il fondo ? non ancora toccato :

L’Ordine dei giornalisti censura anche le parole: vietato dire clandestino

Anche se la Treccani indica come significato del termine proprio quello (“colui che entra in un paese illegalmente”) al posto di quel sostantivo denigratorio vanno usati vocaboli più rispettosi, come “migrante irregolare”, “richiedente asilo”, “rifugiato”…

 

Chi entra clandestinamente in Italia non va chiamato clandestino, potrebbe restarci male. Anche se la Treccani indica come significato del termine proprio quello («colui che entra in un paese illegalmente») vanno preferiti, al posto di quel sostantivo denigratorio, vocaboli più rispettosi, come «migrante irregolare», o «richiedente asilo», «rifugiato», «beneficiario di protezione umanitaria», «vittima della tratta», «migrante», o nel caso «migrante irregolare», tutti più adeguati. 

Non clandestini, ma diversamente regolari. Un clandestino viene fermato dalla polizia con pistola e proiettili (fatto di cronaca successo giovedì ad Ancona)? Non è corretto titolare «Clandestino arrestato», ma va invece scritto «migrante irregolare» oppure «richiedente asilo fermato con pistola e proiettili». «Un extracomunitario scippa la borsetta con 700 euro a signora di 70 anni» (successo l’altro giorno a Reggio Emilia)? È preferibile non scrivere così, meglio «Un migrante scippa la borsetta», o anche «Un beneficiario di protezione umanitaria scippa una settantenne». Anche l’immigrazione ha il suo vocabolario certificato ed eticamente approvato, in questo caso dall’organo che vigila (solo in Italia e pochi altri paesi al mondo) sul comportamento e sulle opinioni dei giornalisti, l’Ordine dei giornalisti. Da qualche anno l’Ordine, in sinergia con l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (quello che aveva Laura Boldrini come sua portavoce), ha stabilito un «Protocollo deontologico concernente richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti», con allegato un glossario delle parole da usare e una spiegazione su quelle da non usare più perché razziste. Regole che, se violate, possono costare un procedimento disciplinare per un giornalista, un processino che può concludersi anche con la sospensione, o in casi estremi con la radiazione. Insomma c’è poco da scherzare per chi di mestiere scrive.

Con quel protocollo l’Ordine, e il sindacato dei giornalisti Fnsi, si impegnano a «promuovere periodicamente seminari di studio sulla rappresentazione di richiedenti asilo, rifugiati, vittime di tratta e migranti nell’informazione, sia stampata che radiofonica e televisiva», a «monitorare» l’informazione quando parla di migranti, a premiare gli articoli più migrantemente corretti. Ma non solo, spiega come bisogna scrivere. «Lo stesso termine “extracomunitario” può non essere appropriato – si legge nella circolare dell’Odg -, chiediamoci, ad esempio, per quale motivo non viene mai utilizzato negli episodi di cronaca che riguardano statunitensi o australiani o canadesi (che pure sono extracomunitari), ma sempre quando i protagonisti delle cronache sono di provenienza africana. Devono essere evitate espressioni che hanno valenza dispregiativa come ad esempio “Vu’ cumprà”. Anche il termine “clandestino” può avere valenza negativa e ingenerare allarme sociale, risultando perciò improprio: molti dei migranti fuggono da guerre e rivoluzioni e, più che clandestini, sono richiedenti asilo per motivi umanitari o di sicurezza».

Non ci vuole molto per finire sotto procedimento. Due colleghi dell’Unione sarda sono stati sanzionati dall’Ordine per un articolo sull’assegnazione di case a famiglie rom da parte del Comune di Cagliari nel 2012. Dopo un esposto dell’«Associazione sarda contro l’Emarginazione» l’Ordine ha aperto il procedimento e concluso che era stata violato il protocollo deontologico su migranti e minoranze: censura e avvertimento. L’Ordine invita proprio a non usare il termine «zingaro», perchè è «stigmatizzante» e discrimina i nomadi. Anzi, nemmeno «nomadi» va usato, perché si riferisce a popolazione che spesso non sono più nomadi, ma stanziali, e finisce con il ghettizzarli linguisticamente. Rom? Nemmeno, l’Ordine lo sconsiglia vivamente, a meno che non si conosca con precisione il loro ceppo, perché potrebbero essere Sinti, oppure Camminanti, e non Rom. E allora, un accampamento di zingari come si può chiamare? Ci si può recare lì e chiedere se si tratti di Rom o piuttosto di Sinti o Camminanti, e annotare la risposta del capo della baraccopoli. Oppure optare per «Romanì», con l’accento sulla «i» finale. Sempre che non si dia adito a confusione con «Romeni», perché non c’entrano e poi si finisce col discriminare loro. In alternativa, nell’imbarazzo, si può restituire il tesserino dell’Ordine.

 

SIAMO ALL’IDIOZIA PURISSIMA !!!

QUALCOSA CHE NEPPURE UBRIACHI E FATTI CI SI POTREBBE SOGNARE…..

LA MANIPOLAZIONE DELLA LINGUA ITALIANA A FINI SINISTRI !

IL ROM NON E’ PIU’ ROM….. CHE E’ ? UN LADRO PROFESSIONISTA PROTETTO ?

IL CLANDESTINO E’ UN DIVERSAMENTE MIGRANTE…..

QUESTI SONO INVECE VERAMENTE DEMENTI !!!

Annunci

5 risposte a "il fondo ? non ancora toccato :"

Add yours

  1. OK e’ vietato chiamarli clandestini benissimo,allora al posto di clandestini la parola giusta e’ terroristi ladri e assassini perciò vanno rimandati indietro come persone non gradite in Italia…va bene cosi?? #

  2. Recentemente mi è capitato due volte in due giorni di avere a che fare con due energumeni senza documenti che pretendevano farmaci e cure (a spese nostre ovviamente). Premesso che non ho nessun dovere di curare gente irregolare o espulsa dal paese, a meno che non stiano morendo dissanguati, mi sono rifiutata, la condizione essenziale è che esibiscano un documento, e mi pare di chiedere il minimo sindacale. La collega cattocomunista mi ha guardata male, ma alla fine poteva farlo lei no? E no, devono farlo gli altri… assumendosi i rischi sanitari e legali di fare manovre sanitarie su persone non identificabili. Così se mi contagiano con qualche malattia, non essendo identificabili e non avendo una dimora sono irrintracciabili. Comodo fare i froci col culo altrui! La cosa realistica è che si, li ho mandati via in quanto sono clandestini e si sono offesi ed incazzati, dicendo che non era giusto chiamarli cosi. Allora forse chiamarli abusivi va meglio? Ma del resto da un governo che lui stesso nasce abusivo non ci si poteva aspettare nient’altro che difenda i suoi simili….

  3. è una caratteristica peculiare dei sinistrati quella di: “armiamoci e partite” ! Hanno frantumato non solo gli specchi….. al primo anonimo commento (mica tanto…) direi che NON ci sono terroristi, ladri ecc.ecc. l’ha detto Donna Prassede & amici di merende ..azz. ne vuoi sapere piu’ di lei ??????

  4. ma fatemi il piacere!!! non si dice cieco ma ipovedente…non si dice disabile ma diversamente abile, non si dice scopino ma operatore ecologico…ma per favore se uno e’ clandestino e’ clandestino e basta! non lo si puo’ certo chiamare diversamente residente….profugo lo si dice a chi ha chiesto lo status di profugo e constatato che ne ha diritto glielo si da….. quindi ,quelli che entrano clandestinamente in un qualsiasi Paese si chiamano CLANDESTINI e PUNTO! Rossella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: