TELEKABUL, IL CANONE E GLI AMICI DI MERENDE :

Il Consiglio di Stato assolve Fazio e Annunziata: “Non hanno violato la par condicio”

Fabio Fazio potrà violare la par condicio e invitare solo esponenti del Pd. A rivelarlo è una sentenza del Consiglio di Stato che respinge le richieste di sanzioni da parte di Renato Brunetta a carico del conduttore dello show di Rai Tre. Secondo il capogruppo di Forza Italia tra settembre 2012 e maggio 2013, Fabio Fazio ha fatto vedere le facce di un solo partito, o quasi: il Pd. E lo stesso vizietto avrebbe avuto In ½ ora di Lucia Annunziata. Brunetta aveva vinto il ricorso davanti al Garante per le Comunicazioni (l’AgCom) che nel 2013 ha ordinato alla Rai di ospitare esponenti del centrodestra in entrambi i programmi. Il riequilibrio – dicono le delibere 476 e 477 – sarebbe dovuto avvenire con la nuova stagione tv entro un massimo di sei mesi.
Ma la televisione di Stato – difesa dagli avvocati Saverio Sticchi Damiani e Salvatore Lo Giudice – ricorre alla giustizia amministrativa dove ha vinto si davanti al Tar che davanti al Consiglio di Stato. Secondo i giudici, contare i secondi assegnati a un politico o a un partito non ha senso perché il dato aritmetico non è sempre significativo.

La sentenza – Il giornalista, come racconta Repubblica, può anche invitare parlamentari tutti di un colore e rispettare la par condicio sul piano formale. Ma “pesanti critiche, osservazioni sarcastiche e domande scomode avrebbero comunque l’effetto di peggiorare la percezione di questi politici da parte dell’opinione pubblica”. La par condicio, nella sostanza, sarebbe violata. Ma a quanto pare conta più dei minuti la modalità di conduzione. Il Consiglio di Stato afferma che il pluralismo di un editore (come la Rai) non si può giudicare da una sola trasmissione (soprattutto quando questa è un misto di comicità e informazione, come Che tempo che fa). Non bisogna “isolare atomisticamente singoli programmi”, ma “guardare semmai al complesso dell’offerta del servizio pubblico”. Insomma con questa sentenza di fatto la Rai rossa avrà gioco facile nel piazzare poltroncine nel salotto di Fazio con le etichette “riservato a parlamentari Pd”.LIBERO

SENTENZA ZELIGHIANA O GESUITICA A SCELTA…

PECCATO CHE IL CANONE LO PAGHINO TUTTI !!!! 

W LA DEFUNTA DEMOCRAZIA…..

4 risposte a "TELEKABUL, IL CANONE E GLI AMICI DI MERENDE :"

Add yours

  1. Basta usare opportunamente il telecomando per mandare a ……….. certa gente. Tanto, volenti o nolenti sempre con soldi nostri li pagano, cioè di chi paga il canone

  2. Colpa anche di quelli che guardano quei programmi… Se facessero zero audience avremmo risolto il problema, invece il paese pullula di decerebrati, peccato paghiamo tutti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: