per riflettere:

   

Così un padre ha ridotto il pedofilo sorpreso mentre molestava il figlio

Quando si è accorto che stava molestando il figlio, lo ha massacrato di botte. Poi ha chiamato la polizia per denunciarlo. Gli agenti non lo hanno incriminato: “Ha agito come qualsiasi padre”

Rachele Nenzi – Sab, 04/04/2015 – 16:50

 Quando lo ha sorpreso addosso al figlio, non ci ha più visto e lo ha massacrato di botte fino a fargli perdere conoscenza.
 1428158234-botte

Dopo essersi calmato ha chiamato la polizia per denunciare il pedofilo. Una volta arrivati sul posto gli agenti non solo non lo hanno incriminato per lesioni, ma hanno anche condiviso la reazione del genitore: “Ha agito come qualsiasi padre.

Lo scorso luglio, in Florida l’uomo, che era dda poco tornato a casa, aveva beccato un amico di famiglia, il 18enne Raymond Frolander, mentre stava abusando sessalmente del figlio 12enne. Il padre del piccolo, trasportato dall’ira, ha pestato selvaggiamente Frolander finché questo non ha perso i sensi. Subito dopo ha chiamato il 911 per chiedere aiuto alle forze dell’ordine. Agli agenti, che hanno ritrovato il pedofilo steso nel suo stesso sangue e privo di conoscenza, l’uomo ha spiegato: “Ho fatto quello che avevo il diritto di fare, tranne ucciderlo”.

La polizia di Daytona Beach non ha voluto perseguire il padre del piccolo. “Ha agito come un padre”, hanno spiegato gli agenti dopo aver chiuso le indagini. Il bambino ha, infatti, raccontato agli investigatori che, approfittando della fiducia della famiglia, Frolander lo violentava da quattro anni. Il 18enne è stato condannato a 25 anni di carcere per abusi sessuali e la sua foto gonfio di botte è stata pubblicata da tutti i giornali come monito per tutti i pedofili.

 
 

RAPIDO, EFFICACE, DURATURO…

IL MONITO PATERNO !

PECCATO CHE INVECE IN ITALIA

CI SIANO TANTI IDIOTI CHE SOLLEVINO

POLVERONI A FAVORE DEI POVERI “PEDOFILI”

CHE INVECE ANDREBBERO “CURATI” NEL MODO DI CUI SOPRA !!

 

2 risposte a "per riflettere:"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: