QUESTI NON SONO DEGNI DI VIVERE..NON POSSONO VIVERE !

Allatta: torturata dalla brigata islamica femminile

CON LO STRUMENTO DI TORTURA CHIAMATO ‘MORSO’

Al Khansaa vigili

La polizia religiosa tutta al femminile di ISIS, la temuta brigata Al Khansa, che include anche immigrate nate o vissute in Europa, ha sadicamente torturato una donna con uno strumento di tortura chiamato ‘morso’ – perché allattava al seno il suo bambino in pubblico.

 

La brigata femminile islamica utilizza uno strumento di tortura raccapricciante chiamato ‘morso’ per imporre la  Sharia sulle donne nella capitale Raqqa.

Il dispositivo gigante è costituito da due ganasce di ferro ricoperte di chiodi che sono serrate attorno al petto della vittima provocando dolore immenso.

I residenti della città dicono che la Al Khansa ha torturato la donna dopo aver scoperto che allattava il suo bambino alla stazione degli autobus della città siriana.

La brigata ha commesso circa 120 assassinii negli ultimi tre mesi.

Una ragazza di 24 anni è stata arrestata perché aveva abiti considerati ‘trasparenti’: “Sono stata al mercato quando il battaglione Khansa è venuto e mi ha arrestata per il fatto che il niqab che indossavo non soddisfaceva le richieste della Sharia.

Mi hanno arrestata e scortata alla camera di tortura. Poi mi hanno chiesto di scegliere tra la frusta e il morso. Non sapevo quello che un calunniatore era e ho pensato che è una riduzione della pena, ho paura di frustate, così ho scelto il calunniatore.

“Poi hanno portato un oggetto appuntito che aveva un sacco di denti e mi teneva, l’immissione sul mio petto e premendo con forza. Ho gridato dal dolore. Più tardi mi hanno portato in ospedale.

Dungeon siriano
VIEW GALLERY
“Ho sentito allora che la mia femminilità era stato distrutto completamente. Non ero l’unico che è stato torturato con questo strumento, ci sono stati un sacco di donne là e la loro situazione era tragica. ”

Un uomo ha anche detto Movimento di Resistenza sito ‘Raqqa viene macellato Silenziosamente’, che è stato frustato per il fumo, ora vietato da leggi IS.

Sami, 25, ha rivelato: “Mi hanno arrestato con l’accusa di fumare e mi hanno portato al loro quartier generale e poi mi ha messo nella camera di tortura.

“Il pavimento della sala era piena di sangue e poi mi hanno frustato 40 volte e mi ha buttato in una cella. C’erano un sacco di detenuti, quando ho guardato li ho visti la morte nei loro occhi e la loro situazione era pietoso.

“Durante le tre notti che ho trascorso presso la sede, ho sentito le urla di donne e uomini che SI stavano torturando. Per sentire le urla della gente della mia città, quando sono stati torturati per mano di stranieri è una tortura di un altro tipo, che ha distrutto la mia dignità “.

VOXNEWS

3 risposte a "QUESTI NON SONO DEGNI DI VIVERE..NON POSSONO VIVERE !"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: