare spara quelle poche cartucce che gli son rimaste ,fra poco per lui solo l’Esilio.
Claudia

muti, il nemico ci ascolta…

Traduzione grillico-italiano: Silenzio, il nemico ci ascolta e se stiamo zitti e non facciamo rumore forse nessuno si accorge che a Roma è il caos più totale perché siamo incapaci…

Quello che non amo del M5S è la sua grande arroganza!!! Fino a oggi non ha combinato nulla almeno nella gestione romana! Ha sempre appoggiato Renzi alla Camera e al Senato e prende per il (!) tutti i votanti e i simpatizzanti. Non per caso c’è il comico Grillo a governarlo. Odia i giornalisti e chi lo contrasta. Vorrebbe tutti servitori? Per cui è un partito votato solo (gran demerito del centro destra) dai delusi. Delusi e molto ignoranti (che ignorano=non dispregiativo). E’ solo un mio punto di vista, poi ognuno è libero
Claudia

beppe-grillo-chiede-silenzio-stampa-su-roma

madonna boschi in tour..

Renzi dice che girerà come una trottola, la Boschi dice che in America Latina ci va per compiti istituzionali, tutti i renziani si agitano frenetici per propagandare le ragioni del sì che sono senza il minimo dubbio di una parte, visto che quella del no è ben visibile e consistente. E’ lecito chiedersi se sia normale che una parte si faccia propaganda a spese della collettività mentre la controparte, se la vuole fare, lo deve fare a spese proprie? Che cosa diavolo fa la Corte dei Conti che dovrebbe controllare la liceità delle spese soprattutto dei membri di un governo di assai dubbia legittimità? Non è questo forse un chiarissimo peculato? Non configura forse un chiarissimo danno erariale? Il Ministro Boschi dice che viaggia con sole tre persone in classe economica e che la spesa non supererebbe i 12.000 o 14.000 euro, bazzecole no? Beh ma vede il primo Ministro, vede tizio e caio, insomma è una missione istituzionale…in coincidenza con il fatto che la ci sono potenziali 4 milioncini di sì, che strano vero? E quelli ovviamente cerca di incontrarli no? Campagna elettorale a spese mie e vostre e a me secca parecchio, non so a voi…Claudia

Agenti umiliati: nascosti nel fienile per non “urtare” la Boldrini

Una volante dietro il fienile, un’auto dei carabinieri sotto un ponte. Il tutto per seguire un ordine di servizio: “non vi fate vedere dalla Presidentessa della Camera!“. Pare sia stata questa l’indicazione impartita alle donne e agli uomini della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri impegnati nel servizio di ordine pubblico lo scorso 24 settembre a Pescina (AQ) in occasione della partecipazione della Presidentessa della Camera, Laura Boldrini al meeting nazionale di Centro Democratico. A denunciare lo strano ordine di servizio è stato Fabio Lauri, Segretario Provinciale del Siulp (Sindacato unitario lavoratori di polizia) de L’Aquila con una lettera indirizzata al Questore del capoluogo abruzzese, dr. Alfonso Terribile, che Tiscali.it è in grado di pubblicare.

Il sindacalista: «costretti ad un deprimente nascondino»

È stata utilizzata «una consistente aliquota di personale in divisa e in abiti civili composta dal dirigente del servizio, 7 poliziotti, 5 carabinieri, il Settore Anticrimine del Commissariato di Avezzano e la Digos» scrive Lauri nella sua lettera ed è come un fiume in piena: «Poliziotti e Carabinieri, con relativi mezzi di trasporto, con estremo imbarazzo sono stati costretti a nascondersi nei più remoti meandri del paese (una volante dietro un fienile, la gazzella dei Carabinieri sotto un ponte, etc. etc..), con miserabile stupore dei cittadini che hanno assistito increduli al pietoso e quanto mai originale fenomeno dell’occultamento degli uomini delle ISTITUZIONI».

Per il Segretario provinciale del Siulp i suoi colleghi «sono stati costretti ad un deprimente “nascondino”» e come se non bastasse rincara la dose riportando nero su bianco che dopo la kermesse pomeridiana «Giunti al ristorante, mentre la personalità (n.d.r. Laura Boldrini) entrava assieme ad altre persone che avevano partecipato al meeting, un’ accompagnatrice del presidente della Camera dei Deputati, presumibilmente un funzionario di Polizia, “suggeriva” al Dirigente del servizio di non far avvicinare poliziotti al ristorante in quanto, tale presenza, avrebbe potuto urtare la suscettibilità; la stessa donna, secondo quanto riferito anche dai colleghi che hanno assistito alla “dispensa” di cotali “consigli”, concludeva dicendo: “Per adesso è andato tutto bene, non creiamo problemi con la nostra presenza”». «Qualcuno dei poliziotti presenti, con educazione e con quel senso dello STATO che ci contraddistingue, – ha proseguito Lauri – faceva osservare che la presenza della Polizia, semmai, poteva soltanto nobilitare tale contesto e non certo creare problemi o imbarazzo, soprattutto non poteva crearne alla terza carica di questo stesso STATO!».

