finalmente la sedia !!!

praticamente è mstata con tutti !!!

1454157724596.jpg--

QUESTA HA CAMBIATO 7 PARTITI

PRIMA D’ARRIVARE ALLA SEDIA !!!

praticamente è stata con tutti !!!

 

 

Qualcuno (Fatto compreso) la chiama maliziosamente “Dorina sette partiti”, alludendo al suo passato politico vorticoso. Di sicuro c’è che Dorina Bianchi, 50 anni, caschetto biondo, forme sinuose ed ex esponente del tramontato “Branco rosa”, è il nome della settimana. Oggi è con Angelino Alfano e proprio in quota Ncd si è guadagnata la chiamata al governo come sottosegretario ai Beni culturali. Prima, però, è stata nel Ccd, nell’Udc, nella Margherita (insieme a Matteo Renzi) e nel Pd, con cui nel 2008 fu eletta alla Camera (area teo-dem, di Fioroni). Poi lo strappo (molto passeggero): di nuovo con Casini, poi nel Pdl con Silvio Berlusconi, e infine, appunto, con Alfano. (…)

Annunci

12661815_1682820558639509_6884059191836562094_n

ed ecco a voi….

la cazzata del mese:

 

Renzi: “L’Ue rischia il crollo, ha bisogno dell’Italia”

Il premier a Ventotene per una visita a uno dei luoghi simbolo del progetto europeo. «Basta trascinarsi in polemiche da cortile che fanno crescere il populismo»

sicuri che stia bene ?

12417627_768536459945609_8957449296702523780_n

 

IL SOGNO DI CUI SOPRA E’ SOLO DI POCHI DEM E BASTA….

ESSERE PAGATI PER “NON” LAVORARE E’ UNA FOLLIA SOCIALE ED UMANA….

DOMANDINA: “CHI PAGA?”

LEI RINUNCIANDO AI SUOI 27 OMETTI DI SCORTA ?

OPPURE I SOLITI COGLIONI CHE LAVORANO ?

COM’E’ TRISTEE E DEPRIMENTE SENTIRE PARLARE A VANVERA…..

i “buoni” :

Scola: “Inserire una festa islamica nella dimensione pubblica”

Il cardinale Scola: “Non si deve togliere il presepio ma semmai prendere una loro festa e inserirla nella dimensione pubblica”

 

 

come hanno fatto loro con gli “infedeli” ?

non capire , o non “voler” capire le differenze significa suicidarsi culturalmente e spesso fisicamente…

l’ho detto che la chiesa cattolica è allo sbando !

 

il pesc puzza sempre dalla testa:

Bergoglione I ha detto che lui nelle polemiche del family day non vuole entrare, sono i vescovi che devono fare da tramite col beopopolo …

cosi’ ognuno dice la sua, ognuno pontifica, ognuno parla e straparla… persino un bondi qualsiasi starnazza….

il marasma nei cattolici è totale, gigantesco, direi immondo…

il concetto che “ognuno si comporti secondo la sua coscienza” sdoganato da bergoglione I ha ottenuto l’effetto desiderato: il casino piu’ totale !

Ci sono personaggi che si dichiarano “cattolici” comportandosi esattamente al contrario delle regole della casa….. ma omnia licet ormai….

è nel caos che i furbastri dilagano !!

 

spaventosi marasmi mentali:

t

Da cristiano ho la speranza che il Parlamento licenzi questo disegno di legge che renderà l’Italia un paese più civile”. La conversione di Sandro Bondi è totale. Da alfiere del berlusconismo a cantore del Pd, “unico partito liberale rimasto in Italia” e critico con il “conservatorismo clericale” che blocca il Paese. L’ex coordinatore del Pdl, passato coi verdiniani, annuncia così al Senato il suo sì convinto al ddl Cirinnà sulle unioni civili e i diritti ai gay. “Il disegno divino, se c’è, non va iscritto nelle leggi ma nella nostra coscienza e nei nostri comportamenti personali”, spiega Bondi, tornato forse alla vecchia fede comunista: “La famiglia è cambiata e la vita reale è molto più ricca e positiva delle ideologie. Forse – aggiunge – se anche i sacerdoti potessero sposarsi, comprenderebbero meglio che cos’è una famiglia, nel bene e nel male”. “L’importante di una famiglia è la civiltà dei rapporti che legano due persone e il loro rapporto con i figli”. Poi il colpo finale alla Chiesa: “La Chiesa, nonostante le aperture di
papa Francesco, rimane ancora attardata su posizioni che non si conciliano con la coscienza moderna” e avverte che “un conservatorismo clericale che pesa anche sulla nascita e l’esistenza in Italia di una destra liberale”.

LIBERO

PERSONALMENTE LIBERO DI DIRE LE CAZZATE CHE VUOI MA…

NON SEI CRISTIANO,

NON SEI LEGITTIMO

SEI LI’ SOLO PERCHE’ COME GIUDA HAI TRADITO ELETTORI E TUO PARTITO !  

LA CIVILTA’ E’ RISPETTO DELLE LEGGI, DEL PROSSIMO , DEGLI ELETTORI MA

TU NON PUOI CERTO CAPIRE….

TI MANCA…..

 

dove finisce la rapina del canone:

Tutti i cachet dei programmi tv. Giornalisti e politici: quanto guadagnano

Tutti i cachet dei programmi tv. Giornalisti e politici: quanto guadagnano

Programma tv che vai, gettone che trovi. Uno dei tormentoni del telespettatore medio è interrogarsi su se e quanto siano pagati gli ospiti nello studio del programma che si sta guardando. A svelare qualche retroscena ci ha pensato un articolo del quotidiano La Notizia che ha preso in esame i cachet pagati per le ospitate in diverse trasmissioni televisive, soprattutto talk show e programmi di infotainment sportivo. Un giro di “rimborsi” e cachet che riguarda personaggi dello spettacolo e anche qualche giornalista e politico, anche se per la maggior parte partecipano ai programmi gratuitamente.

I più ricchi – A pagare meglio di tutti la presenza in tv è Mediaset, che per esempio ha sborsato 20mila euro per ogni partecipazione di ClaudioAmendola al Grande Fratello o 5mila per avere VladimirLuxuria. Un po’ meno quotati AlbaParietti e l’opinionista GiampieroMughini, habitueé anche di Tiki Taka, che incassano tra i 1500 e i 2000 euro a presenza. Sulle stesse cifre viaggiano altri ospiti frequenti nel programma di Pierluigi Pardo, vedi MelissaSatta e GiuseppeCruciani. Proprio il conduttore della Zanzara potrebbe presto veder aumentare le sue quotazioni se dovesse accettare l’avventura a Ballando con le stelle. Cifre più contenute a Mattino 5, dove si oscilla tra le 500 e le 2000 euro.

I più poveri – Le ospitate in Rai sono un affare meno succulento per chi frequenta gli studi della tv pubblica. Al Processo del lunedì la più pagata sarebbe stata MaraMaionchi, il cui compenso però non è noto. Ma non se la passa male neanche l’onnisciente AndreaScanzi del Fatto quotidiano, che per ogni apparizione ha intasca tra le 1000 e le 1500 euro. Non sempre però viale Mazzini riconosce un gettone di presenza, quando c’è di norma non va oltre le 500 euro, fatta eccezione per chi si presta a fare il giudice in programmi come Ballando o Tale e Quale: per personaggi come Zazzaroni, Lippi, Goggi e Proietti i cachet salgono.

Visibilità – I più sfortunati sono gli ospiti dei programmi di La7, con le dovute eccezioni. Chi viene chiamato per partecipare alle levatacce di Omnibus, o a Coffe Break, oppure l’Aria che tira, il compenso sarà solo un ricco pacco di visibilità. Solo per qualcuno viene previsto il rimborso del taxi. Certo non tutti sono così bistrattati. A coccolare i suoi ospiti ci pensa per esempio LilliGruber che mantiene un giro fisso di ospiti sin dall’inizio della stagione, vedi Damilano, Cacciari, Travaglio e il solito onnisciente Scanzi. Con loro concorda un pagamento forfettario con tanto di contratto.

LIBERO

 

UNA DIARREA ACUTA FISCHIANTE

A TUTTI !!!

qui la libertà è stata soppressa:

L’islam è una ideologia incompatibile con la libertà”

A Milano la convention dei partiti euroscettici. Salvini: “Renzi e Merkel complici dei terroristi”. Wilders attacca l’islam e loda la Fallaci: “È una delle giornaliste più coraggiose”

 

ergo l’islam puo’ diffondersi

allegramente !!