Nel proseguire la sua lettera il sindacalista del Siulp ha ricordato al Questore che «La dignità umana e professionale del poliziotto è frutto di lunghi e travagliati anni di sacrifici pagati a caro prezzo da coloro che ci hanno preceduto, in termini di libertà personale, di vita e di carriera», e che l’attuale Presidente della Camera dei Deputati «risulta beneficiare della “scorta più imponente d’Europaal prezzo, per il cittadino, di un milione e centomila euro l’anno» che vanta una consistenza numerica prossima «all’intero organico di un Commissariato come quello di Avezzano».

Lauri ha quindi concluso la sua nota avvertendo il Questore che «in concomitanza di future visite “istituzionali” della Presidente della Camera dei Deputati, valuterà di promuovere una manifestazione volta ad evidenziare la professionalità, il decoro, il prestigio ed il valore aggiunto che la POLIZIA di STATO, assieme alle altre forze dell’ordine, attribuisce ogni giorno alla nostra ITALIA.».

Il silenzio del vertice del Siulp e l’attacco del Coisp.

Sulla vicenda il Segretario Generale del Siulp, Felice Romano, contattato nel tardo pomeriggio di ieri non ha rilasciato alcuna dichiarazione mentre sempre ieri è intervenuto sulla vicenda Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp (Coordinamento per l’Indipendenza Sindacale delle Forze di Polizia) che a Tiscali ha voluto ricordare come già nel 2014 aveva avuto modo di affermare che «Nel corso del mandato di Presidente della Camera l’Onorevole Laura Boldrini non ha mai brillato per manifestazioni di vicinanza alle Forze dell’Ordine e anzi, in più di un’occasione, ha mostrato segni tangibili di insofferenza verso gli uomini e le donne in divisa, esprimendo con la Sua ieratica afflizione, spiacevoli esternazioni e valutazioni discutibili». Maccari ha poi precisato che «fatti analoghi a quelli di cui si parla oggi, erano accaduti a Palermo» già lo scorso 12 settembre in occasione della visita della presidentessa della Camera Laura Boldrini, arrivata a sorpresa al porto mentre erano in corso le operazioni di assistenza ai 450 migranti salvati nelle acque del Canale di Sicilia.

«Ma le occasioni in cui l’On.le Boldrini ha “brillato” come pochi altri nel bistrattare le Forze dell’Ordine – ha chiosato il Segretario del Coisp – non mancano: dalla “scorta sul web” dopo le foto ritoccate apparse su Facebook, alla scorta fisica, imponente più di quella di un Capo di Stato: 27 elementi.». Maccari si è detto anche dispiaciuto che «il rappresentante del Siulp de L’Aquila sarà lasciato solo in questa denuncia dai suoi vertici nazionali, allineati a coperti alla politica governativa al punto da dichiararsi favorevoli alla legalizzazione delle droghe pochi giorni fa» e, affermando che «lo Stato non può venire rappresentato degnamente dinanzi ai cittadini, da chi ne disprezza in modo tanto palese e snob quanto la Presidentessa Boldrini i rappresentanti più riconosciuti dalla gente: le Forze di Polizia e di Sicurezza.» ha poi concluso in modo deciso «Non attendiamoci delle scuse…. speriamo nelle prossime elezioni».

Luca Marco Comellini – – TISCALI

Piuttosto che nasconderli non sarebbe meglio lasciarli alle loro competenze tanto chi la vuole la Boldrini ? lasciatela sola così conoscerà l’amore degli italiani nei suoi confronti. Un tuffo nella realtà non le farebbe male visto che finora è vissuta su Marte…Ma un minimo di orgoglio è rimasto in questi ragazzi che fanno la scorta? Ma perché questo calpestare la dignità altrui ? E, se per puro caso, dovesse arrivare qualche”carezza” a costei e non fosse possibile prevenirla ? Verrebbero accusati di essersi”imboscati”?
Claudia

ma ci rendiamo conto si??????

“Quel nigeriano è un rifugiato perché ha ucciso un uomo”

La sentenza del tribunale di Venezia fa discutere: l’uomo rischia la pena di morte in Nigeria e per questo gli è stato concesso l’asilo
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/nigeriano-rifugiato-perch-ha-ucciso-uomo-1312044.html

Ma vi rendete conto? NO DICO, MA VI RENDETE CONTO?
Diamo lo status di rifugiato ad un nigeriano PERCHE’ E’ UN ASSASSINO!!!!!!!! Della serie “Ma si, dai, uccidete pure, anzi fatelo per venire in Italia così siete sicuri non solo di rimanere impuniti, ma anche di avere la garanzia di essere mantenuti”
Ora siamo anche COMPLICI DI ASSASSINI!E l’estradizione?Dice:ma li lo condannano a morte!APPUNTO!

Claudiaincazzattissimissima !

non ci fate mangiare con le olimpiadi ?

e noi iniziamo il ponte sullo stretto !

solo a parlarne ,s’intende, ma con consulenze, appalti, distribuzione di crocchette a tutti gli amici di merende….piu’ dura…PIU’ SI MANGIA !!!

ndr: quanto mi piacerebbe che qualche sinistrato mentale che passasse da qs parti per caso mi spiegasse a) com’è che la stessa cosa prima faceva schifo ed ora è stupenda. b) dove pensano di trovare i soldi  ..

 

16___16___11_villaggio_kurima_04_big

 

togliere il tappo oppure rimorchiarla in Libia…. quello si’ un affare !

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